EA punta sulla HyperMotion Technology per FIFA22

Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Se Konami Entertainment punta forte sul pallone virtuale, EA Sports fa un easy call. La metafora pokeristica significa che questa estate farà venire l’acquolina in bocca a tutti gli appassionati di e-calcio.

Pochi giorni fa il colosso nipponico ha annunciato che l’edizione 2022 di Pro Evolution Soccer (PES22) cambierà molte cose rispetto al passato. Di cosi si tratti, a parte alcuni potenziamenti a livello di grafico, ancora non è chiaro perché a Tokyo le bocche sono ben cucite. Ma rumors accreditati parlano di free-to-play e modalità gioco tipo FIFA Ultimate Team. Mancano 8 giorni per scoprire se sarà così.

Nel frattempo Electronic Arts ha più apertamente rivelato quali saranno le novità di FIFA22, in uscita l’1 ottobre prossimo. In sintesi: niente politiche di prezzo ma tanto spettacolo in più.

Lo spettacolo, in questo caso, sarà realizzato attraverso l’utilizzo della HyperMotion Technology, il nuovo e avanzatissimo sistema di motion capture, che offre un realismo incredibile. La tecnologia si basa sull’ultimo step delle tute Xsens, usate già a partire da FIFA 16, che per FIFA22 sono state indossate da 22 giocatori. Tra questi ci sono Kylian Mbappé, Trent Alexander-Arnold, Christian Pulisic, David Alaba, Eden Hazard, Marquinhos, Marcelo, Heung-min Son, Vinicius Junior, Phil Foden.

In questo caso, più delle parole possono le immagini.

Fonte YouTube

Come si può vedere, i movimenti dei giocatori veri vengono tradotti in maniera super dettagliata in azioni virtuali all’interno del videogame. La gamma stesse delle movenze viene ampliata. Secondo gli sviluppatori, ci saranno oltre quattromila animazioni, senza che questo significhi maggiori complessità ma solo opportunità di gioco in più. (fonte multiplayer.it)

Tra gli elementi aggiunti, EA Sports ha già indicato quello che riguarda i portieri e il cosiddetto sprint esplosivo. I primi avranno un posizionamento più realistico tra i pali e in linea con lo stile delle rispettive controparti reali. Per quanto riguarda l’accelerazione con palla al piede, questa diventerà più affidabile.

Anche la fisica della palla e le tattiche offensive riceveranno upgrade tutti rivolti ad un maggiore realismo. Al momento, però, questo è quanto.

C’è però anche un segno meno. La modalità di FIFA22 dotata di HyperMotion Technology sarà disponibile solo per le console next-gen, ovvero PlayStation 5, Xbox Series X|S e Stadia, e in versione Legacy su Switch. Niente da fare quindi per PC, PS4 e Xbox1, che comunque avranno la loro versione (standard) di FIFA22.

Non ci sono invece news sul fronte delle modalità di gioco Carriera, Volta, FUT e Pro Club. Su Ultimate Team, però, è impensabile che Electronic Arts faccia qualche passo indietro. La ragione è presto detta.

Solo nel 2021 l’azienda americana ha realizzato poco meno di 1,62 miliardi di dollari con la vendita delle carte-gioco, pari al 29% delle entrate complessive del publisher. Un trend di crescita, quello di FUT, che dura dal 2015 quando i consumatori spesero 587 milioni di dollari per acquistare le prime carte dei giocatori. (fonte esportsmag.it)

L’unico problema da superare per FUT è quella dell’accusa di gioco d’azzardo, come accaduto in parecchi Paesi che hanno sentenziato a sfavore di questo business. Ma fino a che globalmente il discorso regge, il publisher non rinuncerà a una fetta così grossa del proprio business.

Come si suol dire: squadra (collazionabile) che vince non si cambia.

Immagine di testa by www.ea.com

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email