lorenzo bernardi

I migliori pallavolisti italiani

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Nella storia dello sport italiano, la pallavolo maschile è uno di quei serbatoi di continue soddisfazioni, anche perchè figlio di un momento storico (avvenuto negli anni ’80 e ’90) che ha prodotto una lunghissima generazione di campioni immortali, capaci di vincere addirittura tre mondiali di fila e di riscrivere numerosissimi record.

Quella è passata alla storia come “generazione di fenomeni“, trainata dalla sapiente direzione del coach Julio Velasco.

Andiamo a vedere chi siano stati i migliori pallavolisti italiani della storia.

Andrea Giani

1991–92 Maxicono Parma (Parma Pallavolo) – Andrea Giani

Il napoletano classe 1970 è stato lo stereotipo del giocatore universale, nonché uno dei principali simboli della “generazione di fenomeni”. Ha infatti ricoperto tutti i ruoli possibili: centrale, opposto o schiacciatore, tutti ad altissimo livello.

In maglia azzurra ha colto due argenti e un bronzo in tre Olimpiadi consecutive, oltre a tre titoli mondiali e a quattro europei e sette World League. Ha vinto cinque scudetti (tre con Parma e due con Modena), oltre a due Champions League e un mondiale per club. Con 474 presenze in azzurro è l’Italiano più presente in Nazionale.

Andrea Lucchetta

Andrea Lucchetta ai tempi della Mediolanum Milano

Forse il personaggio più iconico, dotato di spiccata ironia e sana follia: Andrea Lucchetta (detto anche ‘Lucky’ o ‘Crazy Lucky’ ) è tutt’oggi riconoscibile per una capigliatura piuttosto singolare.

Nonostante la personalità sopra le righe, è stato un centrale formidabile, capace di vincere tre World League, un mondiale e un europeo. È stato il simbolo di Modena negli anni ’80 con cui ha vinto 4 scudetti e 4 Coppe italia, prima di passare a Milano dove ha vinto due mondiali per club.

Ferdinando De Giorgi

Detto amichevolmente “Fefè“, De Giorgi è stato il palleggiatore per eccellenza della Nazionale degli anni ’80 e ’90, un po’ una sorta di prezioso “assist man” per i compagni.

Lo testimoniano le 330 presenze in azzurro che ne hanno fatto un giocatore irrinunciabile per lo scacchiere di Velasco, con cui ha vinto tre Mondiali e due Europei.

Ora tutta la sua esperienza è al servizio della Nazionale di cui è diventato CT dopo il torneo olimpico di Tokyo sostituendo Blengini. I risultati sono arrivati subito, con la vittoria nell’europeo riportato in Italia dopo 16 anni dall’ultima affermazione.

Andrea Zorzi

1987–88 Maxicono Parma (Parma Pallavolo) – Andrea Zorzi

Altro giocatore fortemente iconico, “ZorroZorzi è stato un opposto di grande efficacia, ed è entrato a pieno titolo a far parte della “generazione di fenomeni” grazie al suo inestimabile contributo.

In regular season di Serie A1 ha disputato 213 partite mettendo a referto 6.116 punti ed è a tutt’oggi il giocatore con la migliore media punti nella stagione regolare con più di 28 punti a partita, guadagnandosi a pieno titolo le 325 presenze in nazionale con cui ha vinto due Mondiali, tre World League, tre Europei e tanto altro ancora.

Lorenzo Bernardi

1991–92 Sisley Treviso (Volley Treviso) – Lorenzo Bernardi

Dovendo per forza scegliere un fenomeno fra i tanti fenomeni, la scelta non può che ricadere sul trentino classe 1968 Lorenzo Bernardi, che non casualmente nel 2001 è stato insignito del premio di “Miglior giocatore di pallavolo del XX secolo“.

Bernardi è uno schiacciatore implacabile, capace di vincere tutto sia a livello di club che con la Nazionale: se tra Modena e Treviso ha vinto 9 scudetti e 5 coppe Italia, in Nazionale è stato il principale artefice dell’argento ai giochi di Atlanta, oltre a due titoli Mondiali, tre Europei e cinque World League.

Andrea Gardini

1991 Coppa Italia Final – Il Messaggero Ravenna (Porto Ravenna) v Mediolanum Milano (Gonzaga Milano) – Ravenna’s Andrea Gardini and Milano’s Claudio Galli

Un muro. Il centrale classe 1965 di Ravenna è stato uno dei migliori di sempre nel suo ruolo, nonché uno dei giocatori più vincenti di sempre del volley azzurro.

È stato il simbolo della Sisley Treviso, con cui (assieme a Zorzi e Bernardi) ha vinto quattro scudetti dei sette conquistati in carriera, oltre ad una Coppa Italia ed una Supercoppa oltre a 4 Champions League a molto altro.

Le sue gesta in Nazionale, con cui ha vinto svariati Mondiali , World League ed Europei gli hanno consentito di ricevere il premio dell’inserimento nella ‘Volleyball Hall of Fame’, primo azzurro a riuscire nell’intento.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email