gp arabia saudita

Formula Uno, Gran Premio dell’Arabia Saudita: Hamilton prova l’aggancio in vetta

Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Siamo giunti al penultimo capitolo di un Mondiale di Formula Uno che ricorderemo molto a lungo. La situazione di classifica iridata, alla vigilia del Gran Premio dell’Arabia Saudita, vede Max Verstappen in testa a quota 351,5 , con Lewis Hamilton secondo a 343,5. Nella graduatoria costruttori, invece, è Mercedes a comandare, con 546,5 contro i 541,5 di Red Bull.

Domenica si va a Jeddah, in un circuito completamente nuovo: con uno scenario così incerto, saranno i dettagli a fare la differenza. Eppure, Lewis Hamilton sembra avere gli onori del pronostico.

Formula Uno, il circuito di Jeddah

C’è molta curiosità per questa gara, dal momento che andrà a prendere corpo in un circuito assolutamente inedito. Molti, pertanto, si sono chiesti quale sia la conformazione del tracciato e quale tra i due contendenti possa favorire.

Il tracciato, secondo le prime indiscrezioni, potrebbe essere una via di mezzo tra quello di Baku e quello di Monaco: ovvero, una pista cittadina molto stretta ma con enormi rettilinei che generano velocità elevatissime.

Nelle simulazioni, infatti, pare che la velocità media sul giro si attesti attorno i 250km/h , valore secondo solo al Gran Premio di Monza. Non è un caso, quindi, che vi siano ben tre tratti su cui poter utilizzare il DRS.

Con ben 27 curve disposte su 6.174 metri, oltre naturalmente al rettilineo che precede curva 1, vi è grande attesa per il tratto misto tra la 18 e la 24.

In una pista così veloce, comunque, sulla carta dovrebbe essere Hamilton ad avere un vantaggio: peraltro Mercedes dovrebbe rimontare il super motore già visto in Brasile.

Verstappen, calcolare o attaccare?

Oltre ai connotati di circuito estremamente rapido (e quindi favorevole teoricamente a Mercedes) un’altra incognita grava su Max Verstappen: la power unit Red Bull, infatti, inizia ad avere alcune gare di anzianità, e verosimilmente (qui in Arabia o al più tardi ad Abu Dhabi) potrebbe essere consigliabile sostituirla per motivi di affidabilità. Questo, però, porterebbe ad una serie di penalità in griglia di partenza: da capire, quindi, se Red Bull ritiene di effettuare questa mossa già in questo weekend.

Del resto, uno scenario da molti ipotizzato è quello, domenica sera, di un Hamilton primo e titolare del giro veloce con Verstappen secondo: questo porterebbe i due contendenti all’ultima gara in una surreale situazione di parità in classifica, con Verstappen però avvantaggiato dall’avere vinto più gare durante la stagione, discriminante determinante nel caso di arrivo appaiato in graduatoria.

Molti, quindi, già parlano di possibile “scontro” di convenienza all’ultima gara, in pieno stile Prost-Senna.

Prima di capire se tale scenario potrà concretizzarsi, però, c’è questo attesissimo GP in Arabia, dove – matematicamente parlando – Verstappen potrebbe ritrovarsi già Campione del Mondo.

Hamilton: “Sono tranquillo e rilassato”

Nonostante l’enorme pressione, Lewis Hamilton si dichiara particolarmente sereno, e il motivo sarebbe da ricercare nella sua enorme esperienza rispetto al rivale.

“Ricordo bene come avevo vissuto la mia prima vigilia di un weekend mondiale, così come la seconda e la terza. Le notti insonni e tutto quel genere di cose che testimoniano una grande tensione. Oggi sono molto più sicuro di me stesso, so quanto sia importante prepararsi e che non si può cambiare nulla del passato. Quindi ogni sforzo è concentrato su ciò che mi aspetta, e so di essermi preparato al meglio possibile”

Da non escludere, però, che tutta questa sia pretattica, nel computo di un Mondiale dove davvero non si lesinano assolutamente attacchi e provocazioni anche al di fuori della pista.

Verstappen campione del mondo se…

Come detto, vi sono alcuni scenari per i quali, già al termine di questo weekend, il 24enne olandese potrebbe acciuffare il suo primo mondiale di Formula Uno.

Max Verstappen, infatti, si laurea campione in Arabia Saudita se:

  • vince e Hamilton arriva oltre la 6^ posizione (giro veloce ininfluente in questo caso).
  • vince facendo il giro veloce e Hamilton arriva oltre la 5^ posizione.
  • arriva  facendo il giro veloce e Hamilton arriva 10° (o peggio).
  • arriva Hamilton arriva fuori dalla zona punti (giro veloce ininfluente in questo caso).

Con tutte le altre opzioni, il Campionato Mondiale si deciderà all’ultima gara, quella degli Emirati Arabi.

Gran Premio dell’Arabia Saudita in TV

Il penultimo appuntamento del Mondiale di Formula Uno del 2021 si corre a Jeddah, in Arabia Saudita, e verrà trasmesso in diretta su Sky e in differita su TV8 con i seguenti orari:

Sky

  • Venerdì 3 dicembre
    Libere 1 14.30
    Libere 2 18.00
  • Sabato 4 dicembre
    Libere 3 15.00
    Qualifiche 18.00
  • Domenica 5 dicembre
    Gara 18.30

Tv8

  • Sabato 4 dicembre
    Qualifiche ore 20.15
  • Domenica 5 dicembre
    Gara ore 19:30

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email