Donovan Dzavoronok Itas Trentino

Volley, Trento inizia con il piede giusto

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Dopo i successi di Civitanova e Perugia anche la corsa in 2023 CEV Champions League della Trentino Itas ha avuto inizio con un successo. Confermando la tradizione favorevole con le squadre provenienti dal Belgio, alla BLM Group Arena i gialloblù hanno infatti avuto ragione senza particolari problemi del Decospan VT Menen nel match che segnava l’inizio del percorso europeo stagionale dei Vice Campioni d’Europa. Dopo il 3-0 a casa di Monza in campionato ne è arrivato un altro: 25-16, 25-17, 25-12 il punteggio dei parziali di un incontro di fatto mai in discussione.

Angelo Lorenzetti applica un turnover ragionato per la prima partita internazionale della stagione: lo fa inserendo nello starting six Sbertoli al palleggio, Nelli opposto, Džavoronok e Lavia in posto 4, Pace libero e Lisinac e D’Heer al centro. Il Decospan VT Menen risponde con Van Hoyweghen in regia, Lindt opposto, Capet e Hanninen schiacciatori, Sinnesael e Van de Velde centrali, Bille libero. L’avvio è nel segno dell’opposto toscano, che realizza tutti i punti attivi dei padroni di casa (due attacchi e due muri) per l’iniziale 5-2. Gli ospiti faticano tantissimo a calarsi nella partita in attacco e Trento ne approfitta per guadagnare ulteriore margine (8-2), ma dopo il time out di coach Depestele provano a rialzare la testa (9-6). I gialloblù danno di nuovo fondo al gas con il muro (vincenti quelli di Sbertoli e D’Heer) e volano ancora sul +6 (13-7); un margine che rimarrà instabile solo fino al 15-11 (attacco di Kindt), perché in seguito Lavia entra a pieno titolo nel match (due attacchi e un ace), spalleggiando il già ottimo Džavoronok visto nei primi scambi (18-11, 22-13). La chiusura del primo parziale arriva sul 25-16, con Nelli in evidenza nuovamente in battuta.

Il secondo parziale è un po’ più battagliato, è aperto da un altro acuto del martello toscano (4-0), ma caratterizzato anche dalla risposta efficace ed immediata dei belgi che nel giro di pochi minuti tornano in scia agli avversari (7-6). L’Itas Trentino prova a scrollarsi di dosso il Menen (11-8) con Lavia a rete, ma anche in questo caso gli avversari reagiscono trovando la parità grazie ad un errore a rete del connazionale D’Heer (11-11). Ci pensa allora Džavoronok (ace e attacco in pipe) a rimettere le cose a posto (15-12), perché poi sull’onda dell’entusiasmo la Trentino Itas si distende, alza la barriera a muro con Lisinac e Nelli (20-15 e 23-16) e si porta sul 2-0 in corrispondenza del 25-17 (muro di D’Heer).

Evidentemente la Trentino Itas ha voglia di chiudere in fretta e nel terzo set parte a spron battuto; la rotazione al servizio di Lavia dura sino al 9-1, con Nelli scatenato a rete. Depestele spende in fretta i time out a sua disposizione, ma i padroni di casa non abbassano la guardia (12-6 e 15-7) e si portano a casa velocemente il secondo successo consecutivo stagionale per 3-0 e i conseguenti tre punti per la classifica in poco più di un un’ora di gioco (25-12). Nel finale spazio anche per il debutto di Berger, subito a segno con un primo tempo servitogli da Sbertoli.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email