Da Vieri a Becker, ecco gli sportivi che amano il poker

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Poker e sport ci azzeccano poco, verrebbe spontaneo dire. E invece sono tanti i campioni del mondo dello sport che hanno trovato nel Texas Hold’em un nuovo campo di gioco, una nuova sfida dove testare le proprie abilità strategiche e mentali. Volete conoscere qualche nome?

Tralasciando (per ora) i professionisti degli sport made in USA, cominciamo dai campioni del calcio, lo sport che ha portato in dote al poker il maggior numero di appassionati. Tra questi c’è sicuramente Christian Vieri il quale, subito dopo aver appeso le scarpe (da calcio) al chiodo, si è cimentato con le carte. La sua forte passione per il poker ha trovato sfogo soprattutto nelle partite di cash game, che ben si adatta al suo carattere esuberante – nella terminologia pokeristica si potrebbe dire che è un loose aggressive – e alla voglia di attaccare sempre la rete, cioè il “pot”. Insomma, tanto spettacolo e… tanti rischi per “Bobo”, anche quando si tratta di poker.

Non da meno è Francesco Totti, che per alcuni anni è stato anche testimonial della pokeroom partypoker.it. Quando ancora era in attività, “Er Pupone” era solito sfidare i compagni di squadra, soprattutto Philippe Mexes, Jérémy Menez e Marco Cassetti, in qualche buona sessione di poker cash game o sit&go. Per Totti il poker ha degli aspetti utili anche per un giocatore di calcio: “Trovo che alleni l’abilità mentale. Mi capita spesso di fare una partita quando sono in ritiro con i miei compagni di squadra: mi rilassa molto. Più che un gioco è uno sport per il cervello; c’è molta strategia nel poker, per questo mi piace“.

Rimanendo nell’ambito dei grandissimi campioni italiani, troviamo anche l’ex “portierone” della Nazionale e della Juventus, Gianluigi Buffon. Per lui poker significa soprattutto torneo. In effetti, più volte lo si è potuto vedere seduto al tavolo da gioco in occasione di eventi organizzati in Italia, in taluni casi anche per beneficienza, come ambassador di una nota pokeroom. Non è però l’unico portiere italiano ad essersi cimentato con il poker: un altro ex-juventino gli fa compagnia, l’estremo difensore della Juventus negli anni 1983-1992, Stefano Tacconi.

Passando ai big internazionali, ci sono due stelle brasiliane: Ronaldo (Luís Nazário de Lima) e Neymar Jr. Entrambi hanno dato lustro al Team PokerStars in qualità di testimonial del brand, ma hanno anche saputo intrattenere gli spettatori durante i tornei live ai quali hanno partecipato. Ronaldo ha al suo attivo due in the money alla PCA: il primo è un fantastico 26° posto nel Main Event del 2015, il secondo un  7° posto nel torneo di TH No Limit 6-handed nel 2016, il tutto per poco meno di 46.000 dollari vinti con il poker. Neymar, invece, si è piazzato al 6° posto nell’High Roller delle Brazilian Poker Series del 2018, per un payout di 21.000 dollari. Neymar Jr. ha già dichiarato che, una volta terminata la carriera di calciatore, quasi sicuramente si dedicherà a quella di giocatore professionale di poker.

Anche Andrij Shevchenko, una volta chiuso con il pallone, si è dedicato al poker e ha partecipato anche ad un evento di beneficienza organizzato nell’ambito dell’EPT di Praga. Per lui, però, il poker deve restare un passatempo: “Il calcio è il mio habitat naturale. Lo capisco e lo gioco da quando ero un bambino. Sto cercando di apprendere anche il poker, ma niente azzardi, solo per divertimento. Ho diversi amici che giocano a livello professionale ma io preferisco resti un hobby, senza che ci sia denaro di mezzo”, ha dichiarato qualche anno fa.

Compagno di Nejmar nel Barcellona (almeno fino a quando il brasiliano non è volato al Paris Saint-Germain), Gerard Pique è un grande appassionato di Texas Hold’em. Ed è anche un buon giocatore, probabilmente il migliore nella speciale classifica degli sportivi con la passione per le carte. Tra il 2011 e il 2015 ha collezionato 5 in the money alquanto preziosi, tutti in occasione degli EPT di Barcellona, per un totale di quasi 670mila dollari.

A tenergli testa, quanto a bontà di risultati, per ora c’è solo Tony Cascarino che in tutto ha messo assieme 595.000 dollari vinti giocando a poker, ma ha molti più piazzamenti a premio rispetto allo spagnolo. Sono infatti ben 26 quelli dell’ex centravanti della nazionale irlandese, messi a segno tra il 2003 e il 2019. Tra questi svetta un primo posto da 283.000 dollari conseguito al Grosvenor UK Poker Tour Grand Final nel 2009.

Ottimi risultati anche quelli di Teddy Sheringham, vera e propria stella del calcio inglese il quale, dopo la fine della carriera sportiva, si è tolto delle belle soddisfazioni anche con il poker. Per lui ci sono infatti 329mila dollari vinti finora con 15 ITM, l’ultimo dei quali è datato 2012.

Completano la nostra carrellata dei calciatori con le carte quelli più “irascibili” al tavolo. Il primo è  Tomas Brolin. L’ex-nazionale svedese ed ex del Parma, vanta nel suo curriculum pokeristico 5 piazzamenti a premio, per un totale di 78mila dollari, il più importante dei quali è il 6° posto centrato all’EPT Grand Final di Monte Carlo nel 2008. Da quella data, però, non ci sono più stati altri risultati nel campo del poker. L’altro è Jamie Vardy, attaccante del Leicester City. Il poker è per lui una passione che lo accende, forse anche un po’ troppo. Nel 2015 Vardy ha insultato un giocatore che era seduto al suo stesso tavolo, reo di avergli spiato le carte, dandogli del “Jap” (abbreviazione di japanese). L’attaccante si è subito scusato con un comunicato stampa del Leicester City: “Mi scuso con tutto il cuore per le offese. È stato un errore di cui mi pento e del quale prendo la piena responsabilità. Non ho tenuto un comportamento all’altezza delle aspettative”Insomma, Vardy il classico giocatore che “tilta” facilmente. (fonte 90min.com)

Uscendo dal mondo del calcio, ci sono almeno due stelle di altri sport che hanno ceduto al fascino del Texas Hold’em. Parliamo di Boris Becker e Alberto Tomba.

Il campionissimo tedesco di tennis ha per anni indossato la patch di PokerStars, con la quale ha preso parte a numerosi eventi live, totalizzando 111mila dollari di vincite. Per “Tomba la Bomba” ci sono state tante apparizioni nelle sale dei principali casinò europei, ed è stato più volte testimonial all’EPT Snowfest.

Foto di testa: Gerard Pique (by TSG Group)

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli consigliati

Nessun articolo Consigliato