Sam Trickett lascia il poker. La storia del grande campione britannico (prima parte)

Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Sam Trickett ha detto stop al poker, almeno per ora. Il professionista inglese ha comunicato la sua decisione circa un mese fa, attraverso un Tweet indirizzato ai suoi 54K+ followers. La ragione non riguarda un calo di motivazioni o un altro fattore legato al gioco, bensì è esclusivamente familiare: nell’ottobre dello scorso anno, Trickett e la moglie Mieke Dockley sono infatti diventati genitori.

 /></p>
</div>
</div>
</div>
<div class=

Sam Trickett
@Samtrickett1
Life looks a little different for me these days and to be able to spend more time with my family I’ve decided to take some time out from my role with @partypoker. It’s been one of the toughest decisions of my life and a big thank you to all the staff and everyone involved….

Image

 

Bodhi Blu, questo il nome del bebè, adesso ha 6 mesi e richiede la maggior parte delle attenzioni della coppia. D’altra parte, il ruolo di papà può essere difficile da coniugare con quello dell’high-roller del poker (per informazioni chiedere a Jason Mercier). La vita di un giocatore professionista è sregolata: lunghe trasferte in giro per il mondo, notti insonni attorno a un tavolo da gioco o a un monitor, relazioni personali sempre sacrificate.

Certo, di notti insonni Sam Trickett ne vivrà ancora, ma adesso saranno di altra natura. Ed è questa la sua decisione, dopo 14 anni di grande poker vissuto passando da una pokeroom all’altra in cerca dei migliori tornei o dei tavoli di cash game più redditizi. 14 anni durante i quali il giocatore di Retford (una cittadina di appena 500 persone vicino a Nottingham) ha messo a segno svariati “colpi” a 7 cifre. Questo spiega anche come il 35enne sia riuscito in “soli” 77 ITM live ad accumulare 21,7 milioni di dollari, piazzandosi al 24° posto nella All Time Money List e al secondo in quella inglese, superato nel 2019 da Stephen Chidwick.

Il primo premio è datato 2007 e sono poche migliaia di sterline vinte in un torneo a Nottingham. Ma non è un exploit. Nel luglio del 2008 gli in the money sono diventati 11, quando arriva il primo bollino di qualità: un 4° posto da 245mila dollari alle WSOP, nel $5K NLH. Nel 2010 si aggiudica l'”argento” nello stesso identico torneo e questa volta il payout è di 505mila dollari.

Il 2011 è l’anno che cambia tutto. Trickett vola all’Aussie Millions dove “scopre” i tornei high-roller e piazza subito il suo timbro: un 1° e un 2° posto per un totale di 2,9 milioni di dollari americani. In Australia vince ancora nel 2013 ($2,1 milioni), ma in mezzo c’è il primo posto al ME del Partouche Poker Tour di Cannes (1,3 milioni di dollari) e soprattutto lo spropositato payout realizzato con il 2° posto – dietro ad Antonio Esfandiari – nel Big One for One Drop alle WSOP 2012: $10.112.001! Di fronte a queste imprese, quasi tutti gli altri incassi diventano spiccioli. Da notare, però, che nelle sue ultime due apparizioni prima del lockdown ai tornei live di poker, Trickett è arrivato secondo nell’HR delle WSOP 2019 di Rodvadov (€368.899) e ha vinto un SHR da 25mila dollari di buy-in a Sochi, in occasione delle partypoker Millions Super High Roller Series ($435.000 di premio).

Se a tutto questo si aggiungono le importanti vincite realizzate online e nelle partite di cash game, diventa scontato immaginare un futuro solido – almeno sotto il profilo economico – per la famiglia Trickett. Che questo poi significhi che non rivedremo più il pro britannico al tavolo da poker, non è altrettanto certo. La passione per il Texas Hold’em, infatti, scorre forte nel suo sangue e lo fa da un tempo lontano che ci riporta all’adolescenza di Sam Trickett, quando le carte ancora non erano all’orizzonte e il suo temperamento competitivo era orientato verso una sfida diversa: quella di diventare un calciatore professionista… (Continua)

 

Foto di testa: Sam Trickett (credits ItaliaPokerClub)

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Articoli consigliati

Nessun articolo Consigliato