» La LIga

Liga Spagnola: storia, regolamenti e record

La Liga Spagnola 2021/2022 che vede l’Atletico Madrid campione in carica inizia il 14 Agosto 2021 e termina il 22 Maggio 2022. 

Il regolamento della classifica per il campionato spagnolo prevede le seguenti regole in caso di arrivo a pari punti.

  • Punti negli scontri diretti;
  • Differenza reti totale;
  • Reti realizzate.
ULTIME NOTIZIE

La Liga Spagnola, il cui nome ufficiale è Campeonato Nacional de Liga de Primera División, è la massima serie calcistica spagnola, che si propone al vertice del sistema del calcio professionistico iberico ed è gestita dall’organismo denominato “Liga de Fútbol Profesional” (LFP). 

La storia della Liga Spagnola

La Liga spagnola nasce nel 1927 per volontà di Josè Marà Ancha, presidente dell’Arenas Club de Guecho. Dopo un anno di questioni burocratiche, nella stagione 1928-1929 prende il via ufficialmente il primo campionato spagnolo, col Barcellona che conquista il primo titolo.

In quella prima edizione, le squadre partecipanti sono 10, che si scontrano in un girone all’italiana con partite di andata e ritorno. Tra esse, oltre ai catalani, anche il Real e l’Atletico Madrid,  il Bilbao e la Real Sociedad.

Dopo la Guerra Mondiale, la Liga si amplia a 14 squadre, per arrivare a 16 nel 1950. Gli anni ‘50, per il calcio spagnolo, sono un crocevia fondamentale, dal momento che in quell’epoca inizia una rivalità in auge ancora oggi: quella tra Real Madrid e Barcellona.

Dopo i due successi dell’Atletico del 1950 e 1951, Merengues e Blaugrana, infatti, si alternano in testa al campionato praticamente da allora ad oggi, con rarissimi inserimenti da parte delle altre contendenti.

Durante gli anni sessanta, peraltro, i Blancos dominano con una serie di otto titoli in dieci anni; dominio che sostanzialmente continua anche negli anni ‘70 (eccezion fatta per due titoli dell’Atletico e uno del Barcellona, grazie all’arrivo della leggenda Johan Cruijff). 

Nel 1971-72 la Liga passa ad ospitare 18 squadre, ma a parte rarissimi inserimenti al vertice negli anni successivi di Atletico Madrid, Real Sociedad e Athletic Bilbao, sono sempre Real e Barcellona a monopolizzare la liga.

Con gli anni ‘80 ancora contesi da Real Madrid e Barcellona, arriva negli anni ‘90 il periodo di maggior splendore per i catalani: con Cruijff in panchina, infatti, una nuova idea di calcio basata sui giovani della “cantera” porta il Barcellona a vincere sei titoli in nove anni. 

Negli anni duemila, il dualismo si ripropone fortemente (salvo qualche sporadica sorpresa, come il Valencia per due volte, il Deportivo in una occasione e l’Atletico Madrid negli ultimi anni), con una prevalenza negli ultimi anni per il Barcellona, che grazie a Guardiola e a Messi ha visto arrivare in Catalogna fior di titoli.

Il regolamento della Liga Spagnola

La Liga Spagnola, oggi, si svolge con un torneo di 20 squadre che si scontrano in un girone all’italiana con gare di andata e ritorno, e la squadra che conquista più punti in classifica (come in Italia, sono 3 i punti per la vittoria, 1 per il pareggio e 0 per la sconfitta) vince il titolo di Campione della Liga e Campione di Spagna.

La squadra campione ottiene il diritto di accedere alla UEFA Champions League, così come la seconda, la terza e la quarta in classifica. 

La quinta classificata, invece, accede alla UEFA Europa League; con lei, in Europa League, accede la vincitrice della Coppa del Re. La sesta classificata, guadagna l’accesso alla nuova UEFA Conference League.

Infine, le ultime tre classificate sono retrocesse nella serie inferiore, la Segunda Division.

Le statistiche sulla Liga Spagnola

È il Real Madrid la squadra più vincente della Liga Spagnola: i Blancos, infatti, hanno conquistato dal 1929 ad oggi la bellezza di 34 titoli, ultimo dei quali nel 2019-2020.

Segue, nella classifica della formazioni più vincenti della Liga, il Barcellona, con 26 affermazioni nella sua storia, ultima tra queste nel 2018-2019.

Sul terzo gradino del podio, l’Atletico Madrid, con 11 titoli, l’ultimo arrivato proprio nel 2020-2021. 

È molto difficile, come abbiamo visto, che qualche squadra riesca ad inserirsi tra le vincitrici, escludendo le tre sopracitate: ci sono riuscite solo l’Athetic Bilbao (8 titoli), Valencia (6), Real Sociedad (2), Deportivo, Siviglia e Betis (1).

Considerando che le edizioni della Liga Spagnola sono state 90, vi sono soltanto tre formazioni ad aver partecipato a tutte le edizioni senza mai retrocedere nella serie inferiore: Real Madrid, Barcellona e Athletic Bilbao. Il Valencia ha disputato 86 volte la Liga, mentre l’Atletico Madrid 84.

Il Real Madrid ha raggiunto un’enormità di record nella Liga: solo per citarne alcuni, è dei Blancos il maggior numero di vittorie complessive (1590) nelle 90 edizioni, così come il maggior numero di gol segnati in una stagione: 121, nel 2011-2012.

Il Real è la squadra che ha vinto il maggior numero di campionati consecutivamente, 5 (in due occasioni: dal 60-61 al 64-65 e dal 85-86 al 89-90. Real Madrid che conserva, in coabitazione col Barcellona, il record di maggior numero di vittorie in una stagione (32 su 38 partite, nel 2011-2012, pareggiato dal Barcellona nella stagione successiva). 

Le due compagini dividono anche il record relativo al maggior punteggio conseguito nella Liga: sono 100, infatti, i punti portati a casa nel 2011-2012 dal Real, pareggiati dal Barcellona nella stagione successiva.

È del Barcellona, invece, il record di partite consecutive senza sconfitta, stabilito dall’aprile 2017 al maggio 2018, con 43 uscite utili di fila.

A livello di giocatori, va senza dubbio menzionato Zubizarreta, leggendario portiere capace di segnare 622 presenze nella Liga (record di presenza), seguito dall’ex viola Joaquin a quota 569 (ma ancora in attività) e da Raul, fermo a 550.

È Lionel Messi il top scorer di ogni tempo, con 474 marcature, seguito da Cristiano Ronaldo con 311. Terzo marcatore di tutti i tempi è Telmo Zarra, fermo a 251. Messi che, come è facile intuire, è anche il giocatore che più volte ha vinto il titolo di Pichichi, ovvero di capocannoniere della Liga nella singola stagione, conquistato in 8 occasioni. Dopo di lui, Telmo con 6 e il trittico Hugo Sanchez, Di Stefano e Quini a 5.

Il giocatore in attività con più gol all’attivo nella storia della Liga è Karim Benzema, bomber del Real Madrid, al decimo posto dei top-scorer di tutti i tempi in Spagna.

L’allenatore di maggiore esperienza nella Liga è Luis Aragones, con ben 757 panchine. Dietro di lui si colloca Manuel Munoz, con 601, seguito a sua volta da Irureta con 553.