Tristan Wade e quel K al river che vale doppio!

Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Tutti i giocatori hanno una mano da ricordare. A volte è uno “scoppio” subito, in altri casi si tratta una giocata che vale un torneo, o ancora un puro e semplice colpo di fortuna a proprio favore.

La mano indimenticabile di Tristan Wade è un po’ tutte queste cose. 37 anni, di Boynton Beach (Florida, USA), Wade fino al 2019 ha realizzato un centinaio di piazzamenti a premio nei tornei live, per un totale di 1,76 milioni di dollari incassati. Un discreto bottino per uno che ha iniziato a giocare nel 2007.

A essere sinceri, il pro statunitense non è tra i giocatori più conosciuti a livello globale. La ragione principale è che le sue apparizioni dal vivo sono limitate ai tornei organizzati negli USA e in Canada, ad eccezione di tre in the money messi a segno in Europa. Uno di questi è il suo risultato più prestigioso: il braccialetto vinto alle WSOPE 2011 di Cannes nel 3.200 euro NLH Shootout, per un payout da 243.191 dollari (€182.048 euro).

Ma non è tuttavia questo il risultato del quale Wade va più fiero, bensì quello ottenuto pochi mesi prima alle WSOP americane e che, in un certo senso, è stato di buon auspicio anche per il successo in terra di Francia.

Nel 2011, prima di decidere se andare o meno alle WSOPE di Cannes, Tristan Wade è impegnato a Las Vegas con l’annuale edizione delle World Series Of Poker. Il momento sembra essere quello buono per lui. L’11 luglio si piazza al 7° posto nel $1.500 No Limit Hold’em e registra su TheHendonmob.com (ma soprattutto sul suo conto in banca) il suo miglior risultato in un torneo dal vivo: $94.700. Due settimane più tardi è di nuovo seduto a un final table.Ora è quello del $10.000 NLH 6-handed Championship, un evento ben più importante e ricco in termini economici del precedente. A dimostrarlo c’è un field di tutto rispetto che, a due tavoli dalla conclusione, comprende Chris MoormanBertrand GrospellierBen TollereneJoe EbanksTaylor Paur e William Thorson.

La mano che dà una svolta alla carriera di Wade arriva quando il torneo ha raggiunto gli 8 left, cioè quando manca un out per l’unofficial final table a 7. C’è il limp di Tollerene da bottone, Ebanks si adegua da Small Blind, ma Wade, che si trova sul BB, spilla A♣K♦ e decide di rilanciare fino a 124.000. Tollerene si chiama fuori, Ebanks invece effettua il call e fa scendere le prime tre carte del board.

Flop: 9♦3♣2♠. Sul check di Ebanks, Wade nonostante abbia “missato” il flop, sceglie di andare in c-bet. Punta 137.000. Ebanks, tutt’altro che preoccupato, va in check-raise per 280.000 chips. A questo punto arriva la mossa che, a carte scoperte, forse non ti aspetti: Wade va all-in per un totale di 591.000 gettoni. Forse ha una lettura particolare sul suo avversario e si aspetta un fold. Il problema è che Ebanks chiama senza pensarci troppo. Allo showdown il Big Slick, o Kournikova che dir si voglia, di Wade si scioglie davanti all’A♦9♣ di Ebanks: top pair e top kicker che lascia solo tre potenziali K a Wade per ribaltare la situazione.

Ho pensato che il suo range di mani fosse piuttosto debole in questo spot. Immaginavo una draw o un vero e proprio bluff” ha dichiarato Tristan Wade a PokerNews. “Ho messo tutte le chips in mezzo sperando nel fold. E invece mi sono preso in faccia un gran call. Decisamente non ero contento“.

Il turn 10♥ non è uno degli out sperati. La fortuna si chiama invece river, un K♠ che regala la mano e il monster pot a Tristan Wade. Con questo scoppio, il pro della Florida accumula abbastanza chips per arrivare al final table. Non lo vincerà, piazzandosi al quarto posto dietro a Bertrand Grospellier (3°), Chris Moorman (2°) e allo stesso Joe Ebanks, capace non solo di riprendersi dalla batosta ma anche di vincere il torneo.

I $292.866 della quarta piazza sono ancora oggi il premio più importante vinto da Tristan Wade e anche il più sofferto: più della vittoria ottenuta a Cannes pochi mesi dopo davanti a 258 avversari, come lui stesso ha confessato nell’intervista a PokerNews.

Senza quel K al river chissà come sarebbe cambiata la carriera pokeristica di Tristan Wade. Forse non avrebbe fatto quel suo primo viaggio in Europa, coronato dal braccialetto. O forse sì, visto che proprio il 15 aprile di quell’anno il famigerato Black Friday aveva spinto moltissimo giocatori statunitensi a scegliere l’Europa come nuova destinazione per il poker professionistico.

 

Foto di testa: Tristan Wade (credits PokerNews)

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Articoli consigliati

Nessun articolo Consigliato