Eurolega: perde la Virtus, vince l’Olimpia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Risultati opposti per Virtus Bologna e Olimpia Milano, impegnate in trasferta in Eurolega. I felsinei sono stati battuti 65-68 a Kaunas, in Lituania, dallo Zalgiris, mentre i meneghini sono andati a vincere a Belgrado, sull’infuocato parquet del Partizan, davanti ad addirittura diciassettemila spettatori innamorati della pallacanestro e della loro squadra.

“Quella con lo Zalgiris è stata una partita davvero fisica – ha sottolineato il coach bianconero Sergio Scariolo -. Congratulazioni ai nostri avversari per la vittoria, e ai tifosi per aver creato un’atmosfera molto bella, che ha aiutato la loro squadra. Noi abbiamo avuto un ottimo primo tempo e alcuni flash nel secondo. Ma non abbiamo avuto la necessaria consistenza e resilienza per tutti i 40′. La differenza l’hanno fatta i rimbalzi offensivi dello Zalgiris e i liberi che abbiamo sbagliato. Ma alla fine eravamo avanti di 5 a un paio di minuti dalla fine, è diventata una partita punto a punto in cui loro hanno fatto canestro e noi no. Abbiamo avuto brutte esecuzioni, congratulazioni a loro, noi riposiamo un giorno e prepariamo la prossima. L’ultimo tiro? Palla a Teodosic, volevamo vedere se aveva una buona possibilità di tirare, oppure scaricarla a Lundberg. Hayes ha fatto un’ottima difesa”.

“L’Eurolega non è differente dalle altre competizioni, ma è molto più fisica. Abbiamo giocatori che non avevano mai giocato in Eurolega, stanno imparando. Abbiamo avuto qualche infortunio, dobbiamo mettere tutta la squadra insieme e diventare una squadra solida. Per ora lo siamo per 20-25 minuti, dobbiamo arrivare a 40. E avere una prestazione solida da chiunque entri in campo” ha aggiunto Scariolo.

Di umore naturalmente diverso Ettore Messina, felice per avere espugnato un vero e proprio fortino, tra l’altro contro una squadra allenata da Zeljko Obradovic, top di gamma tra gli allenatori. I biancorossi hanno vinto in rimonta per 80-75, grazie anche ai 25 punti messi a referto da uno scatenato Shavon Shields. “E’ arrivata una vittoria importante per noi, difficile, in trasferta, contro una squadra ben organizzata ovviamente da coach Obradovic e che gioca estremamente duro – ha evidenziato il timoniere delle Scarpette Rosse -. Noi siamo partiti male, forse eravamo condizionati dall’atmosfera in cui si giocava, e forse ci siamo accontentati troppo di tirare da fuori in sospensione anziché andare a giocare dentro. La gara è cambiata quando abbiamo cominciato ad essere più fisici, abbiamo pareggiato la loro intensità e abbiamo mosso di più la palla. Devo congratularmi con i ragazzi per come hanno voluto vincere in un contesto senza dubbio difficile, crescendo nel corso della gara e facendolo con notevole personalità. Questo penso sia importante, guardando al nostro futuro nella competizione”.

Intanto non è ancora scattata la scintilla tra la Eurocup e la Dolomiti Energia Trentino: i bianconeri vengono superati dai London Lions 80-75 dopo 40’ in cui comandano le operazioni ma in cui i padroni di casa trovano maggiore lucidità e concretezza nel finale punto a punto. Tra i trentini i migliori per punti a referto sono Drew Crawford, che nel giorno del suo 32esimo compleanno segna 17 punti, Diego Flaccadori (17 anche per lui con un bel 5/8 da tre) e Matteo Spagnolo, autore di un secondo tempo d’autore da 14 punti, 6 rimbalzi e 3 assist.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email