chelsea juve analisi post partita

Il Chelsea ha messo a nudo i difetti della Juve

Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Szczesny l’ha definita una “serata tragica”, per Allegri non c’è un grosso problema in vista dell’Atalanta perché “tanto l’obiettivo qualificazione è stato centrato”, eppure resiste una verità di mezzo e in mezzo a Chelsea-Juve: è un tonfo che certifica i passi indietro della squadra bianconera.

Uno dopo l’altro, uno di mercato e l’altro di autostima, i bianconeri non sono più la schiacciasassi in campionato (e lo sapevamo), ma sono ben lontani dal progetto di mantenersi stabilmente nella top 8 del calcio europeo.

Via all’inquisizione: di chi è la colpa?

Di chi l’ha costruita o di chi l’ha messa in campo nella notte amara di Stamford Bridge? Dei giocatori “inallenabili” o di chi semplicemente non è (più) all’altezza di vestire una maglia così tanto pesante?

Intanto, partiamo dal dato incontrovertibile, e cioè dal risultato: a Stamford Bridge è 4-0, ha aperto Chalobah e hanno proseguito James, Hudson-Odoi e Werner. Erano oltre 60 anni che non arrivava un ko del genere in Champions League.

Il Chelsea mette a nudo gli errori della Juve

I quattro gol del Chelsea non sono solo un numero, per quanto doloroso: sono la certificazione della differenza tra le due squadre. Se i Blues sembrano all’interno di un cerchio disegnato, costruito, messo a posto in un solo anno e mezzo di lavoro dallo scienziato Tuchel, a quattro mesi dal primo ritiro la Juve è apparsa molle e demotivata, svuotata dalla posta in palio – ma non è una giustificazione – e spaventata davanti all’aggressione.

Va da sé: non è certo la prima volta che i bianconeri affrontavano una squadra superiore, anche nettamente. Ma nell’atteggiamento e nella fase difensiva, Allegri aveva sempre trovato una quadra giusta. E magari l’episodio vincente.

L’aveva fatto all’andata, del resto. Quando aveva trovato in Chiesa un toro scatenato e una difesa di insuperabili, con De Ligt-Lukaku a emozionare il pubblico dello Stadium. Ecco: ieri l’olandese è stato un predicatore nel deserto, al suo fianco solo Leo Bonucci e qualche parata importante di Szczesny. Il resto? Deserto, appunto.

Cuadrado ha faticato da terzino, Alex Sandro ha costantemente perso Ziyech e i riferimenti. In mezzo Locatelli verticalizzava, tutto il resto arretrava. E quando Kean e Dybala sono entrati, Morata e Chiesa avevano già raccolto l’insufficienza finale.

Mentre il Chelsea palleggiava, con forza e consapevolezza, si è materializzata la certezza più dolorosa per i tifosi della Juventus: non è tanto Allegri, o comunque non solo, a non rendere il materiale bianconero tessuto europeo, dove per europeo s’intenda verticalizzazioni, aggressione, velocità, idee e imbucate; sono i giocatori a disposizione e in particolare è il centrocampo a non essere all’altezza.

A qualcuno evidentemente serviva un’altra prova: eccola.

Tutte le colpe di Allegri

È indubbio che anche Massimiliano Allegri non stia dando qualcosa in più, qualcosa che comunque giustifichi la decisione della dirigenza juventina di ricominciare il suo ciclo.

Un dato, non buttato a caso: la Juve ha rimediato 4 delle 5 sconfitte più pesanti in Champions League nelle ultime tre stagioni. E in panchina c’era sempre Max. Che stavolta ha un materiale umano e tecnico completamente diverso dalla versione finale della sua prima vita bianconera, e che comunque non riesce a farlo rendere al massimo.

Anche la formazione di ieri, un 4-5-1 travestito da 4-4-2 in fase offensiva, non ha dato alcuna soluzione. Anzi: ha limitato il potenziale di tanti. McKennie ha lottato di puro agonismo, ma non ha mai trovato il tempo di inserirsi; Chiesa aveva il motore ingolfato, dopo gli scatti di Roma a Londra proprio non è riuscito ad accendersi; Morata ha lottato contro Rudiger ed è stata una lotta impari. Solo Locatelli guardava in avanti e ha avuto la forza di imbucare, mentre Rabiot perdeva palla e cercava di limitare i propri danni.

La Juve è sembrata spaesata e senza un’idea concreta. Ha fatto spallucce per 90 minuti contro i più forti d’Europa. Non per mancanza d’umiltà, ma perché ha scelto di non gravarsi della battaglia di Stamford Bridge.

Ha perso in partenza, e poi sul campo: forse è la colpa “più colpa” di Allegri.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email