Take-Two nei guai per le loot box di NBA 2K

Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Dopo la terza edizione del FIBA Esports Open, ovvero il campionato europeo di e-basket, l’attenzione su NBA 2K è andata un po’ scemando nel nostro continente.

Al momento non sappiamo quando si tornerà a parlare di competizioni internazionali. La speranza è che la federazione riproponga presto il formato del torneo che nella prima edizione ha visto il trionfo dell’Etalbasket (questo il nome della nazionale italiana di pallacanestro virtuale).

A questo proposito, però, non giovano le notizie che arrivano dagli Stati Uniti.

Secondo quanto riportato da Bloomberg (via GamesIndustry.biz) il publisher del gioco, Take-Two, sarebbe inguaiato dalle loot box in maniera analoga a quanto è accaduto a Electronic Arts con FIFA.

Credits Take-Two

In effetti, anche in NBA 2K è possibile acquistare gli upgrade randomici per il gioco, esattamente come nella versione Ultimate Team di FIFA (FUT).

Anche l’accusa è la stessa: gioco d’azzardo non autorizzato e attività dannosa per i minori.

L’azione legale è partita dal tutore di un minorenne americano come class action. Il primo round si è svolto alle corte del Winnebago Country Circuit a gennaio, per poi passare al quella dell’Illinois Northern District un mese dopo.

Secondo il querelante, le loot box hanno un impatto nefasto sui più giovani: li “allontanano psicologicamente” dalle conseguenze finanziarie che ricadono poi sull’intera famiglia, visto che gli acquisti vengono fatti per lo più utilizzando la carta di credito di un genitore.

I minori sono soggetti particolarmente facile da ammaliare; non hanno infatti una percezione netta della differenza tra acquisti virtuali, per lo più non rimborsabili, e denaro reale.

Questo il punto fondamentale della parte lesa che alla fine ha chiesto almeno $5 milioni al publisher per compensare i danni dovuti a “pratiche sleali, ingannevoli e illegali dell’imputato, comprese le pratiche di gioco illegale, che fuorviano e danneggiano i consumatori“. (fonte traduzione eurogamer.it)

Al momento non si hanno notizie di una risposta da parte di Take-Two.

Immagine di testa: screenshot NBA 2K

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email