Europa League

Lipsia-Rangers e West Ham-Eintracht: l’Europa League sull’asse Germania-Regno Unito

Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Germania e Regno Unito protagonisti in questa 51ª edizione dell’Europa League (la 13ª da quando non si chiama più Coppa UEFA). Giovedì 28 aprile alle 21 gli ultimi doppi confronti prima della finale del Ramon Sanchez-Pizjuan di Siviglia del 18 maggio vedono infatti protagonisti RB Lipsia contro Glasgow Rangers e West Ham contro Eintracht Francoforte.

RB Lipsia – Glasgow Rangers

(Red Bull Arena, arbitro Benoit Bastien FRA)

Primo incrocio europeo per Lipsia e Rangers, che arriva alla seconda semifinale europea nella storia per i tedeschi (dopo quella di Champions League del 2020 contro il PSG) e alla settima per gli scozzesi (che però non ci arrivavano dalla Coppa UEFA del 2008, eliminati dallo Zenit San Pietroburgo).

Con questa peraltro i Rangers raggiungono gli eterni rivali del Celtic nel totale di semifinali europee disputate.

Lipsia: stato di forma e probabile formazione

Il Lipsia del giovanissimo allenatore Domenico Tedesco, nato in Calabria ma tedesco d’adozione, oltre che di nome,  deve fare i conti con numerose assenze, dato che dopo il successo di Bergamo contro l’Atalanta per 0-2 hanno perso per squalifica Mohamad Simakan, Willi Orban e Kevin Kampl. A questi si aggiunge l’assenza di Amadou Haidara, fuori per infortunio da circa un mese, ma rientra in squadra Lukas Klostermann, assente nelle ultime due partite per Covid.

Ultime due partite che il Lipsia ha giocato entrambe contro l’Union Berlino, prima in Coppa di Germania vincendo 2-1 con i gol di André Silva e Emil Forsberg accedendo così alla finale del 21 maggio contro il Friburgo, e quindi in Bundesliga dove invece i berlinesi si sono vendicati espugnando la Red Bull Arena invertendo il punteggio, ribaltando il vantaggio di Yussuf Poulsen negli ultimi 5 minuti e facendo scendere i Roten Bullen (Tori Rossi) al quarto posto in classifica, nuovamente scavalcati dal Leverkusen.

Contro gli scozzesi probabile terzetto offensivo composto da Dani Olmo, André Silva e Christopher Nkunku, che nelle ultime tre partite è sempre andato a segno dal dischetto del rigore. Tra Champions ed Europa League il francese ha già messo a segno 10 gol nelle competizioni europee quest’anno, che si sommano ai 17 in campionato e ai 3 in Coppa di Germania.

LIPSIA (3-4-1-2): Gulacsi; Mukiele, Klostermann, Gvardiol; Henrichs, Laimer, Adams, Angelino; Dani Olmo; Nkunku, André Silva. All. Tedesco

Rangers: stato di forma e probabile formazione

I Rangers di Giovanni van Bronckhorst hanno faticato molto in trasferta in questa edizione dell’Europa League: nei due turni ad eliminazione diretta contro Stella Rossa e Braga hanno infatti perso entrambe le volte lontano da Glasgow, 2-1 a Belgrado e 1-0 in Portogallo (ribaltato con il 3-1 ai supplementari al ritorno).

In Europa il fattore casalingo di Hybrox si è rivelato decisivo, ma negli ultimi tempi stanno ottenendo risultati ottimi anche in trasferta: in semifinale di Coppa di Scozia hanno eliminato gli eterni rivali del Celtic con un 1-2 ottenuto ai supplementari, e in campionato hanno espugnato il difficile campo del Motherwell con un 1-3 che gli permette ripresentarsi al Celtic Park il 1° maggio con la possibilità di avvicinarsi al primo posto dei rivali e rimettere in discussione la Scottish Premiership a quattro giornate dalla fine.

L’infermeria dei Rangers però non offre buonissime notizie: indisponibili il bomber Alfredo Morelos e gli ex “italiani” Ianis Hagi, Filip Helander e Aaron Ramsey, con Kemar Roofe in condizioni non ottimali e Namdi Ofoborh ancora fuori causa per i suoi problemi cardiaci.

