LoL Worlds 2022: è duello Cina-Corea del Sud nel KO Stage, con l’unica eccezione dei Rogue

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Ancora una volta i mondiali di League of Legends si confermano il territorio di caccia quasi esclusivo dei team cinesi e sudcoreani. E’ la cronaca dell’edizione 2022 a dirlo.

Di 8 formazioni che si sono qualificate al Knockout Stage, cioè la fase ad eliminazione diretta che conduce al titolo, 3 sono infatti cinesi, 4 sudcoreane (en plein!) mentre solo 1 rappresenta il mondo occidentale di LoL. Quest’ultima è il “quasi” al quale abbiamo fatto riferimento e che nello specifico si chiama Rogue.

Il team europeo – anche se made in USA – guidato da Emil “Larssen” Larsson se la dovrà vedere al primo turno contro JD Gaming, in una sfida Best of 5 davvero molto impegnativa. Il team cinese ha infatti chiuso al primo posto il Gruppo B con lo stesso punteggio (5 vittorie e 1 sconfitta) di DWG KIA, salvo poi battere i rivali sudcoreani nel tiebreak.

Va però detto che i Rogue sono in un’ottima fase di forma, come dimostra il secondo posto centrato nel Gruppo C dietro al team DRX. La formazione della Corea del Sud ha poi battuto i Rogue nello spareggio (4-2 entrambe) per il primo posto, ma questo importa relativamente perché alla fase finale dei Worlds tutte le avversarie sono ostiche. Lo dimostra il fatto che DRX e Rogue si siano lasciate alle spalle una delle potenziali pretendenti al titolo, l’organizzazione cinese Top Esports (3-3).

In effetti, il Gruppo C è stato quello più in bilico fino alla fine. I Top Esports hanno perso a sorpresa la sfida contro i vietnamiti di GAM Esports, fanalino di coda nel girone, e questo ha permesso a DRX e Fnatic di staccare i due ticket per il Knockout Stage.

Più facile il percorso di Gen.G (Corea del Sud) e Royal Never Give Up (Cina) nel Gruppo D. Un 5-1 che non lascia dubbi su quali fossero le due formazioni più forti, con 100 Thieves e CTBC Flying Oyester che sono rimaste ferme a una sola vittoria. I Gen.G hanno poi superato i campioni del mondo in carica nel tiebreak guadagnando così la prima posizione e la sfida contro DWG KIA, in un quarto di finale tutto sudcoreano.

Infine il Gruppo A, dove hanno dominato i T1 (Corea) con 5 vittorie, una in più di Edward Gaming (Cina). Out invece il team Fnatic. L’altra compagine europea ci ha provato fino in fondo ed è anche riuscita ad infiggere l’unica sconfitta ai T1, ma la doppia sconfitta rimediata da ED le è stata fatale.

Questo è il tabellone del Knockout Stage dei League of Legends Worlds 2022:

Come dicevamo all’inizio, la probabilità di un altro titolo che finisce in Cina o in Corea del Sud è molto alta, a meno che i Rogue non riescano nell’impresa di mettere i bastoni tra le ruote ai due colossi di LoL.

A livello di numeri, su 11 mondiali finora disputati, solo una volta il titolo è finito ad Ovest. E’ successo nel 2011, quando a vincere la prime edizione del torneo furono i Fnatic.

Per il resto ci sono 6 vittorie sudcoreane, 3 cinesi e 1 finita a Taiwan (nel 2012, per merito dei Taipei Assassins). La Corea del Sud vanta anche 5 argenti e 6 bronzi (cioè semifinali). La Cina invece ha 3 argenti e 5 bronzi, mentre l’Europa ha realizzato nel corso degli anni 3 secondi posti e 8 semifinali. La lega Nordamericana (LCS) vanta invece solo 3 bronzi, almeno fino al prossimo anno.

Nelle ultime tre edizioni, solo due volte un team non proveniente dal Far East è riuscito a raggiungere almeno le final 4: i G2 che nel 2019 hanno chiuso al 2° posto mentre nel 2020 si sono fermati alle semifinali.

Non sarebbe brutto che quest’anno ci riuscissero i Rogue, che tra l’altro sarebbero al loro primo podio. Almeno per un po’ di par condicio nel mondo di LoL.

Immagine di testa credits Riot Games

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email