giornata di liga

La giornata di Liga: 4 squadre al comando, ma c’è lo scontro diretto Betis-Osasuna

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Il primo giorno del weekend di fine agosto porta con sé in dote lo start del terzo turno del massimo campionato spagnolo.

La Liga è cominciata nella maniera migliore per le 4 squadre che viaggiano ancora a punteggio pieno, grazie alle prime due vittorie in altrettante giornate delle quali si sono rese protagoniste Villarreal, Real Madrid, Betis e Osasuna.

La 3ª giornata di Liga

Il destino ha voluto che ad incontrarsi l’una contro l’altra nella terza giornata di campionato, saranno proprio due di queste squadre, Betis e Osasuna, che peraltro scenderanno in campo nel venerdì inaugurale del turno che sta per partire.

E noi proprio da questo match partiamo con le nostre analisi.

Betis-Osasuna

Il Real Betis proverà nell’impresa di chiudere un trittico di vittorie iniziali in Liga, cosa che non riesce a fare dal campionato 2011/2012, anche se in quella occasione la squadra attualmente allenata da Manuel Pellegrini.

In quella occasione il Betis chiuse al 13° posto, perdendo via via lo smalto iniziale di quella stagione.

Betis e Osasuna si sono incontrate in Liga 60 volte, con un bilancio che vede la squadra che giocherà venerdì in casa, in vantaggio grazie alle 31 vittorie contro le 20 dell’Osasuna, con 77 reti segnate contro le 71 degli ospiti.

Se restringiamo il campo alle partite di Liga giocate in casa del Betis, la forbice si allarga, alla luce dei 20 successi contro i 4 dei rivali e i 6 pareggi.

Getafe-Villarreal

Una delle iniziali capoliste del massimo campionato spagnolo, il Villarreal, se la vedrà invece contro il Getafe che, al contrario, non ha cominciato il proprio percorso nel migliore dei modi.

La squadra che gioca nella provincia di Madrid, ha racimolato fin qui il non invidiabile record di 6 gol subiti da dividere con il Celta che, però, può vantare il punto casalingo conquistato all’esordio contro l’Espanyol.

La squadra di Emery ha messo in riga prima il Valladolid sconfitto a domicilio alla prima giornata col punteggio di 0-3, per poi andare a vincere in modo abbastanza sorprendente a Madrid contro l’Atletico di Simeone per 0-2.

Difesa ancora vergine, quindi per il “Villa“, atteso dalla sua terza trasferta in tre turni, in ottima salute anche per via della centrata qualificazione alla Conference League, dopo la vittoria contro l’Hajduk Spalato nel doppio confronto.

Sono solo 16 le partite giocate dalle due squadre l’una contro l’altra in Liga e in casa del Getafe. Il bilancio è leggermente a favore del Villarreal, che ha ottenuto 7 successi contro i 5 dei rivali di sabato pomeriggio.

Espanyol-Real Madrid

Anche il Real Madrid ha inanellato una doppia vittoria in trasferta. Dopo il convincente 1-4 dell’esordio contro il Celta di Vigo, la squadra di Ancelotti è andata a dettare legge anche contro l’Almeria, seppur con una vittoria, 1-2, meno roboante.

Adesso è atteso de un’altra trasferta, quella catalana contro l’Espanyol, reduce dalla sconfitta casalinga contro il Vallecano, dopo il pareggio della prima giornata contro il Celta a Vigo per 2-2.

Lo scontro tra le due squadre è una specie di “Must” nella Liga, visto che in casa dell’Espanyol sono state giocate ben 87 partite, delle quali il Real Madrid ne ha portate a casa 36 contro le 32 dei padroni di casa. In tutto sono stati 19 i pareggi.

Trasferta storicamente insidiosa, quindi, per i Blancos, che proveranno, comunque da favoriti, a mantenere il comando della Liga a punteggio pieno.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email