riccardo trevisani commento

AAA attaccante cercasi: Italia, se vuoi il Mondiale serve un 9

Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

AAA attaccante cercasi. Disperatamente. Che sappia segnare al momento decisivo e sfruttare i movimenti in area, che aiuti questa Italia “spuntata”.

Una Nazionale condannata a vincere il playoff per partecipare ai Mondiali in Qatar: contro l’Irlanda del Nord non è arrivata la vittoria e non è arrivato neanche il gol. Con la Svizzera che dilagava contro la Bulgaria, l’impresa è diventata praticamente impossibile, perché più delle difficoltà di manovra, dell’ansia crescente e dell’incapacità di mettere ordine in una squadra apparsa troppo confusa, a mancare è stata soprattutto la cattiveria sotto porta. 12 tiri totali, 6 nello specchio.

Tentativi non esattamente pericolosi, tanto che sono stati gli avversari a farci tremare di più in almeno un paio di occasioni. Punte non pervenute: né Insigne falso nove con Berardi e Chiesa larghi, né Belotti, Scamacca e Bernardeschi una volta entrati. Nessuno ha saputo infilare l’Irlanda che ha difeso lo 0-0 con tutte le sue forze. 

Senza Immobile, apparso comunque in difficoltà nei precedenti impegni, chi è stato chiamato a lasciare un segno in un reparto che fatica da troppo tempo non è riuscito a rispondere presente. Le ultime reti di un attaccante puro del gruppo di Mancini risalgono a inizio settembre (Raspadori e Kean, entrambi out con l’Irlanda del Nord) contro la modesta Lituania. Tornando ancor più indietro, si arriva poi a Italia-Svizzera, gara d’apertura di Euro 2020, con Immobile autore del definitivo 3-0.

Non c’è continuità: gli infortuni pesano, certo, ma là davanti le cose non tornano e quando la forza del gruppo non basta e non arrivano i guizzi di chi attaccante non è, la leggerezza del reparto azzurro diventa più evidente e determinante che mai. Immobile è l’unica certezza ma ha 31 anni. Mancini opta spesso per un tridente tecnico, capace di cambiare a partita in corso per non dare punti di riferimento all’avversario. Ma i risultati – complici le assenze che non aiutano a trovare una quadratura – sono insufficienti. 

E un 9 per il futuro serve come il pane. 

Dopo l’exploit all’Europeo, l’Italia è diventata più prevedibile anche di fronte ad avversari di livello inferiore e trovare soluzioni per il futuro diventa ancora più complicato. Per quanto si cerchi di giocare con serenità e senza ansie, nel momento clou prevalgono confusione e fretta, oltre a qualche iniziativa dei singoli che non porta a nulla.

Mancini deve cercare nuove idee, in fretta. Intanto il primo match point è andato, davanti ci sono quattro mesi per provare a sistemare un problema oggi più evidente che mai, da risolvere in un modo o nell’altro per evitare un altro incubo-Svezia come nel 2017.

Dopo l’Europeo vinto e gli applausi estivi, affidarsi a esperimenti, fortuna e prove senza soluzione di continuità non basta più. Serve una svolta, che oggi però è tutt’altro che semplice da trovare.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email