barcellona basket eurolega

Eurolega: il Barça trita lo Zenit e agguanta la vetta, Fontecchio-show a Baskonia. E oggi torna la Serie A con Fortitudo-Olimpia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Entra sempre più nel vivo la stagione cestistica dove ormai, senza soluzione di continuità, le squadre passano in pochissime ore dagli impegni europei a quelli nei rispettivi campionati nazionali.

È così che, dopo un’intensissima settimana fra Champions League, Eurocup ed Eurolega, Milano, Venezia e Brindisi si trovano ad anticipare i propri incontri di LBA, partite ormai, vista la densità del calendario, schiacciate sempre più a sandwich tra un match sul continente e l’altro.

Barcellona a valanga in Eurolega

Ma andiamo con ordine. L’infrasettimanale europea si è chiusa con le ultime quattro gare del quinto turno di Eurolega andato in scena venerdì in una serata che, tra tutte, ha visto spiccare la performance del Barcellona e quella del Baskonia di Simone Fontecchio.

I blaugrana, accolto al Palau l’ex head coach Xavi Pascual (oggi sulla panchina dello Zenit), hanno annichilito i russi con un sontuoso secondo quarto da 24-8, preludio questo a un secondo tempo assai tranquillo che Mirotic (top scorer con 20 punti) e compagni non hanno avuto problemi a gestire arrivando così ad ottenere agevolmente la quinta vittoria consecutiva nella competizione.

Un 84-58 rifilato a una squadra come lo Zenit, che fino a ieri sera vantava uno score di tre vittorie e una sconfitta, e che lo scorso maggio aveva fatto sudare fino all’ultimo la qualificazione ai blaugrana nei playoff, rimarca una volta di più il ruolo di grande favorita che il Barça ha assunto su di sé in questa Eurolega.

È stata una notte di giubilo quindi in terra spagnola dove, a festeggiare, è stato anche il Baskonia di Ivanovic che, trascinato da un magnifico Fontecchio (20 punti, 7 rimbalzi e 4 assist per l’azzurro), ha conquistato il terzo successo filato nella manifestazione, battendo 78-66 il Monaco di Mike James e Andrea Trinchieri, per il quale, invece, è arrivata la terza sconfitta in Eurolega.

Anche la Stella Rossa, perdendo in casa 63-78 contro l’Alba Berlino, ha registrato il terzo k.o. stagionale in Europa. Mentre continua la risalita del CSKA Mosca, che con l’88-82 inflitto all’Olympiacos è salito a quota quattro successi nella massima competizione continentale a fronte di una sola sconfitta, quella rimediata all’esordio contro l’Olimpia Milano di Ettore Messina. Clamorosa la sfida nella sfida tra Clyburn e Dorsey, autori rispettivamente di 29 e 32 punti.

È subito campionato

Milano intanto, confermatasi imbattuta sul Vecchio Continente dopo il sofferto successo sull’ASVEL Villeurbanne, cercherà ora di proseguire la propria striscia vincente anche in campionato, missione per la quale stasera andrà a caccia della quinta vittoria consecutiva nella tana di una Fortitudo Bologna parecchio incerottata.

La squadra di coach Martino, subentrato a Repesa dopo la prima giornata, dovrà fare a meno di diverse pedine importanti visto che, contro i vicecampioni d’Italia, mancheranno Groselle, Mancinelli, Fantinelli e Gudmundsson.

L’Armani Exchange però, parlando di assenti, non sta molto meglio visto che non saranno della partita contro i felsinei Davide Alviti, Riccardo Moraschini e Malcolm Delaney, quest’ultimo infortunatosi nel finale della gara vinta giovedì al Forum contro l’ASVEL.

Messina dunque, considerate anche le neanche 48 ore di riposo dal match giocato contro i francesi, dovrà modificare le proprie rotazioni e puntare sulle qualità di altri uomini per venire a capo di una partita insidiosa dato che Bologna (ancora a quota 2) ha bisogno di punti per allontanarsi dalle zone pericolose della classifica.

Con questo stesso obiettivo, nel secondo dei tre anticipi del sabato, Pesaro proverà a sbancare il Taliercio contro una Reyer reduce dalla prima vittoria in Eurocup ottenuta sul campo di Bourg en Bresse, ma sorprendentemente ancora ferma a quota un successo in campionato.

L’Umana quindi, chiamata a raddrizzare piuttosto una classifica deficitaria, andrà alla ricerca di due punti che le consentirebbero di accorciare in classifica sulle primissime della classe fra le quali, dopo quattro turni, vi è anche l’Happy Casa Brindisi di Vitucci che, dopo il k.o. in Champions League contro, sabato sera andrà in cerca di riscatto sul campo di Cremona.

[Credits Foto: Getty Images]

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email