inter lazio

Lazio-Porto: dubbio Immobile per i biancocelesti pieni di assenze

Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Davanti a più di 30.000 inferociti tifosi portoghesi, la Lazio di Maurizio Sarri, giovedì scorso, ha dimostrato di avere la personalità per meritarsi il passaggio del turno. O quantomeno per sudarselo fino all’ultimo secondo della partita dell’Olimpico.

Con la nuova formula del conteggio totale dei gol tra andata e ritorno – e quindi l’esclusione della precedente regola dei gol in trasferta – l’ipotesi supplementari, come ha ricordato il mister toscano, assume contorni più definiti rispetto alle precedenti edizioni. Occhio quindi al fattore fisico.

La Lazio – che già all’andata non aveva i favori del pronostico – si ritroverà ad ospitare il Porto con assenze pesantissime.

Dilemma Immobile

Ammesso e non concesso il recupero di Acerbi, in assenza del quale la Lazio negli ultimi due mesi ha concesso appena un gol in cinque partite di campionato con quattro clean-sheet all’attivo, molto del passaggio del turno dipenderà dal recupero di Ciro Immobile.

L’attaccante biancoceleste, che anche quest’anno si sta confermando il miglior bomber del campionato di Serie A, è anche il miglior marcatore della Lazio in Europa League. In una partita già difficilissima con i titolari, la sua assenza – da aggiungere a quelle di Lazzari, Pedro, Zaccagni (per squalifica) – rischia di essere fatale per il destino della Lazio.

Jovane Cabral, entrato a partita in corso sia col Porto che con l’Udinese, ha dato buone risposte a mister Sarri, ma è evidente che – per preparazione fisica, tecnica e tattica, nonché di esperienza – la presenza o l’assenza di Immobile contro la squadra allenata da Conceicao riduce o allarga il divario nel pronostico degli ottavi.

Eppure, già all’andata Immobile era stato costretto al forfait. Che Lazio era stata? Partita bene, e in gol con Zaccagni dopo 23’, la formazione allenata da Sarri era andata calando verso la fine del primo tempo, prendendo un gol taglia-gambe quasi allo scadere di Toni Martinez. Il quale nella ripresa – giocata alla grande dal Porto – aveva poi trovato la zampata vincente al 49’. Confermando così una tendenza inquietante e irrisolvibile per la formazione biancoceleste quest’anno: prendere i gol quasi sempre nei primi 15 o negli ultimi 15 minuti di gioco.

I motivi per sperare

Alcuni numeri, diremmo incoraggianti, possono però far sorridere i tifosi della Lazio in vista del ritorno (comunque difficilissimo e, a seconda dell’assenza o meno di certi interpreti, addirittura proibitivo). Partiamo dal dato sul possesso palla, che ha visto la Lazio in vantaggio sui portoghesi (55% vs 45%) e in controllo della sfida per almeno i primi 40’.

Farlo a Oporto, con assenze di un certo tipo, non è affatto scontato. Meglio ancora, questo possesso palla è stato caratterizzato da un ammirevole precisione a livello tecnico, una pulizia di palla che forse non si era mai vista quest’anno in Europa. Su 618 passaggi totali, 538 la squadra di Sarri li ha mandati a buon fine (87% di precisione).

Il Porto è sotto di qualche punto (84%). Ma anche la statistica sui tiri è indicativa. Addirittura 21 da parte del Porto, ma appena 4 nello specchio (2 gol, cioè una percentuale del 50% dei tiri totali nello specchio conclusi in rete; bravo e fortunato, questo Martinez). Nella Lazio 7 tiri, di cui 2 nello specchio (stessa percentuale della squadra portoghese in fase realizzativa). È stato un risultato giusto? Sì. La Lazio potrebbe ribaltarlo nella partita di ritorno? Difficile.

Anche ammettendo una presenza di Immobile, che non sarebbe però al 100%, anzi, la Lazio dovrà affidarsi principalmente alla classe straripante del vice capitano Sergej Milinkovic-Savic.

Il serbo sta giocando un calcio di livello superiore. Quel livello che l’11 biancoceleste – a prescindere dagli interpreti – dovrà provare a tenere nei 90 (e più?) minuti di gioco se vuole davvero ribaltare un risultato così scomodo come il 2-1 dell’andata di Oporto. Molto, se non tutto, passerà dalla testa e dai piedi di un centrocampista che ha dimostrato negli ultimi anni di avere medie realizzative da seconda punta.

Conceicao lo sa bene, e già all’andata aveva provato (senza fortuna) a limitarlo. Il sergente comanderà, ma quanti dei suoi soldati lo seguiranno?

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email