Chi invece sarà sicuramente presente è James Tavernier, terzino destro, capitano e capocannoniere di questa Europa League con 6 reti (tutte realizzate nelle ultime 6 partite), di cui 4 su rigore, diventando il giorcatore dei Glasgow con più gol in una campagna europea insieme ad Alfredo Morelos (2019/2020) e James Forrest (1964/1965).

RANGERS (4-3-3): McGregor; Tavernier, Goldson, Balogun, Bassey; Kamara, Lundstram, Jack; Aribo, Sakala, Kent. All. van Bronckhorst

West Ham – Eintracht Francoforte

(London Stadium, arbitro Serdar Gözübüyük NED)

Seconda volta nella loro storia che West Ham ed Eintracht Francoforte si incrociano in un doppio confronto europeo, dopo la semifinale della Coppe delle Coppe del 1976 che vide prevalere gli inglesi.

Deciso fu il 3-1 casalingo dopo la sconfitta per 2-1 in Germania, con doppietta di Trevor Brooking, in quello che rimane l’ultima sfida del West Ham contro avversari tedeschi.

West Ham: stato di forma e probabile formazione

David Moyes è il primo allenatore scozzese ad arrivare ad una semifinale di Coppa UEFA/Europa League dal 2008, quando Walter Smith portò i Rangers in finale (e curiosamente anche i Rangers sono tornati in semifinale quest’anno).

A fronte di un campionato difficile, che vede gli Hammers al 7° posto dopo la sconfitta per 1-0 subita in casa del Chelsea (1 vittoria nelle ultime 5 giornate), il West Ham si è reso protagonista di una grande cavalcata in Europa League, dove sono state eliminate due squadre ben più quotate come Siviglia e Lione.

Moyes in difesa deve fare i conti con l’assenza contemporanea, oltre che del lungodegente Angelo Ogbonna, di Kurt Zouma e Issa Diop, entrambi out per problemi alla caviglia.

Attenzione ai colpitori di testa: gli Hammers segnato il maggior numero di gol su cross (5) e il maggior numero di gol di testa (5) di tutte le squadre in Europa League in questa stagione.

WEST HAM (3-4-2-1): Areola; Johnson, Dawson, Cresswell; Coufal, Soucek, Rice, Masuaku; Fornals, Bowen; Antonio. All. Moyes

Eintracht Francoforte: stato di forma e probabile formazione

Anche l’Eintracht Francoforte è protagonista di una splendida Europa League, che l’ha vista arrivare alle semifinali senza mai perdere una parita, come il Villareal del 2021, il Chelsea del 2019 e il Liverpool del 2016 (l’unica delle tre che poi non ha vinto la coppa). Il culmine è sicuramente stata la vittoria al Camp Nou contro il Barcellona, con la squadra avanti per 3-0 fino al 90° (ma con i catalani che hanno poi sfiorato la rimonta con 2 gol nel recupero).

Ma in Bundesliga il rendimento è assai diverso, con la vittoria che manca da ben 5 giornate. La squadra di Oliver Glasner è inchiodata al 9° posto distante ben 6 punti dall’Hoffenheim con cui ha pareggiato per 2-2 nell’ultimo turno con i gol di Evan Ndicka (autore anche di un’autogol) e di Daichi Kamada.

Il giapponese è uno dei giocatori chiave del Francoforte: autore di 4 gol in questa Europa League, complessivamente ha messo a segno 10 reti in 20 presenze europee con l’Eintracht, segnando tanti gol in trasferta in 10 partite di Europa League quanti in 45 trasferte di Bundesliga (4).

A Londra mancheranno Evan Ndicka, espulso al Camp Nou, Kirstijan Jakic, diffidato ed ammonito, gli infortunati Diant Ramah, Christopher Lenz e Jan Schroder, oltre a Erik Durm e Stefan Ilsanker, non tesserati per la competizione europea.

Scontata la presenza in campo degli uomini chiave Filip Kostic e Rafael Santos Borré, autore di un gol splendido al Camp Nou.

EINTRACHT FRANCOFORTE (3-4-2-1): Trapp; Touré, Hinteregger, Hasebe; Chandler, Sow, Rode, Kostic; Kamada, Lindstrom; Santos Borré. All. Glasner

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email