Polonia, in testa c’è Hayter. Prima di Tronchon in Spagna

Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Anche la temuta cronometro del Giro di Polonia – valida come sesta tappa della corsa – è andata in archivio: 11,8 km (con partenza da Nowy Targ e arrivo a Wierch Rusiński) in leggera salita che hanno comportato notevoli distacchi di tempo tra i partecipanti e, vista la ristretta classifica generale, ha dato una scossa alla classifica generale.

I primi 8 km del percorso sono stati leggermente pianeggianti, ma i successivi due chilometri sono stati in ascesa prima di un ultimo tratto pianeggiante. 

A imporsi nella frazione è stato Thymen Arensman, 22enne olandese che corre per il Team DSM, con il tempo di 17 minuti e 40 secondi, pedalando alla media di 40.075 Km/h.

Alle spalle di Arensman si sono piazzati due portacolori della INEOS Grenadiers, Magnus Sheffield, che ha concluso al secondo posto a 7″ dal vincitore, e Ethan Hayter, giunto terzo a 8″.

Il quasi ventiquattrenne britannico grazie al piazzamento fatto registrare giovedì, si è issato al comando della Classifica Generale con 11″ su Arensman e 18″ su Bilbao (Bahrain Victorius).

Sergio Higuita ha chiuso la sua fatica in 18 minuti e 30 secondi, accusando quindi quasi un minuto di ritardo dal vincitore di giornata, in una tappa poco felice per la Bora-hansgrohe dato che Jordi Meeus ha avuto uno sfortunato incidente ed è caduto su un ponte: non ha mai perso conoscenza ed è stato quindi trasportato in ospedale per una serie di accertamenti.

È stata una cronometro solida per me – ha raccontato Higuita -. Nelle ultime due prove a cronometro mi sono comportato abbastanza bene e penso di migliorare ogni volta in questa disciplina. Quindi ora siamo ancora tra i primi 10 in classifica generale, e con una vittoria di tappa in tasca, possiamo essere soddisfatti del nostro Giro di Polonia finora. Voglio anche augurare il meglio al mio compagno di squadra Jordi e una pronta guarigione dopo la caduta che lo ha visto coinvolto“.

Venerdì la corsa a tappe vivrà il suo atto conclusivo con la settima frazione che scatterà da Valsir e terminerà sul traguardo di Cracovia dopo 177 chilometri.

Bastien Tronchon, stagista in forza alla AG2R CITROËN, ha intanto vinto la tappa di giovedì della Vuelta a Burgos consegnando alla sua squadra il settimo successo stagionale.

Le parole sono difficili da trovare – ha ammesso il ragazzo subito dopo avere tagliato il traguardo -. È stata una giornata incredibile. Ho passato la tappa nella parta avanzata del gruppo per poter iniziare la salita del Picon Blanco nella migliore posizione possibile. Sono riuscito a scalare senza preoccuparmi degli altri e sono riuscito a salire poco prima dei corridori meglio piazzati a livello di Classifica Generale. La discesa è stata molto tecnica ma sono riuscito a tenermi stretto alla ruota di Pavel Sivakov fino al traguardo. Negli ultimi anni sono progredito poco a poco e sono felice di essere riuscito a dimostrarmi così combattivo nella mia prima gara da stagista professionista. Spero di poter continuare a dare ciò che la squadra si aspetta da me per il resto della stagione“.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email