barcellona real madrid

Barcellona-Real Madrid: ultima chiamata per i Blancos, Xavi ha la Liga in mano nel Clasico

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Barcellona – Real Madrid è il super Clasico che accende la 26^ giornata di Liga.

In Spagna probabilmente si decide il titolo, nel posticipo domenicale: i catalani sono primi con 65 punti e i Blancos sono secondi con 56 punti. Nove lunghezze di distacco che non ammettono appelli.

Se vince la squadra di Xavi, la Liga è archiviata a favore dei blaugrana, mentre in caso di vittoria delle Merengues, ecco che gli uomini di Ancelotti possono tornare a sperare nel bis, senza abdicare a favore degli eterni rivali.

Vediamo nel dettaglio.

Tutto su Barcellona – Real Madrid

Dove si gioca Barcellona-Real

Barcellona – Real Madrid si gioca domenica 19 marzo alle ore 21.00, al Camp Nou di Barcellona.

Dove Vederla

Puoi vedere Barcellona-Real Madrid in streaming live e on demand in esclusiva su DAZN.

L’arbitro della gara

In attesa di designazione la squadra arbitrale e di quella VAR

Probabili Formazioni

Barcellona – Real Madrid mette in campo una sfilza di campioni e dunque c’è grande attesa per conoscere le scelte dei due allenatori.

Nelle file Blaugrana torna dalla squalifica Araujo, con Pedri e Dembele sempre ai box per infortunio. Nel 4-3-3 Xavi schiera Araujo al fianco di Christensen, con Marco Alonso esterno di sinistra. Nel tridente d’attacco Raphinha a destra, Lewandowski al centro e Ferran Torres.

Nel Real Madrid l’unica assenza certa è quella di Alaba. Carlo Ancelotti risponde da par suo con il canonico 4-4-3: Carvajal e Nacho giocano rispettivamente sulla fascia destra e sinistra in difesa, con Tchouameni al centro della mediana. In attacco, Valverde a destra, Benzema centrale e Vinicius Junior a sinistra.

  • Barcellona (4-3-3); Ter Stegen; Koundé, Araujo, Christensen, Alonso; Gavi, Busquets, De Jong; Raphinha, Lewandowski, F. Torres. All. Xavi.
  • Real Madrid (4-3-3); Courtois; Carvajal, Militao, Rudiger, Nacho; Modric, Tchouameni, Kroos; Valverde, Benzema, Vinicius Junior. All. Ancelotti.

I precedenti

Barcellona – Real Madrid si affrontano per la 253ª volta: nessun altra partita si è giocata cosi tante volte nella storia del calcio spagnolo. Bilancio quasi in parità, con 102 successi delle Merengues, con 99 acuti catalani e 51 pareggi.

In questa stagione sono già stati tre Clasico: la gara di andata al Bernabeu, con il Real Madrid che si è imposto 3-1, la finale di Supercoppa di Spagna vinta dal Barcellona per 3-1 e l’andata della semifinale di Coppa del Re, con i blaugrana che hanno espugnato il terreno dei Blancos per 1-0. Un piede e mezzo in finale per gli uomini di Xavi, aspettando la gara di ritorno.

Nelle sole gare giocate al Camp Nou, la formazione di Carlo Ancelotti è imbattuto da quattro trasferte di fila: due pareggi e due vittorie, proprio nelle ultime due apparizioni in casa dei rivali. L’ultimo trionfo del Barcellona risale al 2018, quando i catalani calarono la Manita per un clamoroso 5-1 che costò la panchina a Lopetegui che fu esonerato qualche ora dopo la Real.

Statistiche a Confronto

Barcellona – Real Madrid mette a confronto la prima della classe, con la seconda.

I padroni di casa sono in fuga con 65 punti. Impressionante la marcia della squadra di Xavi: 21 vittorie, 2 pareggi e 2 sconfitte, l’ultima delle quali lo scorso 26 febbraio in casa dell’Almeria per 1-0.

I blaugrana dopo quel Ko hanno ottenuto due successi consecutivi. In totale Lewandowski e compagni hanno siglato 47 reti, secondo miglior attacco e appena 8 reti incassate per la miglior difesa. Un solo gol subito, nella sconfitta ad Almeria, nelle ultime cinque gare giocate, con 4 Clean-Sheet a completare il quadro.

Nelle sole gare interne, il Barcellona è ancora imbattuto, con 10 successi e due segni X. 32 punti su 36 disponibili, con 25 gol fatti e clamorosamente un solo gol subito. Ter Stegen è stato perforato solo nel derby contro l’Espanyol dello scorso 31 dicembre, quando la gara finì 1-1. Da quel momento quattro gare di fila casalinghe senza concedere gol. Numeri impressionanti.

Il Real Madrid si presenta con 9 punti di ritardo sulla vetta e in caso di sconfitta sarebbe una sorta di passaggio del titolo, fra i campioni in carica verso i futuri campioni di Spagna.

Gli uomini di Carlo Ancelotti sono imbattuti da 5 gare di fila, con tre vittorie e due pareggi. La via del gol è stata trovata 50 volte per il miglior attacco della Liga, con 19 al passivo.

Per quanto concerne le trasferte, i Blancos hanno raccolto 28 punti su 42 disponibili. Nelle ultime cinque trasferte le Merengues hanno ottenuto solo due vittorie, a fronte di altrettanti KO, con un pareggio a completare il bilancio.

Lontano dal Bernabeu, Benzema e compagni hanno segnato 24 gol, con 7 al passivo. Basti pensare che in tre delle ultime 5 gare giocate in esterna, il Real ha tenuto la porta imbattuta per tre volte.

Quale partita attendersi?

Un super match aperto ad ogni risultato, grazie alla quantità incredibile di campioni in campo.

Certamente il fortino difensivo del Barcellona può fare la differenza in questa partita e servirà la prestazione perfetta dell’attacco madrileno per far saltare la serratura.

Una cosa è certa; non ci annoieremo, grazie anche al duello distanza tra Lewandowski e Benzema: il polacco comanda la classifica cannonieri con 15 centri e il francese insegue a quota 11.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email