roma conference league

Conference League: la Roma assalta la fase a gironi e arriva il CSKA Sofia

Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

È il giorno dello storico debutto per l’Europa Conference League, nella fase a gironi.

La nuova coppa affronta la seconda parte del suo cammino, dopo tre turni preliminari e i playoff, con 32 formazioni qualificate per la fase a gruppi. Una sola rappresentante per l’Italia, con la Roma di Mourinho che sogna in grande, in un raggruppamento dove i giallorossi sono ampiamente favoriti per la prima posizione.

Nel primo turno arriva il CSKA Sofia all’Olimpico, mentre il girone C , si completa con i norvegesi del Bodo/Glimt e gli ucraini dello Zoyra. Insomma avversarie che almeno sulla carta non tolgono ore di sonno ai capitolini.

Nel programma della prima giornata ci sono anche i debutti per PAOK, Basilea, Vitesse, Partizan Belgrado, AZ Alkmaar, Slavia Praga, Union Berlino, oltre al super match tra Rennes – Tottenham. Conference League che in realtà ha già visto una sorta di prologo della prima giornata.

In concomitanza con il Kippur ebraico, le formazioni israeliane hanno anticipato al martedì: tra Maccabi Haifa – Feyenoord è finita 0-0 nel gruppo E, mentre il Maccabi Tel Aviv travolge 4-1 gli armeni dell’Alashkert nel girone A. Vediamo cosa ci attende nella prima giornata di Conference League.

Roma – CSKA Sofia

Alle 21.00 inizia il cammino europeo della Roma, contro un’avversaria già trovata nella passata stagione in Europa League, sotto la guida di Fonseca.

Questa sarà la settima sfida tra Roma e CSKA Sofia in competizioni europee; il club italiano ha vinto le prime quattro partite tra le due squadre, ma non ha più registrato il successo nei due match della scorsa stagione di Europa League (1N, 1P). La Roma è imbattuta in casa in quattro sfide contro formazioni bulgare in competizioni europee (3V, 1N) senza subire alcun gol.

I giallorossi hanno segnato nelle ultime 14 partite in competizioni europee (già record per il club giallorosso in questi tornei), l’ultima squadra italiana ad aver fatto meglio è stata la Juventus (21 nel 1997). La Roma ha perso solo una delle ultime otto gare nella fase a gironi in competizioni europee (5V, 2N), la sconfitta è però arrivata nel match più recente, proprio contro il CSKA Sofia lo scorso dicembre.

I Capitolini hanno perso solo una delle 22 partite casalinghe in competizioni europee a partire dal 2017/18 (16V, 5N), segnando almeno tre gol in 12 gare e mantenendo la porta inviolata 13 volte. José Mourinho ha vinto le ultime sette partite casalinghe in competizioni europee, solo due volte nella sua carriera ha registrato una striscia di successi più lunga in gare interne in questi tornei.

Il CSKA Sofia non ha mai vinto in trasferta contro squadre italiane in competizioni europee (3N, 6P). Questa sarà la sua quarta partita in Italia nel nuovo millennio, fin qui non ha mai trovato il gol. I bulgari hanno vinto solo due delle ultime 17 trasferte in competizioni europee (7N, 8P), non trovando il gol in ben 12 di queste.

Bodo/Glimt – Zorya

In concomitanza con la gara dell’Olimpico, si gioca anche l’altra sfida del gruppo C.

Debutto assoluto per entrambe le squadre in una fase a gironi di una competizione europea. Il Bodo è campione di Norvegia, ma ha fallito il percorso nei preliminari di Champions League, con la Conference che vale come porta di emergenza per proseguire il cammino continentale.

I norvegesi hanno rimediato vincendo i preliminari contro gli islandesi del Valur, con un doppio 3-0. Nel terzo turno, ecco i kosovari del Prishtina. Sconfitta per 2-1 in campo esterno e rimonta per 2-0 sette giorni dopo, con annesso pass per i playoff. Nell’ultimo e decisivo step, la truppa di Kjetil Knutsen ha eliminato i lituani dello Zalgiris. 2-2 in casa dei rivali nei primi 90 minuti e successo per 1-0 nella gara di ritorno.

Lo Zorya è approdato direttamente al playoff di Europa League, da perdente della Coppa Nazionale in quanto la Dinamo ha preso parte alla Champions League. Test importante quello contro il Rapid Vienna e fallito in malo modo. Sconfitta per 3-0 in Austria e altro KO sette giorni dopo in casa per 3-2. L’eliminazione dalla seconda coppa continentale ha portato alla retrocessione in Conference League degli Ucraini.

Rennes – Tottenham

Il vero big match della Conference League è atteso nel gruppo G, tra Rennes – Tottenam. Francia vs Inghilterra, in un raggruppamento che include anche gli olandesi del Vitesse e gli sloveni del Mura.

Entrambe le formazioni sono passate dal playoff, con i transalpini che hanno vinto la doppia sfida contro il Rosenborg: 2-0 in casa e successo in terra scandinava per 3-1. Gli spurs hanno avuto la qualificazione con brivido, perdendo 1-0 in casa del Ferreira, per poi ribaltare tutto nella sfida di ritorno, con un secco 3-0.

Il Rennes ha avuto un pessimo avvio di campionato con 5 punti in 5 partite: due segni X nei primi 180 minuti della Ligue 1, a cui ha fatto seguito l’unico successo ottenuto fin’ora. Nelle ultime due giornate invece sono arrivate altrettante sconfitte.

Weekend amaro anche per il Tottenham che nella quarta giornata di Premier ha perso il derby londinese 3-0 contro il Crystal Palace, dopo tre vittorie di fila. Persa la testa della classifica, con Nuno Santo che deve ricompattare la truppa in vista della trasferta francese.

Slavia Praga – Union Berlino

Restiamo in tema di debutti, con il piccolo Union Berlino alla sua prima storica gara in una fase a gironi. La truppa rossa, di quella che una volta era la parte Est della città, continua la sua favola ed è attesa sul difficile terreno dello Slavia Praga.

La formazione ceca ha una più lunga e ricca tradizione europea, anche se il prologo in ambito continentale non è stato dei migliori in avvio di stagione. Prima l’eliminazione dai preliminari di Champions contro il Ferencvaros, poi quella patita nel playoff di Europa League contro il Legia Varsavia. Quest’ultimo Ko ha determinato la retrocessione dello Slavia in Conference League.

L’Union Berlino invece non ha fallito il playoff per l’accesso alla fase a gironi, battendo i finlandesi del KuPs con un secco 4-0 in terra nordica e poi 0-0 nella sfida di ritorno. Un buon avvio, in attesa del grande debutto, considerando che la formazione berlinese è ancora imbattuta in Bundesliga, con 6 punti in 4 match.

Nello stesso girone, vale a dire il gruppo E, è stato giocato in anticipo il match tra Maccabi Haifa vs Feyenoord e concluso sullo 0-0.

Le altre gare della prima giornata di Conference League

Prima giornata di Conference League che si snoda tra le gare del pomeriggio e quelle della tarda serata.

  • Ore 16.30: K. Almaty – Omonia
  • Ore 18.45: Flora Tallin – Gent
  • Ore 18.45: HJK – LASK
  • Ore 18.45: Lincoln – PAOK
  • Ore 18.45: Mura – Vitesse
  • Ore 18.45: Qarabag – Basilea
  • Ore 18.45: Slovan Bratislava – FC Copenhagen
  • Ore 21.00: Anorthosis – Partizan
  • Ore 21.00: Jablonec – CFR Cluj
  • Ore 21.00: Randers – Alkmaar
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email