EPT Open Sochi da record. Ora tocca a Praga!

Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

In tempi di pandemia non ancora archiviata, un record di presenze a un torneo di poker vale doppio.

Il riferimento è all’EPT Open di Sochi edizione 2021 il quale, nonostante si tratti di una manifestazione a carattere “regionale”, ha registrato numeri importanti. I migliori da quando il tour ha inserito la tappa russa nel proprio percorso (2018).

Il festival si è svolto dal 2 all’11 ottobre nell’ormai consueta cornice del Casino Sochi (Russia). 30 i tornei andati in scena, tre di Omaha, il resto in modalità Texas Hold’em. I principali per importanza e dimensioni del buy-in sono stati l’High Roller (5-6/10) e il Main Event (7-11/10).

Il primo ha registrato 195 entries a fronte di un buy-in da 257.600 rubli, l’equivalente più o meno di 3.100 euro. Alla fine si è imposto il bielorusso Vadim Lipovka per circa 120mila euro, davanti all’azero Agharazi Babayev, ripagato con poco meno di 82.000 euro. Terzo posto per il giocatore più titolato del final table: il russo Viktor Ustimov ($1.147.722 vinti in carriera), già secondo nell’EPT National di Sochi nel 2018.

Presente al final table anche un giocatore “non ex-URSS”: il francese Francois Najjar, 4° per €46.000 ca.

Viktor Ustimov (credits The Rational Group)

Se l’High Roller è stato un successo in termini di partecipazione, quello del Main Event è stato invece un vero e proprio record di presenze. 739 i giocatori unici e 471 le seconde registrazioni. In tutto 1.210 buy-in da RUB 133.000 (€1.600) l’uno, per un montepremi complessivo di 146.531.000 rubli, pari a 1.764.838 del conio europeo.

Nessuna edizione aveva mai fatto meglio. Nel 2018 il Main Event aveva registrato 649 entries, nel 2019 l’EPT Open non era stato disputato, mentre nel 2020 i buy-in pagati erano stati  879. Insomma, una crescita costante di circa il 33% ad edizione.

Veniamo alla cronaca. Il torneo si è sviluppato nell’arco di 4 giornate: 3 flight iniziali (Day1), Day2, Day3 e final table. A quest’ultimo traguardo sono arrivati 10 giocatori, con questo chipcount:

Henri Toussaint, Germania – 6,305,000 
Ivan Vasilev, Russia – 5,500,000 
Konstantin Faerber, Germany – 4,420,000 
Vyacheslav Balaev, Russia – 4,375,000 
Evgeniy Starinkov, Russia – 3,820,000 
Sergey Onoprienko, Russia – 3,340,000 
Konstantin Maslak, Russia – 2,915,000 
Evgeniy Katymaev, Russia – 2,390,000 
Oleg Bogdanov, Russia – 1,900,000 
Anton Mamaev, Russia – 1,150,000

8 players russi, a confermare la percentuale di giocatori di casa presenti nel field (88%, 24 in tutto le nazioni rappresentate), un francese e un tedesco. Le eliminazione di Onoprienko e di Faerber hanno permesso la composizione del tavolo finale ufficiale a 8.

Da quel momento in avanti la partita è stata molto combattuta e lunga. Al punto tale che, dopo i primi tre out (Maslak, Katymaev e Balaev), i restanti 5 giocatori hanno optato per un deal su base ICM. La scelta ha velocizzato la gara che si è concluso circa alle 21:00 ora locale.

Alla fine è risultato vincitore il 26enne russo Evgeniy Starinkov, al suo sesto ITM ma di gran lunga il più importante delle sua ancora giovane carriera: RUB 16.029.300 (€192,844). Starinkov ha scoperto il poker in tv quando aveva 14 anni, gioca da solo 4, ed è seguito dalla madre nel suo percorso di poker player.

Il vincitore dell’EPT Open Sochi 2021, Evgeniy Starinkov, insieme alla mamma

Al secondo posto si è fermato il tedesco Toussaint, mentre il “bronzo” è andato al russo Mamaev. Questo il payout dei final 8:

1st – Evgeniy Starinkov, Russia, ₽16,029,300 (€192,844) 
2nd – Henri Toussaint, Russia, ₽16,450,000 (€197,905) 
3rd – Anton Mamaev, Russia, ₽9,100,000 (€109,480) 
4th – Ivan Vasilev, Russia, ₽12,950,000 (€155,798) 
5th – Oleg Bogdanov, Russia, ₽10,500,000 (€126,323) 
6th – Vyacheslav Balaev, Russia, ₽4,482,450 (€53,926) 
7th – Evgeniy Katymaev, Russia, ₽3,416,700 (€41,105) 
8th – Konstantin Maslak, Russia, ₽2,434,600 (€29,290)

Con l’EPT di Sochi in archivio, le previsioni per un nuovo appuntamento targato European Poker Tour erano in direzione del nuovo anno.

E invece è arrivata la sorpresa: l’organizzazione del tour ha infatti annunciato il ritorno del tanto amato (soprattutto dai giocatori italiani) EPT di Praga per la fine del 2021. Si giocherà dall’8 al 19 Dicembre al King’s Casino della capitale, con 59 eventi tra i quali il classico Main Event da €5.300 di buy-in. Tutte le informazioni sulla manifestazione sono disponibili qui.

Per quanto riguarda il ritorno a Sochi, il prossimo EPT è già in programma dal 18 al 27 marzo 2022.

Foto di testa credits Manuel Kovsca (Rational Intellectual Holding)

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email