trofeo europa league

Finale Europa League: Eintracht e Rangers si giocano tutto

Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

La finale di Europa League che forse nessuno si aspettava, andrà in scena allo stadio di Siviglia con fischio di inizio alle ore 21:00 di mercoledì 18 maggio. Di fronte Eintracht Francoforte e Rangers Glasgow, con una delle due che tornerà ad alzare un trofeo europeo dopo almeno quarantadue anni di astinenza. Scopriamo allora tutto quello che c’è da sapere su un match che si preannuncia decisamente combattuto e incerto.

I precedenti tra Eintracht e Rangers

Un solo precedente ufficiale in Europa tra le due squadre, che risale al 1960 in una prestigiosa semifinale di Coppa dei Campioni. Non ci fu storia però, con i tedeschi capaci di segnare sei reti sia all’andata in Scozia, sia al ritorno in casa, per un 12-4 finale che non lascia scampo.

L’Eintracht poi riuscì addirittura a passare in vantaggio nella finale contro il Real Madrid (giocata proprio a Glasgow), salvo poi cadere sotto la pioggia di gol del duo Puskas/Di Stefano per il 7-3 definitivo.

Entrambe le squadre sono comunque riuscite a mettere almeno un trofeo Europeo a testa nelle loro bacheche. Per gli scozzesi si tratta della Coppa delle Coppe, vinta nel 1972 dopo aver battuto il Torino nei quarti, il Bayern Monaco in semifinale e la Dinamo Mosca in finale. Altre due volte era arrivata in finale in questa competizione, nel 1961 sconfitta dalla Fiorentina, e nel 1967 (dove vinse il Bayern Monaco ai supplementari). Stesso destino anche nel più recente 2008, quando riuscì ad arrivare in finale questa volta nella Coppa UEFA, perdendo però contro lo Zenit.

L’Eintracht invece si è portato a casa la Coppa UEFA nel 1979/80, in quell’occasione dopo aver battuto entrambe le altre tedesche: il Bayern in semifinale e il Borussia Monchengladbach nella doppia finale (3-3 il conto dei gol con il Francoforte però che vinse in virtù dei gol fuori casa).

Le statistiche a confronto

EINTRACHTRANGERS
12Giocate14
1,67reti segnate1,57
1,08reti subite1,07
2gol su calcio piazzato5
13gol su azione manovrata12
48%possesso palla47%
13tiri a partita11
5tiri in porta a partita4
10,5tiri subiti a partita10,2
2porta inviolata totale3
477passaggi a partita473
3rigori4
Le statistiche di Coppa tra Eintracht e Rangers

Se è impossibile mettere a confronto le statistiche su due campionati così diversi come la Premiership scozzese e la Bundesliga tedesca, per quanto riguarda invece i dati relativi alla sola Europa League di questa stagione, i numeri non sembrano mostrare una grande differenza tra le due compagini.

Praticamente identico il dato medio delle reti segnate e subite ogni partita, con qualche differenza solo nel dettaglio situazionale. Quasi identico anche il possesso palla (dato in linea per il Francoforte con quello in Bundesliga, mentre ovviamente per il Rangers vola oltre il 60% nel campionato di casa), così come i tiri concessi agli avversari (differenze nell’ordine decimale) e il numero di passaggi medi per partita.

Una leggera differenza solo nel volume di gioco offensivo, con i tedeschi leggermente in vantaggio nel numero di conclusioni e nella precisione verso lo specchio della porta.

Ma attenzione però, perchè mai come in questo caso il “dato medio” potrebbe essere fuorviante. Se il Rangers arriva alla sfida finale nonostante cinque sconfitte in quattordici partite, l’Eintracht potrebbe essere invece la terza squadra ad aggiudicarsi la Coppa senza aver mai perso nemmeno una partita (dodici giocate fino ad ora, più la finale).

Il cammino di Coppa

Percorso netto in Europa per quanto riguarda l’Eintracht Francoforte, che arriva all’appuntamento come detto senza aver mai perso un’incontro: tre vittorie e tre pareggi nei gironi, poi il passaggio del turno ai supplementari contro il Betis e soprattutto la grande vittoria in quel di Barcellona che ha spianato la strada al doppio confronto vincente contro il West Ham in semifinale.

Più complicata la strada del Rangers, iniziata fin dagli spareggi contro gli armeni del Alaskert e proseguita con il secondo posto nel girone dietro al Lione ma davanti allo Sparta Praga, nonostante le due sconfitte iniziali che sembravano aver compromesso il cammino. Poi invece gli scozzesi hanno saputo metterci del loro, eliminando a sorpresa il Borussia Dortmund negli spareggi playoff, per poi avere la meglio sullo Stella Rossa e soprattutto recuperando le sconfitte esterne contro Braga e Lipsia con un doppio 3-1 casalingo.

Stato di forma delle due squadre

Il bel cammino di Coppa non fa il paio però con le vicende del campionato, con l’Eintracht che viaggia nella parte destra della classifica e non riesce a vincere da otto giornate a questa parte. Vincere questa finale quindi è l’unico modo per restare in Europa anche il prossimo anno.

I Rangers non sono riusciti a vincere il loro campionato, finendo alle spalle del solito Celtic ma mantenendo l’ingresso agli spareggi di Champions per il prossimo anno. Tre vittorie di fila hanno chiuso la loro stagione in crescendo e sono pronti ora per giocarsi il tutto per tutto nella finale.

Le probabili formazioni dell’Eintracht

Mister Glasner dovrà necessariamente fare qualche aggiustamento in vista dell’assenza sicura di Hinteregger in difesa e di un Lindstrom in dubbio per qualche problema fisico. Davanti a Trapp avremo così Tuta unica certezza, con a fianco due tra Tourè, Ilsanker o Hasabe.

Nella linea di centrocampo spazio a Kostic e Knauff ai lati, con in mezzo Sow e una maglia da scegliere tra Jakic e Rode. Piccolo dubbio anche in trequarti quindi, dove non dovesse farcela Lindstrom è pronto uno tra l’ex milanista Hauge o Hrustic a fare coppia con Kamada. Unica punta invece Borrè, che in stagione ha messo a segno già 11 gol e 8 assit (nelle 44 presenze tra campionato e coppa).

Eintracht: (3-4-2-1): Trapp; Touré, Tuta, Ilsanker; Knauff, Sow, Rode (Jakic), Kostic; Hrustic (Hauge), Kamada; Borré. All. Glasner

Le probabili formazioni del Rangers

Anche Van Bronckhorst dovrà farei i conti con qualche assenza, a cominciare da quella pesante di Morelos in attacco, con il colombiano autore di 18 reti e 8 assist in 38 partite (tra campionato e coppa). Sarà Ayodele-Aribo a dover non far sentire la sua mancanza. Per il resto McGregor tra i pali, con Tavernier e Barisic ad agire sulle fasce e Goldson e Bassey centrali.

A centrocampo potremmo vedere qualche sorpresa (soprattutto se si sceglierà un modulo più difensivo), guidato però certamente dall’ex juventino Ramsey con Kamara al suo fianco, mentre compiti più offensivi dovrebbero avere Wright e Kent.

Rangers(4-3-3): McGregor; Tavernier, Goldson, Bassey, Barisic; Jack, Ramsey, Kamara; Wright, Aribo, Kent. All. Van Bronckhorst

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email