José Mourinho

La Roma nella pausa Mondiale

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Tra tutte le squadra dell’alta classifica, di certo la Roma è una di quelle che più aspettava questa prolungata sosta per i Mondiali. Condizione da migliorare, giocatori infortunati da recuperare, rosa da sistemare (con qualche caso spinoso da risolvere peraltro).

Insomma la sosta arriva come una manna per Mourinho che ha più di qualche problema da risolvere prima del ritorno in campo a inizio gennaio, facendo a meno di soli quattro elementi in volo verso il Qatar.

Come arriva la Roma alla pausa

La Roma arriva decisamente in affanno a questa sosta di campionato, con appena una vittoria in cinque partite e la sconfitta nel derby che pesa come un macigno.

A parziale scusante di Mourinho una lunga lista di infortuni che ha travolto la Roma anche in questa stagione: da quello terribile di Wijnaldum (tibia rotta ancora prima dell’inizio del campionato), fino allo stop di Dybala proprio nel suo momento migliore e passando per i continui acciacchi di Spinazzola, Lorenzo Pellegrini e Zaniolo. Ovvero, quella che doveva essere l’ossatura dei giallo rossi.

Se a questo aggiungiamo alcuni elementi che non stanno certo rendendo secondo le attese, soprattutto nel reparto offensivo: a partire da Tammy Abraham e finendo con i per ora impalpabili Belotti e Shomurodov.

La morale è che i margini di miglioramento ci sono, anche considerando il “caso Karsdorp“, con l’olandese virtualmente epurato dalla rosa per il campionato in corso. Tanto che ci sarà bisogno di un mercato in entrata e in uscita a Gennaio, al netto che i maggiori acquisti saranno proprio i recuperi degli infortunati.

L’occasione di questi due mesi di recupero di morale e condizione è quindi da non perdere, soprattutto con il pubblico che si è apertamente schierato con il suo allenatore per portare la squadra al top.

I giocatori del Napoli impegnati in Qatar

Non sono poi tanti tra le fila giallo rosse, i giocatori che dovranno fare la valigia per il Qatar. Appena quattro, infatti, i convocati dalle rispettive nazionali:

  • Rui Patricio (Portogallo)
  • Matias Vina (Uruguay)
  • Nicola Zalewski (Polonia)
  • Paulo Dybala (Argentina)

Tra questi ovviamente in particolare sarà l’argentino a tenere in apprensione i tifosi della Roma. Dybala è appena rientrato da un lungo infortunio (tornato in campo proprio nel finale della sfida pareggiata contro il Torino), con la sua nazionale sarà presumibilmente impegnato anche oltre la prima fase a gironi.

La speranza ovviamente è quella di vederlo tornare integro e magari anche in condizione, avendo saltato di fatto gran parte della stagione in corso, ma con la consapevolezza però che ogni partita di quel livello può anche essere occasione per un nuovo infortunio, specie per un giocatore che solo negli ultimi anni ha già saltato oltre cinquanta partite di campionato (tra Juventus e Roma).

Programma della Roma nella pausa

Mourinho avrà così quasi due mesi per lavorare con una rosa quasi al completo, al netto di alcuni elementi che continueranno la riabilitazione e di quelli partiti per il Qatar.

Fino al 19 novembre via libera per tutti i non convocati nelle rispettive nazionali per le amichevoli, tutti comunque presenti al rientro ufficiale del 20 novembre, quando la squadra tornerà in campo per gli allenamenti.

Poi la rosa giallo rossa volerà fino in Giappone, per una settimana di fatiche che li vedrà impegnati anche in due amichevoli: la prima contro il Nagoya Grampus (in campo il 25 novembre) e la seconda contro il Yokonama F. Marinos (il 28 di novembre).

Ma ci sarà da viaggiare ancora perchè un secondo step della preparazione la Roma lo affronterà in quel di Algarve, in Portogallo. Volo già prenotato per il 5 di dicembre, con dieci giorni di intensi allenamenti che prevedono ovviamente anche un paio di amichevoli, con avversarie ancora da designare però.

Il 15 di dicembre si torna a Trigoria, presumibilmente con tutti gli effetti (tranne chi di loro avrà centrato la finale Mondiale in scena il 18), per l’ultimo sprint in vista del delicato ritorno in campo il 4 di Gennaio, con una sfida di campionato da giocare in casa contro il Bologna.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email