Josef Gulas Jr. vince il ME WSOPE, Alessandro Pichierri regala all’Italia il 12° titolo live!

Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Da qualche ora le WSOPE 2021 sono in archivio. Dopo 20 giorni di tornei si è conclusa a Rozvadov (Rep. Ceca) la kermesse europea delle World Series Of Poker.

E’ stata un’edizione molto attesa che non ha tradito le aspettative. A due anni di distanza dall’ultima edizione giocata dal vivo, le WSOPE 2021 hanno dimostrato che il poker è ancora vivo e vegeto: 9.250 buy-in pagati, 15 su 15 montepremi garantiti superati, il Main Event più affollato di sempre con 688 entry, 95 in più rispetto a Cannes 2011 (593).

Proprio il ME ha tenuto banco negli ultimi 5 giorni di competizione. Nel nostro precedente resoconto avevamo lasciato il torneo più importante alla fine del Day3, con un italiano ancora in gara.

Purtroppo Fausto Tantillo non è riuscito a superare il penultimo scoglio, quello dei last 32. Il palermitano ha prima tentato un bluff ai danni di Johan Guilbert, il quale però ha chiamato con un set di 8 centrato al turn. Rimasto short, Tantillo ha pushato l’ultimo milione con A♥Q♠ ma ha trovato il call ancora di Guilbert, in vantaggio con Q♣Q♦. Il board liscio ha decreto l’eliminazione dell’ultima speranza azzurra al 27° posto per €35.709 di premio. Niente final table quindi per Tantillo, un azzurro di grandi speranze che si merita comunque un good game!

Al final table sono invece approdati 9 giocatori, ridotti a 7 al termine del Day4 dopo le eliminazioni dell’olandese Brian Kamphorst (9° – €97.260) e del macedone residente a Malta Ilija Savevski (8° – €125.052).

Questa la griglia di partenza allo start di ieri:

SEATPLAYERCOUNTRYCHIP COUNTBIG BLINDS
1Josef Gulas JrCzech Republic20.200.000101
2Athanasios KidasGreece6.025.00030
3Thomas DenieNetherlands5.500.00028
4Stanislav KolenoSlovakia3.400.00017
5Alexander TkatschewGermany17.375.00087
6Aleksandar TrajkovskiMacedonia3.250.00016
7Johan GuilbertFrance13.025.00065

Dopo quasi 10 ore di gioco il final table è arrivato all’epilogo. L’heads-up conclusivo ha messo di fronte il ceco Josef Gulas Jr e il francese Johan Guilbert.

Il giocatore di casa inizia con un buon vantaggio in chips che conserva fino all’ultima mano: Gulas va all-in diretto con A♦8♠ e Guilbert chiama con 2♣2♥. Il board J♦K♠3♥7♦ tiene accesa la speranza di Guilbert fino al turn. A spegnerla ci pensa il river che porta un clamoroso 8♥.

Josef Gulas Jr vince il ME WSOPE 2021 per €1.276.712 e regala alla Repubblica Ceca l’ottavo braccialetto con il brand World Series Of Poker inciso.

Questo è il payout dei final 7:

  1. Josef Gulas Jr Czech Republic €1.276.712
  2. Johan Guilbert France €789.031
  3. Alexander Tkatschew Germany €558.505
  4. Athanasios Kidas Greece €401.344
  5. Stanislav Koleno Slovakia €292.862
  6. Aleksandar Trajkovski Macedonia €217.854
  7. Thomas Denie Netherlands €163.434
Josef Gulas Jr (credits PokerNews)

Nonostante il traguardo mancato, anche l’Italia del poker ha ricevuto il proprio regalo, molto prezioso. Il giorno prima del final table del ME, Alessandro Pichierri si è imposto nel The Closer, il 15mo e ultimo evento della kermesse di Rozvadov.

Il torneo ha attirato una forse inaspettata attenzione: pur avendo un buy-in da 3mila euro, ci sono stati ben 227 ingressi. “Deneb93” (nickname online di Pichierri), si è lasciato dietro tutti, compresi i numerosi italiani che hanno centrato la zona ITM: Giovanni Petroni (35°), Andrea Radicchi (32°), Massimiliano Zanasi (19°) e Matteo Calzoni (12°), quest’ultimo già terzo nel Colossus.

Al final table, oltre a Pichierri, si è seduto anche Claudio di Giacomo, una situazione che ha fatto sperare in un magico heads-up tutto azzurro. Non è andata così, perché Di Giacomo è stato eliminato in 4a posizione. A quel punto è salito in cattedra Pichierri che ha condotto un ottimo torneo e, al momento giusto, ha trovato anche un pizzico di buona sorte.

A tre left, si è sbarazzato del tedesco Manuel Fischer: all-in preflop con l’italiano che parte sotto AJ vs AQ. Il flop però cambia tutto regalando A-J-4. Il resto del board è ininfluente e manda Pichierri all’HU per il braccialetto con un vantaggio in chips di 5:1.

E infatti il testa-a-testa dura poco: all-in dell’azzurro con 9♠10♣ che il tedesco Timo Kamphues chiama con A♦5♦. Il board scorre tutto a favore di Alessandro Pichierri: K♠9♥5♠6♥J♠.

Il braccialetto è suo, insieme a 91mila euro di premio. E l’Italia festeggia il 12° titolo WSOP live.

  1. Alessandro Pichierri Italy 148.008€ 
  2. Timo Kamphues Germany 91.468€
  3. Manuel Fischer Germany  62.534€
  4. Claudio Di Giacomo Italy  43.876€
  5. Romain Locquet France  31.616€
  6. Thomer Pidun Germany 23.414€
  7. Milos Petakovic Serbia 17.834€
  8. Anil Ataoglu Germany 13.983€
  9. Georgios Tsouloftas Cyprus 11.295€

Foto di testa: Alessandro Picchierri (credits PokerNews)

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email