ettore messina olimpia milano

Eurolega: blackout Olimpia, vendetta Mike James

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Un’Olimpia Milano già certa dell’approdo ai playoff di Eurolega cede al Monaco dell’ex Mike James, croce e delizia dei tifosi meneghini ai tempi della sua esperienza sotto alla Madonnina.

Il quintetto del Principato viola il Forum di Assago con il punteggio di 72-63, collezionando la quarta affermazione di fila dopo i successi casalinghi conquistati ai danni di Efes, Olympiakos e Baskonia: le possibilità di entrare tra le magnifiche otto del basket europeo si fanno sempre più concrete.

I biancorossi di casa, tra i quali non c’è Nicolò Melli, fermatosi all’ultimo momento, cominciano con un paio di conclusioni dall’arco di Bentil e Shields che scavano un primo margine. Il secondo è ancora più netto, perché oltre a Bentil anche Delaney fa male dalla distanza: 16-9. Gli ospiti riordinano le idee e si rifanno sotto con un parziale di 7-0. Al primo intervallo il tabellone indica che Milano è ancora avanti ma solamente di una lunghezza: 17-16.

Si riparte e il Monaco fa grande fatica nel trovare il canestro perché la difesa dell’Olimpia lavora con grande efficacia. E così i padroni di casa ricominciano ad allungare, guadagnando punto su punto: il divario si dilata a 10 punti, con Obradovic (Sasa, da non confondere con il mitologico Zeljko, che allena il Partizan Belgrado) che fatica a venire a capo della situazione.

Ci pensa James, con un tiro da 3, ad accorciare, Messina chiama il time-out e l’Olimpia si riporta su un vantaggio a due cifre. Che però si riduce prima dell’intervallo lungo al quale le due formazioni vanno con la squadra di casa sul +6 (37-31).

Non è un granché l’avvio del terzo quarto. I monegaschi fanno una fatica bestiale nel trovare il canestro (restano a secco per oltre quattro minuti), ma Milano non ne approfitta per scavare un fossato: il vantaggio degli uomini di Messina arriva comunque a +11.

A questo punto cambia tutto. I monegaschi si trasformano nei cugini forti di quelli che si erano visti nei primi minuti del terzo periodo e iniziano a martellare. Per cominciare piazzano un parziale di 11-0, che vuole dire parità. Non contenti, con Milano che non si raccapezza, allungano ancora fino al 51-43 con cui si chiude la frazione: il parziale, imbarazzante per gli Armani-boys, è intanto diventato di 20-1 per gli ospiti.

Nel quarto quarto l’Olimpia prova a gettare il cuore al di là dell’ostacolo: la generosità non manca, il gioco invece tende a essere confuso. Monaco vede avvicinarsi i rivali (-5) ma poi torna a macinare canestri ai danni di una squadra che perde fiducia con l’avvicinarsi della sirena conclusiva. L’ultimo sussulto di Shields vale il -6 ma non basta per fare paura a Mike James e compagni, che vanno a tagliare il traguardo sul punteggio di 72-63.

Purtroppo, sul +11, abbiamo iniziato a commettere errori banali e a peccare di superficialità – ha sentenziato Ettore Messina a fine gara -. Nel secondo tempo le letture in attacco sono state di basso livello, ci è mancato Melli. Playoff? Servirà anche un po’ di fortuna nel trovare l’avversaria più adatta“.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email