4 giornata di eurolega

Eurolega: Milano chiede strada all’Efes nel big match della quarta giornata

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Un inizio di Eurolega da mille e una notte, quello dell’unica nostra squadra impegnata nella manifestazione più importante della pallacanestro europea.

L’Armani AX è una delle tre squadre con il record immacolato, tre vittorie e zero sconfitte, maturate contro avversari di tutto rispetto come CSKA all’esordio, Baskonia in trasferta la settimana scorsa e ancora Maccabi di Tel Aviv in casa, non più di un paio di giorni fa.

Ora arrivano al Forum i campioni d’Europa dell’Efes Anadolu, i quali, al contrario, hanno cominciato nel peggiore dei modi.

Armani AX Milano-Efes Anadolu Istanbul

Se qualcuno dei nostri lettori avesse dato uno sguardo al calendario prima della partenza della Turkish Airline Euroleague 2020/2021, avrebbe probabilmente pensato ad una delle due squadre che si affrontano nella giornata di venerdì 15 ottobre, a punteggio pieno dopo le prime tre partite.

Ci avrebbe azzeccato, certo, ma quella squadra risponde al nome di Milano, che, seppur possa stare con pieno diritto di cittadinanza, nel ristretto gruppo delle prime a punteggio pieno, ci sta di meno che l’avversario, l’Efes di Istanbul campione in carica, abbia uno sconfortante “ZERO” apposto nella casella delle vittorie.

Ebbene sì, la regina europea della scorsa stagione, scippata con un anno di ritardo da quello della stagione precedente, non è riuscita ancora a mettere a segno nemmeno una vittoria nelle prime tre uscite stagionali, contro Real Madrid, CSKA e Asvel Villeurbanne.

La verità è che nessuna delle tre squadre affrontate dai turchi nasconde velleità importanti per la stagione in corso, ma un inizio di questo tipo non se la sarebbe aspettato nessuno.

CSKA e Real Madrid sono tra le 4 favorite di questa Eurolega, insieme a Barcellona e alla stessa Efes e l’Asvel è certamente una di quelle compagini che, grazie al budget messo a disposizione dal front office francese, più si sono mosse in off season per provare a portare a casa almeno i playoff.

Adesso vi è da affrontare l’ennesimo esame importante, che vestirà di rosso e che, insieme alla stessa Asvel e al Barcellona, occupa il primo posto provvisorio in classifica, a punteggio pieno, Milano.

Le convincenti vittorie del trittico iniziale, hanno destato parecchio interesse nel confronti dell’Armani AX, anche perché giunte contro avversarie molto attrezzate, se si eccettua la partita di Vitoria contro il Baskonia, una delle squadre probabilmente meo attrezzate del lotto.

Durante le ultime 11 stagioni, Milano ed Efes si sono affrontate almeno due volte, con un bilancio che sorride decisamente ai turchi e che parla chiaro: 20 vittorie e 10 sconfitte. Il dato più curioso, è però quello della scorsa stagione, durante la quale, in regular season, Milano portò a casa la vittoria in entrambe le occasioni, ad Istanbul al fotofinish per 69-72 e a Milano, con una prova sontuosa, per 98-75.

Sono tanti gli incroci da tenere presente per le due squadre e che, soprattutto, potrebbero fare da ago della bilancia nella partita di venerdì, a cominciare dal faccia a faccia tra Rodriguez e Larkin, il primo che ha stabilito il record di rubate quando militava a Madrid, proprio contro l’Efes, nel 2013, ben 6 e il secondo che inanellò il suo secondo dei 4 consecutivi MVP di giornata nel 2019, proprio contro Milano.

Delaney e Singleton sono stati compagni di squadra al Krasnodar nella stagione 2015/2016, al termine della quale riuscirono a centrare le Final Four.

Sarà una partita durante la quale il peso e la presenza sotto canestro, avranno il loro decisivo ruolo in entrambe le parti del campo. Non per forza è un male per Milano, che quest’anno sembra avere trovato le chiavi giuste per trovare la via del rimbalzo con molta più regolarità rispetto alle stagioni passate.

