trvisani serie a

Serie A in vacanza con l’Inter schiacciasassi

Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

In Serie A si è chiuso un 2021 che ha visto un’Inter sempre più padrona del campionato, diventata campione d’Italia con Conte e ora campione d’inverno con Inzaghi dopo i cambiamenti estivi e nonostante un avvio di stagione che sembrava rallentato. L’1-0 contro il Torino ha certificato la superiorità dei nerazzurri, che segnano ancora e non prendono gol: 49 nelle prime 19 giornate, settima vittoria consecutiva con zero reti subite come non accadeva dal 1979.

46 punti, 4 più del Milan e a +7 e +8 su Napoli e Atalanta (che provano a tenere il passo e non ci riescono). Handanovič non subisce reti da oltre 550 minuti e la media realizzativa recita quasi tre ogni gara, mentre il parziale degli ultimi sei match è di 17 a 0. Numeri straordinari che ribadiscono una superiorità venuta fuori un po’ alla volta, dopo il lavoro cominciato quando c’è stata la necessità di sostituire Conte e quelle pedine lasciate partire per necessità di bilancio. 

Chi sembrava indispensabile è stato rimpiazzato, oggi le statistiche dicono che battere l’Inter è difficilissimo. Soprattutto a San Siro, dove Lautaro e compagni hanno portato a casa 19 vittorie e 2 pareggi nell’anno che sta per chiudersi, diventando la squadra con migliore rendimento casalingo nei top cinque campionati europei.

Una macchina tornata perfetta, diversa ma ugualmente concreta e piena di qualità, che dà ragione a chi la vedeva ancora favorita per lo scudetto a inizio campionato. In attesa del derby del 6 febbraio, alle porte c’è un gennaio difficile per Inzaghi: proprio contro il Milan, un anno fa l’Inter ha dimostrato di essere la migliore, ha superato il Diavolo che fino a quel momento comandava, ribaltando di fatto la classifica. E non si è fermata più.

Una marcia da schiacciasassi che contestualmente ha tolto sicurezze a chi insegue: ai rossoneri, penalizzati dagli infortuni come il Napoli, e all’Atalanta , che da avversaria più accreditata si è ora staccata dopo un pareggio e una sconfitta. A chiudere il gruppo di chi sta dietro anche Juventus e Roma, con i bianconeri in striscia positiva e i giallorossi che sembrano aver trovato un equilibrio; ma pensare di poter arrivare alle primissime posizioni e infastidire chi sta lassù è un’altra cosa.

A fermare Inzaghi ci è riuscita soltanto la sosta e mentre gli avversari – Allegri prima, Mourinho pochi giorni fa – sottolineano le qualità di questa corazzata, l’Inter sarà chiamata ad andare oltre per battere se stessa e confermarsi in un girone di ritorno che storicamente l’ha spesso vista fare meglio rispetto a quello di andata.

Crescere ancora per fare il bis e accendere la seconda stella nerazzurra a fine stagione: un traguardo strepitoso che andrebbe a coronare un cammino iniziato oltre un anno fa. In passato il mese di gennaio si è rivelato uno dei più complicati dell’anno, ma oggi la storia sembra diversa.

Troppa la superiorità di chi si è fissato in testa un traguardo storico e si è dimostrato maturo e concentrato sull’obiettivo. Un gruppo che non vuole lasciare niente a nessuno e che dopo pochi giorni di sosta ha intenzione di ricominciare ad accelerare.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email