soprannomi squadre inglesi

I soprannomi delle squadre inglesi: tra storia e curiosità

Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Niente affascina come il calcio inglese. Per tradizione, sentimento e quel modo di intendere il gioco del calcio che si può respirare solo oltre manica. Nell’unicità del calcio inglese, ci sono soprattutto i soprannomi delle squadre: dalla Premier alle Non-League, anche il più piccolo dei clubs ha nomignolo appiccicato da secoli in qualche caso e che vale come una seconda pelle. Oggi cercheremo di fare un viaggio in questo vasto mondo dei soprannomi.

Liverpool e Everton

Il viaggio non può che iniziare dai club di Premier League. Il Liverpool ad esempio si chiama in gergo “Reds”. Il motivo è semplice: fa riferimento alla mitica maglia rossa del club di Anfield Road.

L’altra parte della città è rappresentata dall’Everton, i cui giocatori sono chiamati “Toffees”. Ufficialmente il soprannome dei giocatori si ispira a un negozio di dolci, Mother Noblet’s, situato nel nord della città di fronte all’Everton Lock-Up, il monumento più antico della città. Qui veniva venduta l’Everton Mint, una caramella al gusto menta.

Le due squadre di Manchester

Spostiamoci di 60 miglia e nella città di Manchester è lotta perenne tra City e United.

I primi sono conosciuti come “The Citizens“, perché i suoi tifosi appartengono alla working class di Manchester e sono legatissimi alle loro origini. Essere cittadini di Manchester è un motivo di orgoglio e il club contribuisce a renderli fieri.

La sponda rossa invece, è soprannominata “Red Devils“, vale a dire i diavoli rossi. Fu scelto in onore della squadra di rugby di Salford che nel 1930 aveva adottato il soprannome in una tournée in Francia. 

Le squadre di Londra: Spurs, Gunners e Hammers

Passiamo alle squadre della capitale. L‘Arsenal è soprannominata “The Gunners”, perché i fondatori del club erano membri del Royal Arsenal, un deposito d’armi del sud di Londra che riforniva l’esercito britannico.

Il Chelsea è chiamato anche “The Blues” grazie alle loro divise blu.

E che dire del Tottenham? Tutti lo chiamano “Spurs”, ovvero gli speroni del Gallo che rappresenta il simbolo del Club.

Spazio poi al Crystal Palace. Il soprannome “The Eagles” è stato adottato in onore al Benfica di Eusebio.

Infine, non si può non conoscere il soprannome del West Ham. “The Hammers”, i martelli, per via dell’origine operaia del club.

Sheffield e Birmingham

Come Londra, Manchester e Liverpool, anche Sheffield e Birmingham possono vantare una prestigiosa tradizione calcistica.

Lo Sheffield United è uno dei club più antichi e il suo soprannome è “The Blades”, “Le lame” , che deriva dalla tradizione che lega la città all’acciaio. 

L’altro club della città, lo Sheffield Wednesday, milita nel Championship e si chiama anche “The Owls” grazie al Gufo come simbolo della società.

Infine, l’Aston Villa è conosciuto anche come “The Villans”: indica gli appartenenti al Villa Club. L’Aston Villa è un club di Birmingham, dove gioca anche il Birmingham City: quest’ultimo è soprannominato Blues per via del colore delle magliette.

Soprannomi animaleschi

Del Leicester sappiamo tutto. “The Foxes” (le volpi), perché la zona del Leicestershire è la più ricca di volpi di tutta l’Inghilterra e la caccia ad essa è uno sport molto praticato.

“The Magpies” serve ad indicare il Newcastle. Le Gazze bianconere simbolo della città e di conseguenza del club.

Non proprio animali in senso stretto, ma piuttosto insetti, con i calabroni. Stiamo parlando del Watford, le cui divise ricordano proprio il calabrone giallo (The Hornets).

Altra squadra e altro animale: questa volta tocca al Wolverhampton. Sono soprannominato “The Wolves”, ovvero i Lupi. Il Lupo è l’animale simbolo della città.

Sempre rimanendo in tema da zoo, passiamo al Brighton: essendo una città sul mare non poteva che prendere il soprannome di “Gabbiani” (The Seagulls) per la sua squadra.

E sempre di volatili si parla con il Norwich i cui giocatori sono soprannominati “The Canaries”: il canarino è il simbolo del club e anche il colore delle maglie riporta alla mente il tipico uccellino domestico.

Santi e Ciliegie

Sempre legato al colore della maglia è il soprannome dei giocatori del Burnley, chiamati “The Clarets” per via del rosso violaceo e dell’azzurro che contraddistingue le magliette.

Potevano mancare i Santi? Certo che no. Merito del Southampton, i cui giocatori sono chiamati da 130 anni “The Saints”, poiché i suoi fondatori erano ragazzi che appartenevano ad un gruppo parrocchiale della chiesa di St. Mary’s. Quest’ultima vigilia sullo stadio a breve distanza.

Soprannome particolare quello del Bournemouth. “The Cherries”, le ciliegie per il colore della maglia e per la vicinanza dallo stadio di una fabbrica che produceva ciliege. Poco importa se nel 1970 il Club ha trasformato i suoi colori sociali in rossonero. L’allora presidente era rimasto folgorato dal Milan di Rocco e dal suo gioiello: Gianni Rivera.

I soprannomi più curiosi del calcio inglese

Oltre ai già citati, delle formazioni che appartengono alla Premier League, abbiamo scelto alcuni soprannomi delle formazioni che vanno dal Championship alle Non-League.

  • Fulham = The Cottagers
  • Sunderland = The Black Cats
  • Millwall = The Lyons
  • Portsmouth = Pompey
  • Leeds United = Peacocks
  • Ipswich Town = The Tractors Boys
  • Hull City = The Tigers
  • Grimsby = Mariners
  • Peterborough = The Posh
  • Stoke City = The Potters
  • Wigan = Latics
  • Derby County = The Rams
  • Nottingham Forest = Garibaldi Red
  • Burton Albion = The Brewers
  • Middlesbrough FC = The Smoggies
  • Blackburn Rovers = The Riversiders

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email