nibali giro del lussemburgo

Skoda Tour de Luxembourg, prima tappa per scattisti

Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Spostato ormai stabilmente da giugno a settembre, lo Skoda Tour de Luxembourg è uno degli ultimi e più importanti appuntamenti a disposizione dei corridori del gruppo per rifinire la condizione in vista dei Mondiali di Lovanio e delle classiche di fine stagione.

Vinta nel 2020 da Diego Ulissi, la breve corsa a tappe lussemburghese prenderà il via oggi, come da tradizione, dalla capitale per concludersi poi, sabato 18 settembre, con la quinta e ultima frazione che andrà ad incoronare il vincitore della maglia gialla, vessillo che verosimilmente, data la conformazione del percorso e l’altimetria generale, sarà indossato da un uomo dalle spiccate doti a cronometro e, al contempo, abile nei cambi di ritmo sulle salite brevi e ripide.

Tappa nervosa, velocisti in difficoltà

Ogni frazione infatti, a cominciare da quella inaugurale di 140 chilometri con partenza e arrivo a Luxembourg City che proporrà la Côte de Stafelter (2,2 km al 7.1% medio) e lo strappo di Kirchberg (1,3 km al 6.5%) negli ultimi dieci chilometri, sarà caratterizzata da asperità corte e arcigne in grado di mettere le ali ai corridori più esplosivi e scattanti del plotone.

Anche la crono di Dudelange di venerdì 17 settembre, prova lunga 25 chilometri, presenterà una breve salitella al suo interno, un “dentello” che i favoriti per la maglia gialla dovranno affrontare a tutta se vorranno fare la differenza in una frazione che molto presumibilmente definirà in maniera risolutiva la classifica generale.

A tentare di conquistare quest’ultima saranno certamente il vincitore del Giro di Polonia Joao Almeida (Deceuninck-Quick Step), un uomo solido come Bauke Mollema (Trek-Segafredo) e il quarto classificato del Tour de France Ben O’Connor (Ag2r Citroën), mentre sarà la strada a decidere chi, in casa UAE Team Emirates, tra David De la Cruz e Marc Hirschi ricoprirà il ruolo di capitano.

Su un percorso come quello lussemburghese potrebbero poi destreggiarsi molto bene anche il secondo classificato dell’anno scorso Markus Hoelgaard (Uno-X Pro Cycling) e il duo del Team TotalEnergies Pierre LatourAnthony Turgis, corridori ai quali nei finali di tappa potremmo vedere affiancati anche i profili di Nairo Quintana (Arkea-Samsic), di Thibaut PinoteDavid Gaudu (Groupama-FDJ), di Jesus Herrada (Cofidis) e Tanel Kangert (Team BikeExchange).

Quest’ultimi però, più che puntare alla generale, potrebbero andare a caccia di un successo parziale, obiettivo alla portata anche degli azzurri Andrea Vendrame, Davide Formolo, Fausto Masnada e Mattia Cattaneo.

Dovrebbero invece assolvere a mansioni più di gregariato Valerio Conti, Antonio Tiberi (chiamato a dare qualche buon segnale nella cronometro) e Kevin Colleoni, mentre Vincenzo Nibali (al rientro agonistico dopo i Giochi di Tokyo) andrà in cerca delle giuste sensazioni in vista del Lombardia e delle classiche italiane di fine stagione.

Probabili protagonisti in qualche tentativo da lontano saranno invece Leonardo Tortomasi e Riccardo Stacchiotti, corridori della Vini Zabù al pari di Jakub Mareczko, uno che, come Sacha Modolo, dovrà lottare con le unghie e con i denti per arrivare a disputare uno sprint in una corsa, sulla carta, non adatta agli sprinter puri ma pensata per esaltare puncheur e cronomen.

[Credits Foto: Getty Images]

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email