internazionali d'italia sinner

Internazionali d’Italia: Sinner avanza, oggi riflettori su Djoko, Zverev e sulla sfida Nadal-Shapovalov

Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Continua il Masters 1000 di Roma, che ieri ha visto per i colori azzurri la giornata più calda in assoluto. Nella sfida fratricida tra Sinner e Fognini, infatti, ieri al Foro Italico ha avuto la meglio il giovane altoatesino, che si è imposto 6-2 3-6 6-3 sul più esperto sanremese.

Bene anche Nadal, che si è sbarazzato di Isner 6-3 6-1. A sorpresa, cadute da parte di Norrie (battuto da Cilic 5-7 6-2 6-1) e Schwartzman (6-1 7-6 da Giron).

Nel terzo turno, Sinner trova Krajinovic (giustiziere l’altro giorno di Rublev). Oggi, però, occhio anche a Djokovic contro Wawrinka, Zverev contro De Minaur ma soprattutto la sfida tra Nadal (numero 3 del tabellone) contro Shapovalov (numero 13) per quella che sembra essere una delle prime sfide di cartello di questa manifestazione.

Per Djokovic un nemico di lungo corso

Djokovic e Wawrinka si troveranno per la 27ª volta in partite ufficiali, col serbo che finora comanda 19-6. Ma il ricordo di Roma è dolce per il numero 1: Djokovic ha infatti vinto il suo primo titolo agli Internazionali d’Italia, nel 2008, dopo aver sconfitto proprio Stanislas Wawrinka in finale, 46 63 63. Quella è stata una delle sue cinque finali vinte nella capitale, a fronte di undici giocate.

Djokovic ha giocato tre tornei sulla terra battuta finora in questa stagione, e il suo miglior risultato è stato
raggiungere la finale di Belgrado (persa contro Andrey Rublev).

Questo è il terzo torneo di Stanislas Wawrinka in questa stagione e il primo in cui supera il Primo Round – ha infatti giocato un Challenger a Marbella (perso contro Elias Ymer) e il Monte-Carlo Masters (perso contro Alessandro Bublik). Wawrinka che in passato ha vinto le due finali del Grande Slam giocate contro Novak Djokovic: al Roland Garros (2015) e agli US Open (2016).

Zverev, ostacolo De Minaur

Questo sarà il settimo incontro tra Alex de Minaur e Alexander Zverev e il tedesco guida il testa a testa 5-1. L’ultima volta che hanno giocato è stato l’anno scorso, a Vienna, e Alexander Zverev ha vinto 6-2 3-6 6-2.

Buona tradizione a Roma per il tedesco, che ha disputato due finali consecutive agli Internazionali d’Italia: nel 2017 ha vinto il titolo sconfiggendo Novak Djokovic, ma non ha potuto difenderlo nel 2018, perdendo contro Rafael Nadal.

Alex de Minaur arriva dalla vittoria delle prime due partite del tabellone principale agli Internazionali d’Italia; era uscito al primo turno in tre precedenti apparizioni (2019, 2020 e 2021).
Il miglior risultato di Alex de Minaur finora in questa stagione è stato sulla terra battuta, raggiungendo le semifinali di Barcellona (perse contro Carlos Alcaraz).

Nadal, attesa per la sfida con Shapovalov

Senza dubbio il match di giornata. Rafael Nadal, giocatore con più vittorie agli Internazionali d’Italia, 69, sfida Denis Shapovalov nella sesta sfida ufficiale tra i due. Al momento, Nadal conduce 4-1 il testa a testa contro e lo spagnolo ha vinto l’ultima partita,
ai quarti di finale dell’Australian Open di quest’anno, 63 64 46 36 63.

Nadal che, lo sappiamo, ha vinto dieci titoli agli Internazionali d’Italia – 2005, 2006, 2007, 2009, 2010, 2012, 2013, 2018,
2019 e 2021. Le finali disputate dal maiorchino a Roma sono state invece 12.

Il miglior risultato di Denis Shapovalov agli Internazionali d’Italia è stato raggiungere le semifinali nel 2020 (persa contro
Diego Schwartzman).

