acerbi

Calciomercato: si puntellano le difese. Schuurs-Torino, Lucumì-Bologna, l’Inter tra Acerbi e Chalobah

Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Alla vigilia della seconda giornata di campionato le voci di calciomercato si fanno meno intense, a favore delle ultime notizie dai campi di allenamento. Ma le trattative proseguono e si registrano alcuni colpi di primo piano.

Inter, Torino, Bologna: la parola alla difesa

Il Torino ha finalmente chiuso per il sostituto di Bremer: si tratta di Perr Schuurs, difensore di 22 anni proveniente dall’Ajax (ma cresciuto nel Fortuna Sittard, di cui era diventato capitano a soli 17 anni) per 9 milioni subito più altri 2,3 in bonus sbloccabili nei prossimi anni, oltre al 15% di una futura rivendita.

Un investimento importante per la squadra di Juric, che nel frattempo ha reintegrato Sasa Lukic, senza più la fascia da capitano, in gruppo (ma la sua cessione resta una possibilità) e ha perso Miranchuk per un periodo medio lungo per infortunio, cosa che potrebbe portare alla permanenza di almeno uno tra Simone Verdi e Simone Edera, che sembravano in procinto di lasciare la squadra.

Il Bologna ha chiuso l’acquisto di Jhon Lucumì, difensore colombiano ventiquattrenne proveniente dal Genk e pagato 8 milioni, mentre per lo stesso reparto l’Inter, che ora rimanda al mittente (ovvero il PSG) offerte sopra i 60 milioni per Skriniar, sembra aver abbandonato la pista che portava a Manuel Akanji del Borussia Dortmund.

Ora i papabili nerazzurri sono Francesco Acerbi, in rotta con la tifoseria laziale e per il quale si è aperta la possibilità di un prestito con diritto di riscatto, e Trevor Chalobah del Chelsea, per il quale sono state richieste informazioni nell’ambito della trattativa che sta portando il giovane Cesare Casadei a Londra per 20 milioni. Sempre tra i Primavera campioni di categoria, si registra la cessione di Oliver Jurgens al Torino.

Salernitana sempre attiva, la Juventus studia le prossime mosse

Si continuano a sfoltire un po’ le rose delle neo-promosse: il Monza cede in prestito Davide Bettella al Palermo e la Cremonese usa la stessa formula per il passaggio di Luca Strizzolo al Perugia.

Prestito, ma pagato 1 milione e con diritto di riscatto fissato a 12, anche per l’attaccante senegalese Boulaye Dia, proveniente dal Villareal e ultimo innesto offensivo della Salernitana di Davide Nicola, che sta trattando la cessione di Simy al Birmingham.

In difesa si lavora per il ritorno, questa volta a titolo definitivo per circa 2 milioni, di Luca Ranieri dalla Fiorentina e si punta anche a Flavius Daniliuc, difensore austriaco del Nizza (che lo ha risparmiato nell’esordio in Conference League contro il Maccabi Tel Aviv) che ha suscitato anche l’interesse del Bologna.

La Juventus ha ceduto a titolo definitivo il difensore Paolo Gozzi al Genoa (che lo ha prestato immediatamente al Cosenza) e sta pensando a Arkadiusz Milik del Marsiglia come rinforzo last minute in attacco, nel caso non si dovesse risolvere positivamente la trattativa per Memphis Depay del Barcellona.

Il Verona è vicinissimo a chiudere per Yaya Kallon del Genoa, sulla base di un prestito con diritto di riscatto, mentre il Milan continua a trattare per Raphael Onyedika del Midtjylland, ma oltre alla distanza tra domanda (7-8 milioni minimo) e offerta (circa 4 milioni) la trattativa per il mediano nigeriano è rallentata anche dalla ricerca di un nuovo allenatore da parte dei danesi.

L’Atalanta continua a cambiare pelle: fuori Malinovskyi, dentro Soppy e tante incognite

Molti movimenti all’Atalanta: sembra imminente l’addio (con polemica) di Ruslan Malinovskyi, per il quale il Marsiglia avrebbe messo sul piatto uno scambio con Cengiz Under, ma interessa anche al Tottenham, che potrebbe inserire nella trattativa l’esterno spagnolo Sergio Reguilon, fuori dai piani di Conte e gradito a Gasperini.

Nel frattempo si tratta anche per il ventottenne brasiliano Paolo Azzi del Modena: gli emiliani però non intendono fare sconti sul giocatore, avendo già abbassato le proprie richieste a 7-8 milioni rispetto ai 10 iniziali. L’inserimento del cartellino del centrocampista Simone Panada, già in prestito a Modena, potrebbe essere la chiave di volta dell’operazione.

Intanto si aspetta l’ufficialità di Brandon Soppy, proveniente dall’Udinese per 9 milioni più 1 di bonus. I friulani nel frattempo hanno sondato l’Arsenal per il suo sostituto: si tratterebbe dell’esperto Hector Bellerin, terzino ventisettenne di grande esperienza in scadenza nel 2023 che accetterebbe anche un solo anno di contratto in maglia bianconera.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email