Yacine Adli fronteggia Eddie Nketiah

Come stanno andando e quali saranno le amichevoli del Milan

Il Milan si allena al caldo di Dubai in vista della ripresa della Serie A.

La squadra di Stefano Pioli si è riunita, dopo la mini pausa di due settimane, il 30 novembre a Milanello e con molte defezioni, tra giocatori impegnati al mondiale e altri ancora fermi ai box.

Dal 10 dicembre i Campioni di Italia in carica sono volati a Dubai per la seconda parte di questo ritiro invernale: sole, caldo, mare, un bagno di affetto inaspettato da parte dei tifosi locali e non solo, oltre a due amichevoli di spessore.

In terra mediorientale i rossoneri hanno già affrontato l’Arsenal e si apprestano a sfidare il Liverpool, mentre prima della partenza hanno chiuso i lavori a Milanello con una sgambata contro il Lumezzane.

Vediamo nel dettaglio.

Pochi uomini e tanti Primavera

Il Milan è tornato a lavorare lo scorso 30 novembre. Ovviamente con una rosa decimata dalle assenze: alcuni impegnati in Qatar e altri che devono ancora lavorare a parte per curare gli infortuni patiti nel corso della prima parte di stagione.

Ranghi ridotti per Stefano Pioli che ha colto l’occasione per aprire le porte della Prima Squadra a una dozzina di giocatori che formano la rosa della Primavera guidata, con ottimi risultati, da Ignazio Abate.

Da una parte la necessità di infoltire il gruppo e dall’altra la chance data a questi ragazzi per mettersi in mostra. Una situazione che sicuramente giova a tutti.

E per molti di loro, dopo i dieci giorni di lavoro a Milanello è arrivato un secondo premio: ovvero aggregarsi alla prima squadra in vista del Mini-Ritiro rossonero a Dubai, con annesse amichevoli. Un’altra occasione da cogliere al volo per i gioiellini della scuderia meneghina.

Il Milan dunque ha scelto di dividere in due parti il mese di dicembre: un richiamo pesante di preparazione a Milanello fino al 9 dicembre e dal giorno seguente, i campioni di Italia in carica sono volati al caldo di Dubai.

Ancora lavoro atletico, ma a temperature sicuramente meno fredde del centro sportivo del Diavolo, in mezzo ad una marea di tifosi che hanno letteralmente preso d’assalto Rebic e compagni. Dall’arrivo all’aeroporto, passando per l’Hotel dove alloggia il Milan e fino al campo degli allenamenti.

Senza ovviamente dimenticare le amichevoli; basti pensare che nel match contro l’Arsenal erano presenti ben 11 Official Milan Club di altrettante zone del Medio-Oriente. Una testimonianza di affetto e dell’importanza del Brand Milan nel mondo.

Una vittoria e una sconfitta

Il Milan ha chiuso il ritiro di Milanello con una sorta di sgambata, contro il Lumezzane. Un test amichevole contro una formazione di Serie D che ha giocato un primo tempo quasi perfetto. La truppa bresciana ha chiuso i primi 45 minuti avanti 2-0, contro un Milan imbottito di Primavera.

Nella ripresa Stefano Pioli ha dato spazio ad altri ragazzi e in contemporanea ha lanciato alcuni big sul terreno di gioco. Così i meneghini hanno messo in piedi la rimonta per 3-2. Risultato che conta fino ad un certo punto, rispetto alla tenuta atletica e alle movenze tattiche della squadra.

Dopo 72 ore, dall’arrivo a Dubai, il Diavolo è sceso in campo nella prima delle due amichevole previste. Sfida scoppiettante contro l’Arsenal e persa per 2-1, con gli inglesi avanti 2-0 e il Milan che riapre il match nei minuti finali con Tomori, su assist di Tonali. Al fianco dei “Grandi”, spazio complessivamente a 8 giocatori della formazione primavera.

Chiusura contro il Liverpool

La seconda amichevole dei meneghini è prevista per venerdì 16 dicembre alle ore 16.30 italiane, al Al Maktoum Stadium di Dubai, con diretta esclusiva su Dazn.

I rossoneri affrontano il Liverpool di Klopp che chiuderà a sua volta la permanenza in Medio Oriente con questa gara, per poi tornare in Inghilterra e dedicarsi al quarto turno di League Cup contro il City, ancora prima del Boxing Day del 26 dicembre.

Tornando ai Campioni di Italia, dopo l’amichevole contro i Reds, resteranno ancora tre giorni di lavoro a Dubai. Il 20 dicembre il Milan tornerà a Milano e ci sarà il rompete le righe per tutti fino a martedì 27 dicembre.

Il 27 è il giorno X per gli uomini di Pioli che torneranno sui terreni da gioco di Milanello e a ranghi completi: ci saranno i giocatori impegnati nel mondiale e salvo problemi dell’ultimo minuto, anche diversi elementi al momento infortunati. La squadra si allenerà fino al 29 mattina, per poi decollare alla volta dell’Olanda.

I meneghini giocheranno l’ultima gara del 2022, contro il PSV in amichevole al Philips Stadion di Eindhoven: il 30 dicembre alle 18.15. Ultimo test dell’anno e ultimi 90 minuti prima della ripresa del campionato.

I rossoneri sono attesi all’Arechi di Salerno il 4 gennaio, per la 16° giornata di Serie A. Da quel momento inizierà la rincorsa al Napoli capolista che precede di 8 lunghezze Tonali e soci.

Facebook
Twitter
Email

Articoli consigliati