Meteore del poker: Alexander Stevic

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Essere il primo ad ottenere un grande risultato di solito significa essere ricordato. Nel poker, però, se non rimani in scena, se non continui a giocare, se non sei visibile live oppure online diventi una figura di passaggio. Una meteora.

Ad esempio, chi si ricorda di Alexander Stevic? Pochi probabilmente. Eppure lo svedese è stato il primo vincitore di un Main Event EPT.

L’anno è il 2004 e quello che diventerà nel tempo il principale tour europeo prende il via da Barcellona. Partecipano 229 giocatori, che pagano un buy-in di 1.000 euro, e nove di questi il 18 settembre si siedono al final table.

Non ci sono volti particolarmente noti, anche perché in Europa i tornei live sono ancora una nicchia. Gli unici con un curriculum torneistico di rilievo sono due inglesi, John Kabbaj e Garry Bush, che chiuderanno rispettivamente al 7° e al 5° posto. Al 4° posto si ferma il polacco Adam Robak, eliminato proprio da Stevic. Restano lo svedese, David O’Callaghan e Luca Pagano che vanno a giocarsi le tre posizioni del podio.

L’italiano è il primo ad arrendersi: apre O’Callaghan con A♦4♦ e Pagano gli va sopra con tutte le chips e A♥J♥ in mano. L’irlandese chiama e al flop pesca subito il 4♠. La coppia resiste fino alla fine e l’heads-up è servito.

Nella prima sfida per il titolo EPT, Alexander Stevic parte avanti circa 4:1, ma David O’Callaghan non ha nessuna intenzione di arrendersi.

Quella sfida è durata tanto. Più volte l’ho messo ai resti con la mano migliore, ma è sempre riuscito a salvarsi. Sono stato molto sfortunata in quell’heads-up”, racconta Stevic in un’intervista rilasciata a PokerNews qualche anno fa. “Non voglio dire che ero più forte di lui, semplicemente sono stato penalizzato dalle carte. Mi sono salvato perché avevo più chips e alla fine sono riuscito a vincere il primo EPT.

L’ultima mano è praticamente un cooler. Stevic rilancia con K♠Q♣, l’irlandese chiama con Q♠J♣. Il flop porta 5♣Q♥2♥: all-in, call e il resto del board Q♦10♠ consegna la prima picca della storia ad Alexander Stevic.

Un emozionato Alexander Stevic (centro) si congratula con David O’Calalghan, appena battuto in heads-up (EPT Barcellona 2004, credits RIHL)

Stevic si aggiudica una prima moneta da 98.000 euro e un anno dopo è di nuovo al final table di un EPT. Questa volta è il Gran Final di Montecarlo dove chiuderà terzo dietro all’americano Brandon Schaefer e al vincitore, l’olandese Rob Hollink. Arrivano altri 178mila euro e soprattutto la sensazione che il poker live abbia trovato un nuovo grande campione.

E invece la stella di Alexander Stevic si spegne improvvisamente. Nei successivi 4 anni va a premio solo 5 volte, per un totale di poco superiore ai 20.000 euro. Poi sparisce. Perché e soprattutto per fare cosa?

In realtà ho continuato a giocare, ma ho cambiato modalità. Non riuscivo più ad ottenere risultati con i tornei e così sono passato al cash game. Ho giocato pochissimi tornei per un bel po’“.

In effetti lo svedese riappare nel 2011 e piazza due itm per altri 30mila euro. Altri tre arrivano tra il 2012 e il 2013 (35mila euro) e poi di nuovo lo stop.

Il poker si è evoluto molto nel corso degli anni. I giocatori sono più forti, la maggior parte di quelli competitivi è migliore di me” spiega lo svedese a PokerNews. “Ne sono consapevole e mi devo adattare. Ma quando non ti senti forte abbastanza, ti devi fermare.

Alexander Stevic in una foto recente (credits Poker Red)

E tuttavia la voglia di partecipare ai tornei non gli è passata, anche perché il mondo del poker di oggi, per quanto diverso da quello dei suoi “glory days”, gli piace.

E’ molto più grande. Molto, molto di più e questa è una cosa positiva. Anche più complesso e competitivo, ma adesso è tutto legalizzato. Mi piace salire su un set televisivo!

Non sappiamo quante volte sia apparso in tv table, ma in ogni caso Alexander Stevic è tornato a marcare il tabellino (di Hendonmob.com) altre 5 volte dal 2015 ad oggi, quasi tutte nella “sua” Barcellona, la città gli ha regalato le luci della ribalta.

Forse avrei preferito vincere più soldi in tutti questi anni (attualmente i suoi incassi torneistici arrivano a $480k, ndr)… però essere stato il primo campione dell’EPT è qualcosa di speciale. Oggi l’elenco dei giocatori che hanno vinto un torneo del tour sono tanti e la gente non li ricorda tutti. Ma il primo… probabilmente non si ricordano nemmeno di quello! (ride, ndr). Però il mio nome è là, è il primo della lista e questo mi dà ancora una sensazione straordinaria.

Una sensazione che probabilmente è il motivo per il quale non si è mai allontanato dai tornei di poker.

La mia passione per il poker è tornata. Ultimamente ho giocato soprattutto per i soldi, ma adesso voglio di nuovo la gloria. Voglio tornare ad essere una star. Per ora sono un ‘nessuno’, una figura anonima e questo è un vantaggio nel cash game, ma la verità è che desidero di nuovo i tornei.

Immagine di testa: Alexander Stevic (credits PokerNews)

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email