Richard Seymour & friends: la NFL che gioca a poker

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Per la serie “i campioni dello sport che amano il poker”, qualche settimana fa avevamo lasciato in sospeso i rappresentanti del football americano. La ragione è semplice: i pro della NFL che hanno dimostrato una forte passione per il poker sono abbastanza numerosi ed è necessario trattarli in separata sede.

Ecco quindi un elenco dei “colossi” della palla ovale, divisi in base al ruolo ricoperto sul campo da football americano.

Iniziamo dal ruolo forse più noto, quello che di solito corrisponde al leader, o comunque alla mente della squadra: il quarterback. Per quanto la capacità strategica sia una skill fondamentale per un buon quarterback, non sono tanti i professionisti di questo ruolo che si sono messi in mostra nel poker americano. Di recente l’ex stella dei Patriots Tom Brady, 6 volte campione NFL con la squadra del New England ora in forze ai Tampa Bay Buccaneers nonché Hall of famer NFL, ha preso parte ad un evento pokeristico di beneficienza insieme ad alcune star di Hollywood. Lo stesso hanno fatto in passato anche Charlie Batch e Jim McMahon, il QB protagonista della storica vittoria dei Chicago Bears nel Super Bowl del 1985. Il più assiduo al tavolo, però, sembra essere il quarterback dei Green Bay Packers Aaron Rodgers il quale, quando non è impegnano a passare la palla ai compagni di squadra, si impegna a sfilare loro le chip in sessioni di home games o tornei di poker.

Più nutrito è il settore dei running back con la passione per il Texas Hold’em. Al top della lista c’è Emmitt Smith, tre volte campione NFL con i Dallas Cowboys. Il recordman di yard corse (18.355) ha al suo attivo un paio di ITM ufficiali in tornei minori e alcune partecipazioni in eventi di prestigio, quali il Celebrity Invitational Charity Tournament, dove è riuscito ad eliminare nientemeno che Phil Ivey, il National Heads-Up Poker Championship, dove ha battuto David Williams per poi arrendersi al 2° turno davanti al pro Andrew Robl, e infine al Main Event WSOP del 2010, dal quale è stato eliminato a causa di uno sfortunato set over set (10 vs J). Emmitt Smith è stato più volte testimonial di Full Tilt Poker, come si può vedere nel video della sfida in HU contro Andrew Robl:

Altri “velocisti” NFL che non disdegnano le carte sono l’ex Buffalo BillsSeattle Seahawks Fred Jackson, il quale ha più volte preso parte ad eventi del Mid-States Poker Tour, e Herschel Walker, ex Dallas Cowboy and Minnesota Viking che si è affacciato sul mondo del poker in alcuni eventi charity.

Tra i wide receiver – gli specialisti nella ricezione dei lanci lunghi effettuati dai QB – che dedicano un po’ del loro tempo libero al poker, c’è sicuramente Sammy Watkins. Attualmente in forza ai Kansas City Chiefs, Watkins è stato più volte visto immerso in sessioni di gioco all’Harrah’s Cherokee Casino in North Carolina. Miles Austin (Dallas Cowboys, Cleveland Browns e Philadelphia Eagles), un altro ottimo wide receiver, è anche un regular di partite di poker. Il suo risultato migliore è un Day3 al WPT World Championship nel 2014.

Shannon Shape è invece un tight end – giocatore laterale della linea d’attacco – con alle spalle una carriera impressionante soprattutto nei Denver Broncos: tre volte vincitore di un Super Bowl, Shape ha corso 10.060 yards e messo a segno 62 touchdown. Nel 2011 è entrato nella Hall of Fame dei giocatori pro di football ed è stato per anni commentatore (di quelli da trash talking) per CBS.  Non altrettanto significativi sono stati finora i suoi risultati con le carte: il più importanti di tutti è, forse, la sponsorizzazione da parte di AbsolutePoker per il Main Event WSOP del 2005.

Diamo adesso uno sguardo ai giocatori difensivi. Tra questi c’è Antoine Winfield, ex-cornerback di Buffalo BillsMinnesota Vikings. Accanto ad un record di 27 intercetti in carriera, Winfield vanta anche un mini-cash nel WSOP $1.500 No Limit Hold’em Event del 2016. Il giocatore texano ha preso parte anche ad un ME WSOP e ogni volta che può si dedica al gioco, una passione ereditata dalla famiglia: “E’ divertente e lo adoro. Amo la competizione e incontrare gli altri giocatori. Sono sempre stato uno competitivo, e nel poker non è diverso. Qui devi affrontare un field enorme di avversari, è difficile farcela ma è molto divertente”, ha dichiarato a Casino City Times nel 2016.

Richard Seymour è invece di gran lunga il più forte nel poker tra i giocatori di football. La carriera nella NFL del famoso defensive end è legata soprattutto ai New England Patriots, con i quali ha vinto tre Super Bowl. 7 volte eletto Pro Bowler, ha realizzato 57 sack, i placcaggi del QB, un’azione difficile ma decisiva per la difesa. Guardando al lato poker, Richard Seymour ha vinto fino ad oggi $643.401 con 23 piazzamenti a premio, un primato assoluto tra i giocatori di football, mentre è secondo nella speciale classifica degli sportivi, superato solo dal calciatore Gerard Pique (670mila). Il suo risultato più importante è arrivato nel 2018, grazie a un 3° posto nell’High Roller da 25k di buy-in alla PokerStars Caribbean Adventure, per un payout di 376.360 dollari. Spiccioli per uno come lui, ma arrivati dopo una run con la quale si è lasciato alle spalle pro del calibro di Justin Bonomo, Igor Kurganov, Mikita Bodyakovsky, Stefan Schillhabel, Felipe Ramos e Daniel Negranu.

Ecco una testimonianza della sua performance al Main Event WSOP del 2019, chiuso con un eccellente 131° posto da $59.295.

Completa la nostra rassegna Alais Campbell, defensive end per Jacksonville Jaguar e Arizona Cardinal. Ottimo placcatore di QB (60 sack) come Seymour, non può però competere con l’ex New England Patriots quando si tratta di poker. Oltre ad aver organizzato un evento di beneficienza, Campbell ha solo 3.000 dollari vinti al tavolo nel suo curriculum di pokerista, ma la passione per le carte è forte, come lui stesso ha dichiarato pubblicamente, ammettendo che uno dei suoi obiettivi è vincere un braccialetto WSOP. Ci ha provato con il Main Event del 2016: non gli è andata bene, ma siamo certi che lo vedremo ancora “in action” nelle pokeroom degli Stati Uniti.

 

Foto di testa: Richard Seymour (by PokerNews)

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli consigliati

Nessun articolo Consigliato