I DRX battono T1 ed entrano nella storia dei Worlds di League of Legends

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

I Worlds di League of Legends 2022 hanno da poco raccontato una storia davvero emozionante. Una di quelle che aggiungono spessore ad un mondo troppo spesso ritenuto “freddo”.

I protagonisti sono i giocatori del team DRX che poco più di 24 ore fa, alla State Farm Arena di Atlanta (USA), sono diventati i nuovi campioni del mondo nel MOBA di Riot Games. E lo hanno fatto contro tutti i pronostici – includiamo anche il nostro tra questi – che davano per nettamente favoriti i T1.

Una sfida tra formazioni 100% sudcoarene dove però nel ruolo della “corazzata” c’erano i tre volte campioni del mondo, guidati da quello che probabilmente è il giocatore più iconico nella storia di LoL: Lee “Faker” Sang-hyeok.

I DRX hanno invece dimostrato non solo di essere un ottimo team, ma anche di avere una forte tenuta mentale. Anche perché la sfida è stata intensa e tirata fino all’ultimo match del best-of-five.

Tifoseria dei T1 durante la finale dei LoL Worlds 2022 alla State Farm Arena di Atlanta (USA). (Photo by Elijah Nouvelage / AFP) (Photo by ELIJAH NOUVELAGE/AFP via Getty Images)

Nella prima partita il quintetto base dei T1 – che conta oltre a Faker su Choi “Zeus” Woo-je, Mun “Oner” Hyeon-jun, Lee “Gumayusi” Min-hyeong e Ryu “Keria” Min-seok – ha letteralmente spazzato via gli avversari.

A questo punto, tutti si sarebbero aspettati il crollo dei DRX e una sorta di passeggiata dei T1 verso il quarto titolo. E invece “Kingen” (Hwang Seong-hoon), “Pyosik” (Hong Chang-hyeon), “Zeka” (Kim Geon-woo), “Deft” (Kim Hyuk-kyu) e “BeryL” (Cho Geon-hee) hanno reagito soprattutto a livello caratteriale.

Già la seconda sfida ha avuto un altro leitmotiv, molto più tattico. I DRX hanno superato situazioni di grande difficoltà e, dopo aver retto all’aggressione dei T1 sono riusciti a ripartire “in contropiede” aggiudicandosi la partita.

Sull’1-1 i T1 hanno ripreso in mano la situazione. Il merito va a “Gumayusi” che ha fatto la differenza. Nel mezzo di un’altra partita in equilibrio, il bot laner ha letteralmente tirato fuori i T1 da un paio di situazioni molto critiche ed è riuscito persino a rubare due Baroni. Grazie alle sue giocate i T1 sono tornati avanti per 2-1, garantendosi due match point per il titolo.

La quarta partita è stata forse la più spiazzante. Con tutta la pressione addosso, anche quella del tifo che era in netta maggioranza a favore dei T1, DRX ha schiacciato gli avversari grazie a un Kingen” incontenibile. Il top laner ha guidato i suoi alla vittoria in meno di 30 minuti, la più veloce dell’intera serie.

Il team T1 alla finale dei Worlds 2022 di LoL (Photo by Elijah Nouvelage / AFP) (Photo by ELIJAH NOUVELAGE/AFP via Getty Images)

Con questa batosta psicologica sulle spalle, i T1 si sono apprestati alla sfida finale. La più emozionante, probabilmente una partita che gli appassionati di LoL non dimenticheranno.

42 minuti di gioco ad altissimo livello, durante i quali i T1 sono sembrati più volte a un passo dalla vittoria. Ancora una volta, però, DRX ha reagito da squadra coesa e determinata. Fight dopo fight il quintetto ha ribaltato la situazione, nonostante le prodezze del solito Gumayusi. Messi sotto pressione, Faker & friends hanno provato una giocata molto rischiosa che è finita nel peggiore dei modi. A quel punto i DRX hanno dilagato eliminando tutti gli avversari ad eccezione di Gumayusi il quale non ha però potuto impedire ai DRX di prendere l’ultimo punto (il Nexus) e di vincere i Worlds 2022!

La disperazione di Ryu “Keria” Min-seok ai Worlds LoL 2022 (screenshot YouTube)

A soli tre anni dalla sua fondazione, la giovane formazione sudcoreana ha così scritto una pagina storica di League of Legends. Ai T1 è mancato proprio il giocatore più rappresentativo, “Faker“, che non ha giocato al meglio ma questo non diminuisce l’impresa dei DRX: il loro è un successo costruito soprattutto sul carattere e sulla voglia di vincere.

Immagine di testa: il team DRX solleva il trofeo ai Worlds 2022 di League of Legends (screenshot YouTube)

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email