sapporo dome

Sopporo Dome: lo stadio astronave

Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Sembra un’astronave e in realtà la chiamano “piazza“, quindi Hiroba. Ma il Sapporo Dome, lo stadio polifunzionale situato proprio nella città di Sapporo, isola di Hokkaido e quindi Giappone, è un gioiello tecnologico che già contiene mille storie nei suoi vent’anni di nascita, crescita, egregio funzionamento.

Qualcuno ha già scavato nei ricordi al solo input del nome, e togliamo immediatamente il primo dubbio: è uno degli impianti che ha ospitato l’Italia negli sfortunati Mondiali del 2002 in Corea e Giappone. Era il 3 giugno di 19 anni fa, era la doppietta di Bobo Vieri che in appena trenta minuti di gioco chiudeva lo scrigno e ci consegnava la vittoria inaugurale nel Gruppo G di quella Coppa del Mondo.

Una vita fa, ma il Sapporo domina ancora. Dall’alto dei suoi quasi 54mila metri quadrati in un’area che ne conta 97503 in totale. Enorme. E bellissima. Perché tutta verde e in grado di subire ogni condizione atmosferica. Un consiglio per gli appassionati: andate a vedere qualche foto sul web di quando c’è tutta la neve intorno, è uno spettacolo nello spettacolo. I giapponesi la vivono in due stagioni diverse e per due sport completamente opposti: ci giocano soprattutto i Fighters Hokkaido Nippon-Ham, squadra di baseball piuttosto conosciuta (è lo sport nazionale), poi la Consadole Sapporo. Colori rossoneri.

sapporo dome scheda

Il progetto

Lo stadio è stato progettato dall’idolo dell’architettura Giapponese, Hiroshi Hara. Tra le sue opere c’è la stazione di Kyoto, infinita, e l’Umeda Sky Building a Osaka: una sorta di “Torri Gemelle” unite da una parte sovrastante e dalla forma di una costruzione Lego. Il Sapporo Dome non sfigura per originalità e bellezza: la chiamano “astronave” non a caso, e da chilometri di distanza è possibile vedere la protezione a mo’ di guscio, che ha una funzione certamente “protettrice”, vero tratto distintivo dell’impianto. La cupola, Dome, fa sì che Sapporo abbia due tipi di campo diversi: il prato può essere spostato dall’esterno all’interno e viceversa grazie a un sistema di sollevamento ad aria. Fuori dalla parte coperta, vi è infatti un altro campo.

Nessun impianto ha questo tipo di versatilità e funzionamento. Quasi 42mila posti per uno sport diverso – e un terreno diverso – ogni giornata. Solitamente, la priorità va alla squadra di baseball, in grado di registrare quasi sempre – quando si poteva – sold out e incassi strepitosi. Ma come accade la traslazione? Bella domanda. E bella anche la risposta, con una premessa doverosa: tra calcio e baseball non cambia solo la dimensione del campo, cambia totalmente la forma. Dal rettangolo al diamante, non è un passaggio scontato e immediato.

Dunque, per trasformarsi, cambiano le gradinate nella parte inferiore: ruotano per adeguare gli spalti alla forma – modificata – del campo necessario e all’evento in programma. I posti a sedere, nella parte superiore, sono distribuiti in forma ellittica per garantire visione perfetta agli spettatori, ma è chiaro che, cambiando lo stadio, cambia anche il potenziale numero di chi può seguire la partita: da un minimo di 30mila si passa a una capienza massima di 53796 unità.

I grandi eventi

Non solo calcio e baseball, comunque. Al Sapporo Dome ci sono stati eventi di sci, Rally del Giappone, Coppa del Mondo di rugby. Sempre, l’impianto si è trasformato ed è venuto incontro alle esigenze dei tifosi. Ribadendo con forza il messaggio alla base della sua costruzione: era, è e sarà sempre per la gente, che nella struttura vede un punto di riferimento incredibile. Non è un segreto la passione nipponica per lo sport in generale, a partire dal calcio. E non fu un caso portare alla ribalta, sotto le luci dell’intero mondo, questo stadio così avveniristico già nel Mondiale del 2002.

La prima partita? L’incredibile 8-0 della Germania – poi finalista – contro l’Arabia Saudita; poi arrivò la doppietta di Vieri all’Ecuador. Infine, un altro match dai contorni decisamente “storici”: il successo dell’Inghilterra per 1-0 contro l’Argentina, seconda giornata del gruppo F. Milioni di foto per l’idolo di tutti: David Beckham, autore del gol dal dischetto.

Ovviamente, tutto intorno è diventato commercio. Dai ristoranti ai negozi, a palestre e stands, il Sapporo Dome contiene persino un parco giochi e un punto panoramico incredibile: da 53 metri d’altezza è possibile vedere lo skyline senza tempo della città giapponese. Con il caldo o con il freddo, con il sole o con la neve, al Dome nessun evento è mai stato rimandato. Proprio grazie all’impianto coperto per intero, lo sport riesce a sopravvivere alle grandi escursioni termiche delle stagioni giapponesi. In inverno si toccano anche -20 gradi, in estate l’afa non scherza. Unire l’utile al dilettevole era una missione. Ma l’occhio è finito per forza anche sul bello. Hiroshi Hara, in questo senso, ha agito da garanzia.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email