dino e andrea meneghin

Dino e Andrea Meneghin: due storie parallele con la nazionale nel cuore

Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Al pari di altri sport piuttosto logoranti, pensiamo al calcio, al volley, all’atletica leggera e a buona parte di quelli individuali, anche la pallacanestro prevede, solitamente, delle carriere che terminino ai margini dell’età pensionabile.

Le sfide dei vecchietti

Ciò significa che i campioni più longevi di questi sport, necessitano di una mano d’aiuto particolare, dal proprio fisico, dai proprio compagni, dal loro allenatore

Il calcio è un esempio lampante: il ruolo di Pirlo nei suoi ultimi anni, lo spostamento dalle fasce verso il centro del campo di alcuni veri e propri talenti per preservarne l’integrità fisica, sono solo due di questi aiuti atti allo scopo. 

Per questi motivi non è sempre molto facile trovare esempi dai quali scaturiscono sfide sportive tra padri e figli. Nella pallacanestro il numero di tali contrapposizioni all’interno dei palazzetti è ancor meno numerosa.

Dino 

Quella che, al contrario, inorgoglisce il nostro ego italico, nasce in un piccolo centro di meno di 3.000 anime a pochi chilometri da Belluno, in Veneto, nel 1950, quando a Lan, nomignolo affettuoso che la gente della zona ha dato e dà tuttora ad Alano di Piave, vide per la prima volta la luce un uomo destinato a diventare il campione più forte che il basket italiano abbia mai prodotto. 

Stiamo parlando di Dino Meneghin, 70 anni compiuti lo scorso 18 gennaio e primo responsabile dell’avvicinamento di molti appassionati in un Paese dove da sempre ci si ingozzava di pasta e calcio. 

La carriera del giovane Dino comincia da Varese grazie a Messina, che di nome non faceva Ettore, ma Nico, arguta mente cestistica che allenò per qualcosa come 30 anni, insegnando pallacanestro per tutto lo stivale, da Tortona a Bologna sponda Virtus, da Napoli a Firenze, da Brindisi a Rieti dove chiuse la sua carriera da coach. 

L’incontro con un giovanissimo Dino Meneghin avvenne nel 1966, quando Messina ricopriva il ruolo di responsabile delle giovanili a Varese e lo fece esordire in Serie A appena sedicenne. 

Da quel momento Meneghin non scese mai più dall’Olimpo del basket nazionale. 

Fino al 1981, Dino Meneghin giocò per Varese, per poi passare, a 31 anni, all’Olimpia di Milano dove poi chiuse la carriera nella stagione 1993/94, dopo una breve parentesi triestina. 

Nel primo, lunghissimo scorcio della sua carriera, a Varese, conquistò 7 dei suoi 12 scudetti, prima di conquistare i rimanenti 5 con le scarpette rosse, dove vinse anche due Coppe dei Campioni che si aggiunsero alle 5 vinte con Varese. 

L’amore di Meneghin verso la nazionale, con la quale portò a casa la medaglia d’oro alle Olimpiadi di Mosca e agli Europei di Parigi nel 1983, è sempre stato sotto gli occhi di tutti, anche e soprattutto quando rinunciò al camping estivo con New York, visto che all’epoca i giocatori stranieri tesserati in NBA non potevano giocare con la propria nazionale. 

Andrea

Sono due i tratti lineari della carriera di Andrea Meneghin che combaciano perfettamente con quelli di papà Dino: il primo è il Campionato d’Europa conquistato all fine dello scorso millennio, l’altro riguarda la partita che padre e figlio giocarono contro quando l’ormai 44enne veneto chiudeva il suo incredibile percorso nel basket nazionale e il poco più che maggiorenne varesino la stava appena cominciando.

Eh sì, perché Andrea nasce a Varese il 20 febbraio del 1974, nel pieno della militanza del papà in quel di Varese. 

Il 1999 è un punto focale della carriera del “Menego”: oltre allo storico Campionato d’Europa vinto in Francia, nello stesso anno vinse lo Scudetto e la Supercoppa italiana. 

Varese ha rappresentato il vero amore incondizionato per il talentuoso giocatore italiano, legato a doppio filo con la città che gli ha dato i natali, interrotto solo da una breve parentesi con la Fortitudo di Bologna nella quale giocò dal 2000 al 2002. 

Il talento di Andrea è sempre stato riconosciuto da tutti, non tanto perchè figlio d’arte, ricordiamo che ruolo, fisico e caratteristiche tecniche erano totalmente diverse da quelle di papà, quanto perché tutti, tra osservatori, allenatori e tifosi, lo hanno sempre additato come uno che poteva fare qualcosa di diverso in campo, rispetto agli altri 9 impegnati sul parquet.

L’esplosione vera e propria del campione varesino non si è mai compiuta al 100%, poiché, soprattutto nella seconda parte del suo cammino, i numerosi infortuni ne hanno caratterizzato i momenti cruciali.

Questo ha portato Andrea a ritirarsi dal basket che conta al termine della stagione 2004/2005, per poi passare a Daverio dove giocò in C2 per un semplice moto di amore verso lo sport al quale ha dato tanto e ricevuto forse meno di quanto avrebbe meritato. 

Proprio in quell’anno Andrea indossò i panni di assistente allenatore sempre a Varese, accompagnando un altro mostro sacro del basket lombardo, Francesco Vescovi. 

La carriera da allenatore di Meneghin è continuata fino al 2018, quando è diventato responsabile del settore giovanile, sempre di Varese. 

Il rapporto 

Non è mai stato fatto mistero del non facilissimo rapporto tra Dino ed Andrea e, senza entrare nelle pieghe di qualcosa che non può mai essere giudicata da fuori, padre e figlio hanno sempre dichiarato di avere avuto delle incomprensioni

Lo stesso rapporto è però decisamente migliorato nel momento in cui i due hanno rivestito un ruolo importante in nazionale, uno in campo e l’altro ricoprendone uno manageriale. 

La cavalcata europea della magnifica squadra di Bogdan Tanjević, si rivelò una specie di vero e proprio toccasana per il rapporto dei due, immortalato dai flash delle macchine fotografiche di tutto il mondo.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email