Sport ed eSports: i videogame competitivi ai Commonwealth Games

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Il rapporto tra sport tradizionali ed elettronici, cioè gli eSports, si è molto rafforzato negli ultimi anni.

Un contributo decisivo in questo senso è arrivato nel periodo di lockdown pandemico, durante il quale la maggior parte degli sport sono andati in stand-by. Lo stop improvviso e la mancanza di gare hanno spostato l’attenzione verso i videogame e il loro settore competitivo che ha potuto svolgersi regolarmente grazie a Internet.

Dal 2020 in poi gli eSports hanno registrato un vero e proprio boom di attenzione mediatica e di nuovi appassionati. Tra questi ci sono moltissimi campioni dello sport che hanno deciso non solo di cimentarsi con joypad e monitor, ma soprattutto di investire nelle organizzazioni esportive. L’elenco è ormai molto lungo e comprende professionisti del calcio (sono la maggior parte degli investitori), dell’automobilismo, del tennis, del golf, della pallavolo, del basket e anche di tanti altri sport considerati “minori”.

L’ex campione di calcio David Beckham è stato uno dei primi a credere negli eSports (credits ESPN)

Nel 2021 è stato aggiunto un altro tassello al percorso di avvicinamento tra sport ed eSport con l’organizzazione delle Olympic Virtual Series. La kermesse ha fatto da apripista ai Giochi Olimpici veri e propri, disputati a Tokyo.

Per quanto ridotte in termini di durata e di eventi (solo 5), le olimpiadi esportive del 2021 sono state un punto di svolta. Il CIO sta infatti considerando di riproporle, in forma più ampia ma sempre dimostrativa, anche a Parigi nel 2024. Nei progetti del comitato organizzatore, lo step successivo potrebbe essere quello di un’edizione con medagliere per gli eSports a Los Angeles nel 2028.

Il percorso è ancora lungo e le difficoltà non sono poche, a cominciare dal necessario accordo con i publisher dei giochi. Ma intanto è molto probabile che fra due anni a Parigi gli eSports ci saranno, almeno stando alle promesse fatte in campagna elettore da Emanuel Macron.

Il neoletto Presidente ha dichiarato: “… non dimentico gli eSports, un’altra area di eccellenza francese con squadre come Team Vitality o Karmine Corp. Abbiamo, a questo proposito, un’opportunità storica: quella dei Giochi Olimpici del 2024. Sta a noi approfittarne per creare il collegamento tra le Olimpiadi dei due mondi ospitando i più grandi eventi sportivi del mondo quell’anno: un CS:GO Major, Worlds per League of Legends e The International di Dota 2. Se i francesi si fidano di me, ci lavoreremo non appena sarò eletto. Questa è anche l’influenza della Francia“. (credits everyeye.it)

Staremo a vedere. Nel frattempo gli eSports hanno fatto la loro apparizione in un’altra kermesse sportiva di alto prestigio: quella dei Commonwealth Games disputati a Birmingham dal 28 luglio all’8 agosto di quest’anno.

Il presidente francese Emmanuel Macron (credits Benjamin Girette/Bloomberg via Getty Images)

La versione olimpica per Paesi dell’ex-dominion britannico ha infatti incluso 3 competizioni di eSports in doppia versione, una Open e una riservata alle sole giocatrici. Per quanto riguarda i titoli, gli organizzatori hanno scelto Rocket League, eFootball e Dota 2.

I “Games” esportivi hanno preso il via con le fasi di qualificazione che si sono svolte a Nottingham. Più di 100 esporters qualificati, in rappresentanza di 12 Paesi, si sono poi sfidati a Birmingham tra il 6 e il 7 di agosto: solo per la gloria di una medaglia olimpica, niente denaro in palio.

Alla fine, la Malaysia ha primeggiato nel medagliere grazie a tre primi posti: doppietta con Dota 2 e terzo oro nell’eFootball Open. La più “medagliata” è stata però l’Inghilterra che ha totalizzato 1 oro, 3 argenti e 1 bronzo. Questo è il quadro dei risultati:

E questo invece è il medagliere finale dei Commonwealth Games 2022:

La competizione ha raccolto molti consensi. Anche per questo motivo, l’organizzazione punta a rendere gli eSports una presenza fissa nei Giochi del Commonwealth a partire dall’edizione 2026.

Vale la pena ricordare che il modello di una serie di eventi esportivi collegati ad una kermesse di sport tradizionali è stato sperimentato per la prima volta ai Southeast Asian Games nel 2019. Nel maggio di quest’anno la stessa operazione è avvenuta agli Asian Games, dove ci sono stati 10 tornei di eSports.

A nostro avviso, il collegamento tra sport tradizionali ed eSports è un processo virtuoso, perché crea un interscambio di audience che giova ad entrambi.

L’importante è avvicinare senza integrare, perché le differenze tra sport ed eSports ci sono e vanno mantenute.

Commonwealth Games 2022 (credits bbc.co.uk)

Foto e fonte di riferimento: bbc.co.uk

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email