Nico Mannion

I Top & Flop della 7ª di LBA: ManniOn fire, Pesaro sbanca Brindisi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Nella serata di ieri, domenica 20 novembre, si è conclusa un’intensa settima giornata del Campionato italiano di pallacanestro, la LBA Lega A.

Una Virtus cinica e spietata continua a calare vittorie su vittorie e, dopo il successo pesantissimo e per certi versi clamoroso sul Valencia in Eurolega, vince in un campo difficile come quello di Trento e rafforza il primato a quota 7 vittorie e zero sconfitte.

Tiene la scia Milano, Tortona cade a Brescia. Si risveglia Sassari.

Ecco i nostri Top & Flop della settimana.

I Top della settima giornata di LBA

Virtus Bologna

Un primo tempo di grande intensità e l’ennesima prova di sostanza, regalano alla Virtus di Bolgona la settima vittoria consecutiva in campionato, utile a rafforzare il vantaggio sulla sua diretta inseguitrice che rimane, in solitaria l’Olimpia Milano.

La squadra di Scariolo toglie le mani dal volante nella seconda parte della partita e Trento riesce a tornare in partita toccando per ben due volte il -6, ma Hackett e Belinelli segnano punti importanti che ricacciano indietro i padroni di casa. Ancora una prova maiuscola di Mannion in campionato, autore di 15 punti.

ManniOn fire

Brescia

Super successo di Brescia che al Palaleonessa mette KO Tortona, una delle squadre che più avevano impressionato in questo scorcio iniziale di stagione.

Magro disegna la partita perfetta e tiene davanti i suoi uomini per tutto il match per una vittoria che non è mai parsa in discussione. Man of the match un ottimo Della Valle che chiude con 16 punti e 7/7 ai tiri liberi. Con questo successo la squadra lombarda si porta a ridosso delle prime otto in classifica con 3 vittorie e 4 sconfitte, insieme ad un gruppetto che vede a quota 6 punti anche Sassari, Napoli e Brindisi.

Brescia Della Valle incantata

Vuelle Pesaro

Fantastica vittoria di della Carpegna prosciutto che va a cogliere un nettissimo successo sul campo di Brindisi, superando quota 100 e infliggendo alla Happy Casa un distacco di quasi 30 punti.

Brindisi si è fatta sorprendere da un parziale piuttosto pesante di 16-0 nella parte iniziale del match e da quel momento non ha più avuto la forza di reagire, sovrastata a rimbalzo e, più in generale da un monumentale Abdur-Rahkman, autore di 24 punti.

Orecchiette al prosciutto

Sassari

Torna al successo anche la Dinamo Sassari, che dopo le sconfitte contro Virtus e Trieste, mette le mani sulla vittoria contro Scafati, che occupa l’ultimo posto in classifica con una sola vittoria.

La partita viene indirizzata sui binari giusti fin dall’inizio da coach Bucchi che può contare finalmente sulla prova di Bendzius autore di 24 punti e di uno spettacolare 7/9 da tre punti.

BENdzius

Olimpia Milano

C’erano parecchi timori da parte dei tifosi milanesi all’indomani dell’ennesima sconfitta in Eurolega e di un perodo in cui l’attacco dell’Olimpia aveva palesato più di una difficoltà.

Una serata in cui la squadra di Ettore Messina ha dato quasi 100 punti a Trieste, mettendo in cascina una vittoria che più dei due punti conquistati, porta fiducia per le tante partite che la aspettano da qui alla pausa per le Feste natalizie. Dopo un primo tempo tutto sommato equilibrato che ha visto gli ospiti addirittura in vantaggio di 4 punti alla sirena del riposo lungo, l’Olimpia ha dilagato nella ripresa anche e soprattutto grazie a Mitrou-Long, sempre più uno dei leader della squadra, che ha messo a segno ben 23 punti.

Mitrougliatore

I Flop della settima giornata di LBA

Brindisi

Una specie di disastro non annunciato, è andato in scena al PalaPentassuglia di Brindisi, dove la Happy Casa non ha avuto praticamente mai voce in capitolo nella’importante sfida della settima giornata di LBA contro la Vuelle Prosciutto Carpegna di Pesaro.

A fine partita Vitucci non ha salvato niente e nessuno della prestazione della propria squadra, che ha chiuso sotto di 18 il primo tempo e addirittura di 28 il secondo, parlando di responsabilità personali, prima di stigmatizzare quelle della squadra.

Inqualificabile e ingiudicabile, i due aggettivi scelti dal coach di Brindisi, che ha fatto appello alla presa di coscienza di ciascuno dei suoi giocatori, per ripartire di slancio fin dalla partita di Coppa che vedrà impegnati pugliesi mercoledì alle 20,30 contro il Groningen.

Ucci ucci sento odor di coach Vitucci

Tortona

Abbiamo, fino alla scorsa giornata, messo in evidenza la fantastica macchina da guerra costruita da coach Ramondino che ha cominciato alla grandissima questo scorcio iniziale di stagione, rimanendo attaccata alla prima posizione della classifica di LBA, palesando ben poche difficoltà.

In sole due giornate la Derthona ha perso prima la vetta e poi il secondo posto a favore delle due corazzate del campionato, Bologna e Milano. Niente di grave, per carità, le due sconfitte patite a Brindisi e a Brescia, ci possono certamente stare per il valore oggettivo delle avversarie e, soprattutto, perché una squadra come Tortona non può essere annoverata tra quelle che vinceranno ogni match da qui alla fine.

Certo è che qualche campanello d’allarme è riecheggiato nel posto partita, quando l’allenatore dei Tortona ha parlato di partita per larghi tratti inconsistente.

Arenata la Bertram yachts

Scafati

Non basta a Scafati il cambio di allenatore per evitare la sesta sconfitta in campionato che la relega all’ultimo posto in solitaria con una sola vittoria, quella contro Verona della quarta giornata.

Il campo di Sassari non è storicamente semplice per nessuno e tanto meno per una squadra come quella campana, ma l’ennesimo passo falso di Scafati è sembrato ai più molto netto. Attilio Caja necessita di tempo per trasmettere le sue idee alla squadra e ha parlato della piccola reazione avuta dalla sua squadra nell’ultimo periodo, dalla quale Scafati deve ripartire.

StecCaja

I risultati della settima giornata di LBA

  • Sassari-Scafati 86-76
  • Brindisi-Pesaro 74-102
  • Milano-Trieste 98-81
  • Brescia-Tortona 83-68
  • Trento-Bologna 64-71
  • Napoli-Treviso 84-82
  • Reggiana-Verona 65-70
  • Varese-Venezia 93-90

La classifica della LBA

  • Bologna 14
  • Milano 12
  • Tortona, Varese 10
  • Pesaro, Trento, Venezia 8
  • Sassari, Brescia, Napoli, Brindisi 6
  • Reggiana, Verona, Trieste, Treviso 4
  • Scafati 2
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email