Mehdi Taremi contro l'Inghilterra

Galles – Iran: Bale cerca il bis per trascinare i Dragoni Rossi, Taremi l’uomo da temere

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Seconda giornata nel Gruppo B, dei Mondiali 2022.

Galles – Iran è già decisiva per entrambe, con gli iraniani che non possono permettersi di perdere, dopo il 6-2 patito contro l’Inghilterra: la squadra di Carlos Queiroz con una seconda sconfitta sarebbe quasi eliminata, con 90 minuti di anticipo.

Gallesi non perfetti contro gli USA, ma dal carattere infinito nel pareggio per 1-1 e con Bale valore aggiunto di una squadra che cerca punti, per poi giocarsi il tutto per tutto contro l’Inghilterra nell’ultima giornata, per un acceso derby britannico.

Partita delicata e dove diventa obbligatorio sbagliare il meno possibile, per non compromettere o precludere del tutto la strada verso gli ottavi di finale.

Vediamo nel dettaglio.

Tutto su Galles – Iran

Quando si gioca?

Il match si giocherà Venerdì 25 Novembre alle 11.00 italiane, allo Stadio Ahmed bin Ali, di Al Rayyan.

Dove vederla

La partita sarà trasmessa in chiaro e visibile per tutti su Rai 2.

Sarà possibile poi seguirla in diretta streaming attraverso il sito e l’app di Rai Play: basterà selezionare l’evento. Il servizio è totalmente gratuito.

L’arbitro del match

In attesa della designazione della squadra arbitrale e della squadra Var

Le probabili formazioni

Pochi cambiamenti per Robert Page, dopo il pareggio per 1-1 con gli Usa.

I Draghi Rossi confermano il 3-4-3, con Morrell che prova a soffiare una maglia da titolare a Ampadu sulla mediana al fianco di Ramsey. In attacco Thomas per Wilson nel ruolo di punta destra del tridente, con la conferma di Bale al centro: esterno sinistro, James in vantaggio su Moore.

Nell’Iran Carlos Queiroz deve cambiare diverse cose, alla luce del 6-2 subito contro l’Inghilterra.

Nel 4-3-3 del Team Melli, Hosseini tra i pali, dopo essere subentrato a gara in corso nella prima giornata. Kanaanizadegan trova un posto al centro della difesa, con Khalilzadeh come esterno di sinistra. A centrocampo dentro Torabi, mentre in attacco inamovibile Taremi. A destra dal primo minuto Ansarifard e a sinistra Azmoun.

  • Galles (3-4-3); Hennessey; Mepham, Rodon, Davies; Roberts, Morrell, Ramsey, Williams; Thomas, Bale, James. CT Page
  • Iran (4-3-3); Hossein Hosseini; Moharrami, Kanaanizadegan, Majid Hosseini, Khalilzadeh; Torabi, Hajsafi, Karimi; Ansarifard, Taremi, Azmoun. CT Queiroz.

I precedenti: scontri diretti e statistiche mondiali

Secondo incrocio in assoluto tra Galles e Iran, dopo quello vinto, per 1-0, dai Red Dragons nell’aprile 1978, grazie alla rete di Phil Dwyer.

Avversari graditi. Il Galles ha affrontato avversarie asiatiche sette volte (5V, 2N) nella sua storia, subendo soltanto un gol e
tenendo la porta inviolata in sei occasioni nel parziale. Nell’ultima partita di questa serie, i Red Dragons hanno vinto per 6-0 contro la Cina nel marzo 2018.

Un tabù infinito. L’Iran non ha mai vinto contro una avversaria europea nei nove precedenti (2N, 7P) di Coppa del Mondo, incassando 20 gol nel parziale, sei dei quali nel match di esordio perso contro l’Inghilterra (6-2).

Il segno X, come amico. Quattro delle sei partite giocate dal Galles ai Mondiali sono terminate in parità (67%): nessuna squadra vanta una percentuale più alta nella storia della competizione.

Una “prima” in versione disfatta. L’Iran ha perso (6-2) contro l’Inghilterra nel primo turno – è la quarta volta in sei partecipazioni che la nazionale asiatica esce sconfitta nella gara di esordio ai Mondiali: soltanto in un’occasione ha subito due ko nelle
prime due sfide di una Coppa del Mondo, nel 2006.

Problema vittorie per il tecnico lusitano. Carlos Queiroz ha vinto soltanto due delle 11 partite (4N, 5P) di Coppa del Mondo tra Portogallo e Iran. Le squadre da lui allenate avevano subito solo sette gol nelle prime 10 gare prima della sconfitta per 6-2 dell’Iran
contro l’Inghilterra.

Le statistiche delle due squadre

Il Galles continua a non vincere. Salgono a sei, le gare senza il successo per i Dragoni Rossi.

L’ultimo Urrà lo scorso 5 giugno, nella gara che ha permesso agli uomini di Robert Page di volare in Qatar: lo spareggio vinto contro l’Ucraina.

Da quel momento i gallesi hanno ottenuto 2 pareggi, l’ultimo con gli USA nella prima giornata e ben quattro sconfitte: tutte nella Nations League.

Se allarghiamo il raggio alle ultime 10 partite del Galles, i successi salgono a due, a fronte di 3 pareggi e cinque sconfitte. Insomma un 2022 non certo positivo in questa ottica.

Gli uomini della svolta. 10 dei 14 gol del Galles negli ultimi tre maggiori tornei (EURO e Coppa del Mondo) hanno visto almeno uno tra Gareth Bale o Aaron Ramsey come marcatore o assistman

Non solo, ma Gareth Bale ha collezionato 109 presenze con il Galles in tutte le competizioni: record nella storia di questa
nazionale, condiviso con il compagno di squadra Chris Gunter.

L’Iran dopo essere rimasto imbattuto per tre gare di fila, ha prima perso nell’ultimo test match contro la Tunisia per 2-0 e poi è stato travolto dall’Inghilterra per 6-2.

E pensare che il “Team Melli” è rimasto imbattuto per 15 gare di fila, tra ottobre 2020 e il febbraio scorso, con 14 vittorie (di cui 10 consecutive) e un pareggio.

Da marzo è iniziata la discesa per la truppa di Carlos Queiroz, con 4 sconfitte a scandire il cammino di avvicinamento al Mondiale.

Un primato storico. Mehdi Taremi è diventato il primo giocatore iraniano a segnare più di un gol ai Mondiali, grazie alla doppietta firmata contro l’Inghilterra nella prima giornata, e il primo calciatore di un paese asiatico ad andare a bersaglio più di una volta in una partita di Coppa del Mondo.

Quale partita attendersi?

Partita equilibrata e con la paura che potrebbe pesare nelle gambe dei giocatori. Soprattutto gli iraniani sono davanti ad un bivio. Un secondo ko avrebbe il sapore della resa incondizionata.

La gara potrebbe sbloccarsi su palla inattiva, o sulle invenzioni del più forte in campo, vale a dire Bale. Sul fronte opposto, l’uomo della provvidenza è Taremi che a livello internazionale ha già lasciato il segno con la maglia del Porto.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email