chelsea borussia

Chelsea-Borussia: assalto Blues alla porta prussiana nell’ottavo di Champions League

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Chelsea – Borussia Dortmund accende il ritorno degli ottavi di finale di Champions League.

Si riparte dall’1-0 a favore dei tedeschi maturato tra le mura amiche e dunque per gli inglesi un solo risultato è possibile, lungo la strada che conduce ai quarti: la vittoria e con almeno due reti di scarto per evitare i supplementari.

Gara decisiva per la stagione dei Blues e soprattutto per il suo allenatore Potter: l’ex tecnico del Brighton non convince al momento e nonostante la campagna acquisti invernali, il suo Chelsea ha vinto appena due gare in campionato: il 15 gennaio e lo scorso sabato.

Prussiani in lotta per il titolo in Bundesliga e appaiati al Bayern: nel 2023 la squadra di Terzic ha vinto 11 gare su 11, tra campionato, Coppa di Germania e Champions League. E’ tornato il Luna Park giallonero.

Vediamo nel dettaglio.

Tutto su Chelsea – Borussia Dortmund

Chelsea – Borussia Dortmund si giocherà martedì 7 marzo alle ore 21.00, allo Stamford Bridge di Londra.

Dove vederla

Il match sarà visibile, come tutta la Champions League, in esclusiva su SKY. Per l’occasione, disponibile anche su Canale 5.

L’arbitro della gara

Sestina olandese a dirigere il match. Il fischietto è Danny Makkelie, mentre i collaboratori saranno Rogier Honig e Jan de Vries, con Jochem Kamphuis nelle vesti di quarto uomo. Al Var comanda Pol van Boekel e l’Avar è nella mani di Dennis Higler.

Probabili Formazioni

Potter alle prese di nuovo con l’infermeria piena e molti giocatori che non sono stati iscritti alla lista Champions, di conseguenza non utilizzabili contro i tedeschi.

Mancheranno sicuramente gli ineleggibili, Aubameyang, Badiashile e Madueke. Squalificato Mount, con Thiago Silva, Kante, Mendy e Broja infortunati. In dubbio anche Azpilicueta, James e Pulisic.

Di conseguenza è emergenza per i Blues, con Potter che prosegue con il 3-4-3: Koulibaly al centro della difesa, Loftus-Cheek nell’inedita veste di esterno destro a tutta fascia, con Chilwell sul binario opposto. In attacco, Ziyech a destra, Havertz al centro e Joao Felix a sinistra.

Diverse assenze anche nei gialloneri e non partiranno alla volta di Londra Adeyemi, Duranville, Kamara, Kobel, Malen, Morey Bauza, Moukoko e Reyrson. Nonostante la sfilza di assenti, Terzic non cambia lo spartito e nella capitale inglese sarà ancora 4-1-4-1.

Al centro della difesa Sule e Schlotterbeck, con Can vertice basso e unico mediano. Il terminale offensivo è il solito Haller, mentre alle sue spalle ci saranno Bellingham e Ozcan al centro, a destra Brandt e Reus a sinistra.

  • Chelsea (3-4-3); Kepa; Fofana, Koulibaly, Chalobah; Loftus-Cheek, Fernandez, Kovacic, Chilwell; Ziyech, Havertz, Joao Felix. All. Potter.
  • Borussia Dortmund (4-1-4-1); Meyer; Wolf, Sule, Schlotterbeck, Hummels; Can; Brandt, Bellingham, Ozcan, Reus; Haller. All. Terzic

I Precedenti

Il Chelsea ospita il Borussia Dortmund per la prima volta in assoluto; dopo aver registrato sei successi nelle prime sette partite casalinghe di Champions League contro squadre tedesche (1N), i Blues non hanno vinto nelle ultime due (1N, 1P).

Il Borussia Dortmund ha perso le ultime cinque trasferte di Champions League contro squadre inglesi dopo aver vinto 2-1 in casa dell’Arsenal nell’ottobre 2013.

Nella precedente gara a Dortmund, il Chelsea ha perso il match d’andata in trasferta nella fase a eliminazione diretta di Champions League per l’ottava volta: i Blues hanno poi superato il turno in quattro di queste sette volte.

Il Borussia Dortmund ha superato il turno in cinque dei sei precedenti confronti dopo aver vinto il match d’andata nella fase a eliminazione diretta di Champions League, l’unica eccezione contro il Paris SaintGermain negli ottavi di finale 2019-20.

Stato di forma e statistiche

Chelsea obbligato a vincere per passare il turno. Considerando che i Blues sono a metà classifica in Premier e fuori da tutti gli altri obbiettivi, la Champions resta l’ultimo grande appiglio di una stagione iniziata male e che prosegue peggio, anche alla luce degli investimento fatti a gennaio.

Potter si gioca la permanenza sulla panchina dei londinesi, con appena due vittorie nel 2023 in campionato. Un momento difficile per lui e per la squadra che non trova la giusta amalgama, dopo i tantissimi innesti del mercato invernale. Al momento, i due volte campioni d’Europa appaiono più come una squadra di figurine che una squadra vera e propria.

Il Chelsea ha vinto sette delle ultime nove partite casalinghe di Champions League, ad eccezione della sconfitta per 3-1 contro il Real Madrid nei quarti di finale della scorsa stagione e del pareggio per 1-1 contro il Salisburgo nella fase a gironi di questa edizione.

Havertz e soci hanno registrato otto tiri in porta nella sconfitta per 1-0 contro il Borussia Dortmund nel match d’andata: record di conclusioni nello specchio senza segnare in una singola partita dei Blues in Champions League (dal 2003-04).

Momento d’oro per i tedeschi che nel 2023 sanno solo vincere. In Bundesliga duellano a pari punti con il Bayern e in Champions adesso i Prussiani hanno due risultati su tre per staccare il pass verso i quarti di finale.

Un bis atteso da 26 anni. Il Borussia Dortmund potrebbe vincere entrambe le gare in una singola fase a eliminazione diretta della
Champions League per la prima volta dal 1996-97. In quella stagione vinsero entrambe le partite nei quarti di finale (contro l’Auxerre) e in semifinale (contro il Manchester United), sollevando poi il trofeo in finale per la loro prima e unica volta.

Problema non da poco. Il Borussia Dortmund ha perso sette delle ultime otto trasferte nella fase a eliminazione diretta di Champions League, con l’eccezione della vittoria per 3-2 in casa del Siviglia negli ottavi di finale nel 2020-21.

Quale partita attendersi?

Sarà una gara vibrante e con parecchi colpi di scena.

Il copione, almeno quello iniziale, vedrà il Chelsea condurre le danze per far saltare la serratura nella difesa giallonera e trovare il gol che riapre i giochi.

Dall’altra parte gli uomini di Terzic non sono una squadra costruita solo per difendersi: anzi, il credo tattico dei gialloneri è quello di attaccare per tenere lontani gli avversari dalla propria porta. Sta di fatto che ci sarà da soffrire in terra inglese, ma le ripartenze dei Prussiani possono davvero fare male.

Match molto equilibrato sul risultato e non va scartata l’ipotesi supplementari.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email