Asvel Villeurbanne-Maccabi Tel Aviv

Dopo la sconfitta di Milano, gli israeliani del Maccabi di Tel Aviv, salgono in Francia per incontrare un’altra squadra senza sconfitte, l’Asvel Villeurbanne.

Come accennato in precedenza, è salito il budget dei transalpini, che hanno creato un roster di tutto rispetto, allenato con sapienza dal fratello di Tony Parker, TJ.

Il Maccabi ha vinto all’esordio contro il Bayern Monaco di Trinchieri, falcidiato dagli infortuni, per poi perdere contro la Stella Rossa di Belgrado in casa, prima della partita del Forum di qualche giorno fa.

Il punto chiave del match, saranno i rimbalzi, punto dolente di entrambe le squadre. La difesa dei francesi è certamente una delle migliori di tutte le partecipanti, visto che hanno lasciato poco più di 72 punti di media alle avversarie incontrate fin qui, ma concedere quasi 13 rimbalzi offensivi a partita, è davvero troppo.

Monaco-Barcellona

Bellissima è invece stata la partita di Madrid valevole per il terzo turno, quella tra Real e Monaco.

Dopo i primi minuti di gioco, i “blancos” sono scappati addirittura sul +20 e sembrava una pratica archiviata sul nascere, ma la resurrezione di Mike James, uscito per un infortunio al polpaccio negli ultimi minuti di gioco, ha rimesso le cose a posto, fino all’ultimo acuto dei padroni di casa.

Adesso i monegaschi affrontano la seconda superpotenza iberica, il Barcellona, che vola nel Principato sapendo di dover tenere la massima concentrazione per conservare il primo posto in coabitazione con Milano e Vulleurbanne.

È la prima volta che queste due squadre si incontrano in una manifestazione ufficiale e, nel caso riuscisse a recuperare, sarà Mike James il vero ago della bilancia. Durante la partita giocata nella capitale spagnola, James ha dimostrato a tutti che senza le sue scorribande offensive, Monaco perde buona parte delle proprie potenzialità.

Da seguire anche lo scontro tra Westerman, ex Barcellona e Calathes. Scintille, invece, tra i Big Man delle due squadre, Hall e l’ex Treviso Motjeiunas da una parte e Brandon Davies dall’altra.

Real Madrid-Panathinaikos

Il Madrid doppia la partita casalinga contro il Monaco, ricevendo al Wizink Center il Panathinaikos.

La squadra di Priftis è andata a perdere a Vitoria contro il Baskonia nella prima delle due trasferte in terra spagnola e proverà a rimediare contro i più quotati avversari di venerdì sera.

L’impresa non sarà facile, anche perché il Real ha proprio contro il Pana uno dei suoi record migliori, 21 vinte e 10 perse nel nuovo millennio, mettendo le mani sulla posta piena addirittura per 12 volte di seguito.

Tra tutte le partite della scorsa stagione, quella tra Panathinaikos e Real Madrid, ma giocata ad Atene, viene ancora oggi ricordata come una delle più belle dell’intera season. In quella occasione vinse il Real dopo due supplementari, 93-97.

Ecco tutte le partite della quarta giornata:

  • 14.10 H. 19,00 Zenit-Bayern Monaco
  • 14.10 H. 19,45 Fenerbahce-Unics Kazan
  • 14.10 H. 20,00 Alba Berlino-Baskonia
  • 14.10 H. 20,00 Asvel Lyon-Maccabi Tel Aviv
  • 15.10 H. 19,00 CSKA-Stella Rossa
  • 15.10 H. 19,00 Monaco-Barcellona
  • 15.10 H. 20,00 Olympiakos-Zalgiris Kaunas
  • 15.10 H. 20,30 Armani AX-Anadolu Efes
  • 15.10 H. 21.00 Real Madrid-Panathinaikos

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email