riccardo trevisani serie a

Bentornata Serie A. Inzaghi riabbraccia Roma, Mou torna a Torino

Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Torna la Serie A, sosta nazionali quasi alle spalle e ottava giornata all’orizzonte.

Tra gli incroci più suggestivi c’è lo scontro tra Simone Inzaghi e il suo passato: Lazio-Inter, il ritorno dell’ex nella Roma biancoceleste.

Per la prima volta l’allenatore diventa avversario di una realtà che è stata casa sua per oltre 20 anni. Emozioni forti e la stessa voglia di vincere anche con il nerazzurro addosso, lì dove è cresciuto come uomo ed è diventato allenatore.

Quello che ha raccolto l’eredità di Conte dopo un breve tira e molla con Lotito: sembrava destinato a restare a Roma ma nonostante la stretta di mano con il presidente alla fine Simone ha sposato il progetto interista.

Un’occasione troppo grande, una scelta che alcuni laziali hanno accettato e altri meno; per capire quanti lo hanno perdonato davvero si deve aspettare sabato, il giorno del ritorno.

A Milano Inzaghi ha portato la capacità di adattarsi alla situazione, appresa proprio alla Lazio. Chiamato dopo il dietrofront di Bielsa, nel 2016, è riuscito a riportare la squadra in Champions e a vincere tre trofei.

Il percorso a Milano, finora, è stato forse superiore alle aspettative: il gruppo è cambiato pur restando ambizioso, il nuovo allenatore non ha stravolto quanto fatto da Conte ma ha mantenuto alta l’asticella. Ora l’ostacolo Lazio, primo big match fuori casa e prova di cuore per Inzaghi.

Sarà un ritorno anche per Mourinho, atteso a Torino da una Juventus e uno Stadium che ricordano bene l’ultimo incrocio. Novembre 2018, con il suo United José ribalta la Juve ed esce dal campo con l’orecchio teso e le tre dita sollevate per ricordare il triplete interista.

Il passato nerazzurro, il presente alla Roma, lo stesso obiettivo. Vincere contro un avversario storico, su un campo in cui – dal 2011 – i giallorossi hanno raccolto solo 3 punti.

Quattro sono oggi i punti in meno della Juventus, che ha chiuso il ciclo precedente con tre vittorie importanti. Allegri continua con i suoi esperimenti tattici e vuole nuove certezze per proseguire la rincorsa ai primi posti; anche Mou cerca sicurezze e risultati, e un successo in uno scontro diretto darebbe una spinta notevole a tutto l’ambiente.

Il rumore dei nemici che torna a farsi sentire, una sfida di quelle che esaltano il portoghese. I bianconeri però non possono concedersi altri passi falsi, il ritardo dalla capolista è già troppo. Sentimenti e orgoglio sull’asse Torino-Roma-Milano. La rincorsa al Napoli può ricominciare.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email