Il canadese è 1-1 contro i primi dieci giocatori nel 2022: ha sconfitto il #3 Alexander Zverev e ha perso contro il #5 Rafael Nadal all’Australian Open di quest’anno.

Sinner, attenzione a Krajinovic

Dopo la vittoria di nervi contro Fognini, per Sinner il cliente è Krajinovic. Questa sarà la seconda partita tra i due, con il nostro che ha vinto l’unico precedente, alle semifinali di Sofia 2021, 63 75.

La migliore prestazione di Jannik Sinner al tabellone principale di Internazionali d’Italia è stata nel 2020, quando ha raggiunto il
Terzo round (perso contro Grigor Dimitrov). Vincendo, quindi, potrebbe migliorare questo record. Sinner che peraltro è l’unico giocatore italiano rimasto nel tabellone maschile – l’ultimo giocatore italiano maschio a vincere gli Internazionali d’Italia in singolare è stato Adriano Panatta, nel 1976.

Filip Krajinovic è 3-3 sulla terra battuta in questa stagione. Il suo miglior risultato nel 2022 è stato raggiungere le semifinali a Montpellier, sul cemento (perdendo contro Alessandro Bublik).

Donne: spicca Swiatek – Azarenka

Lato femminile, le uniche uscite clamorose nel secondo turno sono da attribuire alla Muguruza (testa di serie numero 8) che è stata inaspettatamente eliminata dalla Putintseva 36 76 61 e alla Pliskova (numero 6) fuori con la Teichmann 62 46 64. Per il resto, tutte le favorite hanno rispettato il pronostico.

Swiatek, primo test importante

Iga Swiatek, di giorno in giorno, migliora i suoi record. Ad oggi è la prima giocatrice a vincere più di 24 partite consecutive dall’epoca di Serena Williams nel 2015 (tra le Finali WTA 2014 e Madrid 2015). E’ anche l’unica con più di 70 break point convertiti finora in tornei WTA 1000 questa stagione (attualmente 103).

Swiatek che ha vinto l’ultimo incontro contro Victoria Azarenka (Adelaide 2022) ma ha perso il primo allo US Open 2020.

Victoria Azarenka ha vinto tre dei suoi 15 precedenti incontri contro la giocatrice numero 1 in classifica, l’ultima
la volta che ha vinto contro un avversario del genere è stata nel 2016 alla finale di Indian Wells contro Serena Williams.

Quattro dei cinque precedenti incontri contro il giocatore numero 1 in classifica sui campi in terra battutasi è concluso al terzo set – l’unica eccezione è stata la finale di Roma nel 2013 contro Serena Williams (6-1 6-3).

Sabalenka-Pegula

Questo sarà il quarto incontro tra Aryna Sabalenka e Jessica Pegula. L’americana ha vinto il primo (Cincinnati 2020) ma Sabalenka ha vinto le due successive (Roland Garros 2020 e Madrid 2021).

Aryna Sabalenka ha commesso 188 doppi falli in questa stagione, più di qualsiasi altra giocatrice. Sabalenka ha fatto
8,9 doppi falli in media finora nel 2022, mentre la sua avversaria Jessica Pegula ne ha 3,3 a partita questo
anno.

Solo Iga Swiatek (30) ha vinto più vittorie WTA 1000 nelle ultime due stagioni di Jessica Pegula (29). La stessa Pegula è la giocatrice con il maggior numero di break point salvati finora nel 2022 (134)

Badosa, pericolo russo

Paula Badosa ha vinto l’unico precedente incontro contro Daria Kasatkina a Sydney in questa stagione.
La numero due del tabellone ha vinto 22 set di apertura in questa stagione, solo Iga Swiatek (28) ne ha di più nel WTA Tour 2022; e sempre lei è la giocatrice con più tie-break vinti nel 2022 (otto).

Daria Kasatkina è la giocatrice con il maggior numero di partite perse nel 2022 contro un avversario tra i primi 10; tuttavia, ha vinto le due precedenti partite sulla terra battuta contro una delle prime 3 avversarie nel ranking (Madrid 2018 contro Garbine Muguruza e Roland Garros 2018 contro Caroline Wozniacki).

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email