pagelle motogp

MotoGP, pagelle Aragon: Bastianini fenomenale! Bagnaia, ci sei quasi. Marquez, rientro col botto

Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Tanto, tantissimo da dire al termine della gara spagnola di Aragon. Ci aspettavamo un Bagnaia protagonista – e così è stato – , col buon “Pecco” che per pochi millesimi si è visto soffiare la vittoria dal futuro di compagno di squadra Bastianini.

Ma i 20 punti guadagnati nella classifica iridata valgono doppio: sì, perché il leader Quartararo è caduto dopo poche curve, vittima di uno scontro con Marc Marquez. E attenzione anche ad Aleix Espargaro, che con la sua solita continuità resta pienamente in corsa per il titolo.

La graduatoria, infatti, recita: Quartararo 211, Bagnaia 201, A.Espargaro 194, Bastianini 163.

Insomma, a cinque gare dalla fine è tutto più che aperto. Riviviamo la gara in terra iberica con le nostre pagelle.

Voto 10: Enea Bastianini

Dopo la beffa di Misano, si riprende il maltolto con una gara straordinaria e beffa l’amico Bagnaia con una gara strepitosa. Quarta vittoria in stagione, e un pensierino al titolo – siamo certi – il buon Enea probabilmente lo starà facendo. A Borgo Panigale si sfregano le mani: l’accoppiata con Pecco nella moto ufficiale dal 2023 promette spettacolo e vittorie.

Voto 9,5: Francesco Bagnaia

Dopo il Sachsenring, il campionato sembrava chiuso, con i quasi 100 punti che Quartararo aveva messo tra sé e il pilota di Ducati. Con una serie positiva strepitosa, “Pecco” si è riportato sotto, con soli 10 punti di distacco dalla testa. Potevano essere 5 perché beffato dalla “Bestia”, ma la sua gara resta formidabile.

Voto 8: Aleix Espargaro

La costanza dello spagnolo è incredibile. Fino ad ora, l’alfiere Aprilia ha vinto solo una gara, ed è a ridosso di chi ne ha vinte sei: come Mir un paio di stagioni or sono, sta costruendo un campionato di vertice con tanta grinta e regolarità, pur non dominando in senso assoluto. E attenzione, perché se davanti sbagliassero qualcosa, lui c’è sempre. Anche ad Aragon, ottima gara e buon podio.

SV: Fabio Quartararo

Gara ingiudicabile quella del Diablo, sfortunatissimo (nonostante una partenza non delle migliori) nello scontro con Marquez che lo taglia fuori dalla gara e gli fa perdere punti importantissimi in classifica. Le ultime gare sono state un dominio Ducati, il gap si è pressoché azzerato e a Motegi urgerà una pronta risposta.

SV: Marc Marquez

Al ritorno dopo mesi di stop, dopo una partenza straordinaria coinvolge Quartararo in uno scontro piuttosto brutto, e poche curve dopo (con la moto danneggiata) fa cadere anche Nakagami. Di sicuro, un rientro non anonimo. Vedremo se saprà essere ancora protagonista nel finale di stagione.

Voto 7: Jack Miller

Il buon Jack sta davvero onorando la parte finale di stagione e le ultime gare con Ducati. Dopo una qualifica eccezionale, perde qualche posizione ma è abile a conservare la quinta piazza finale. Da quando ha firmato con KTM, sta facendo le gare migliori con Ducati.

Voto 5: Maverick Vinales

La qualifica orribile lo condanna ad una gara difficile, e infatti per poco non viene coinvolto in una delle cadute del primo giro. La 13esima piazza finale è un neo nell’ottimo periodo dello spagnolo, che ultimamente stava costantemente lottando per il podio.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email