gp olanda

Formula Uno, Gran Premio d’Olanda: dopo le polemiche di SPA, l’addio di Kimi

Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

La Formula Uno riparte da Zandvoort, Olanda. Dopo uno dei weekend più atipici della storia delle quattro ruote, infatti, riparte l’inseguimento mondiale di Verstappen a Lewis Hamilton, nel tracciato forse più ostico dell’anno: quello in cui l’alfiere Red Bull gioca in casa.

Sperando che le scorie polemiche di Spa siano alle spalle.

Il (non) Gran Premio di Spa

Come parlare di un Gran Premio che non si è corso?

Eppure, il circus ha lasciato molti spunti dopo il weekend del Belgio. Sì, perché la pioggia non solo ha fortemente influenzato le qualifiche (cosa che, onestamente, avevamo già visto), ma ha impedito di gareggiare la domenica (evento, questo, abbastanza raro).

Ma ciò che ha lasciato sconcertati è stata la direzione corse, che dopo tre ore di (forzata) attesa, ha optato per la discutibile scelta di far percorrere due giri all’intero gruppo in coda alla safetycar, così da poter assegnare metà punteggio per la classifica mondiale a team e piloti (premiando, di fatto, l’ordine di arrivo in qualifica).

Scelta, questa, più unica che rara: molti infatti si sono chiesti se non sarebbe stato meglio provare a rinviare il tutto di 24 ore. O, in alternativa,  rinviare di qualche settimana. Tanto da dare qualche speranza ai tifosi presenti sul posto, beffati da questa soluzione che (al momento) pare non contempli il rimborso dei biglietti.

Da questa situazione chi ne beneficia maggiormente è Verstappen, che vince senza gareggiare e avvicina Hamilton in classifica.

In rete, maliziosamente, molti si sono chiesti cosa sarebbe successo se questa soluzione fosse stata adottata con Hamilton in pole position: le polemiche, probabilmente, sarebbero andate avanti mesi.

In ogni caso, dopo il pasticcio di Spa, la classifica recita: Hamilton 202.5  , Verstappen 199.5 .

Il Gran Premio di Zandvoort

Si va quindi in Olanda, sperando di lasciare tutto alle spalle e tornare a vedere la lotta in pista: è la volta del Gran Premio di Zandvoort. Per molti tifosi, questa sarà la prima occasione in cui vedere in questa pista le Formula Uno: nonostante la prima gara del circus sia datata 1952, l’ultima gara qui si è disputata nel 1985 (allora vinse Lauda su McLaren).

Dal 1986 al 2020, infatti, non si è mai corso: pertanto risulta difficile fare dei pronostici. Anche se, come detto, risulta difficile credere che un olandese, qui, possa non essere protagonista.

Questo tracciato misura 4.252 metri, distanza sulla quale si sviluppano 15 curve. Vi è particolare curiosità circa il nuovo layout rispetto agli anni ’80: su tutte, la principale innovazione è relativa all’ultima curva, che – in perfetto stile Indianapolis – è sopraelevata. Questo dovrebbe portare le vetture a fruire di una migliore accelerazione nel lungo rettilineo di arrivo, e dovremmo assistere a numerosi sorpassi (o quantomeno a molte battaglie) in curva 1.

Curve miste e rettilinei brevi costituiscono la restante parte del tracciato, in cui superare resterà comunque complicato.

Il saluto di Kimi

Nella settimana post Spa, la notizia che ha fatto sobbalzare i tifosi però è un’altra: quella dell’addio alle corse di Kimi Raikkonen, leggenda delle quattro ruote che a fine stagione abbandonerà il circus dopo una lunghissima carriera.

Raikkonen, attuale pilota dell’Alfa Romeo, è nel cuore di molti tifosi italiani per essere stato l’ultimo a vincere il mondiale sulla Ferrari, nell’ormai lontano 2007.

Con i suoi 21 anni di attività, infatti, Kimi è uno dei piloti più longevi della storia della Formula Uno, e detiene il numero record di 339 gare disputate (numero che, da qui a fine stagione, è destinato ovviamente ad aumentare).

Un altro grande protagonista della velocità, dopo Valentino Rossi, lascia quindi le competizioni.

Gran Premio d’Olanda: orari e dirette TV

Grande attesa, quindi, per il dualismo Mercedes-Red Bull: andiamo a vedere gli orari del weekend.

Venerdì 3 settembre
PL1: 11:30 – 12:30, diretta su Sky SportF1 HD
PL2: 15:00 – 16:00, diretta su Sky SportF1 HD

Sabato 4 settembre
PL3: 12:00 – 13:00, diretta su Sky SportF1 HD

Qualifiche: 15:00 – 16:00, diretta su Sky SportF1 HD | Differita su Tv8 alle 18:30

Domenica 5 settembre
Gran Premio: 15:00, diretta su Sky SportF1 HD | Differita su Tv8 alle 18:00

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email