Liga: Real Madrid – Getafe, Ancelotti per il poker

Derby di Madrid, anche se in tono minore, per la quarta giornata della Liga spagnola. Dopo tre trasferte il Real Madrid esordisce in casa contro il Getafe e cerca di mantenere il suo ritmo perfetto fatto fin qua solo da vittorie in campionato.

Carlo Ancelotti a caccia del poker nella Liga per tenere a distanza di sicurezza le inseguitrici: Atletico Madrid, Barcellona e Girona. Andiamo a vedere gli spunti di questa partita in programma sabato 2 settembre alle 16.15.

Real Madrid – Getafe, i numeri nella Liga

Real a punteggio pieno, quindi, dopo un avvio perfetto fin qui in campionato: tre vittorie in tre partite, con sette gol fatti e uno solo subito. Dei sette gol segnati, 4 sono stati realizzati da Jude Bellingham, assoluto dominatore della Liga, reinventato da Ancelotti come calciatore totale, un po’ centrocampista e un po’ attaccante. Tanto che il tecnico italiano ha ammesso che la ricerca di una nuova punta si è fermata. Niente Mbappé quindi, per ora.

Il Getafe invece è una squadra che fatica tremendamente a segnare. Il Barcellona alla prima giornata si era impantanato contro gli Azulànes, ma i ragazzi di Bordalàs in 270 minuti hanno realizzato solo un gol, su rigore, con l’ex romanista Borja Mayoral. Un gol buono per battere l’Alaves, quindi massimo risultato col minimo sforzo. Certo, il Getafe avrebbe bisogno come il pane di rinforzi, che non stanno arrivando.

Intanto il Getafe è già in vetta alla classifica dei “cattivi”, con 13 cartellini gialli in tre giornate. A conferma del suo gioco duro e senza fronzoli.

I precedenti nella Liga

Dodici vittorie consecutive: questa la striscia positiva con cui il Real Madrid aspetta il Getafe in casa sua. L’ultimo non-successo dei blancos, peraltro un trionfo degli Azulònes al Bernabeu, risale addirittura al 24 febbraio del 2008, davvero un’era geologica fa. C’era ancora Cannavaro al centro della difesa del Real e il gol-vittoria fu segnato da Uche.

Se guardiamo ai gol c’è davvero da farsi un segno della croce per il Getafe, il cui parziale nelle ultime 12 traserte in casa dei Blancos recita 8 reti segnate e 43 subite. La striscia peraltro è aperta, visto che nelle ultime 5 partite tra queste due squadre gli Azulònes non hanno mai bucato il portiere del Real.

Le chiavi della partita

Difficile immaginare una partita diversa dal classico assedio del Real Madrid alla porta del Getafe. Un Getafe che non si farà certo problemi nell’accettare questo tipo di contesa, visto che è un segno distintivo dello stile di Pepe Bordalàs, l’allenatore “cattivo” per eccellenza, col suo gioco pieno di falli e piccole risse.

Il Barcellona in tal senso al debutto, come detto, ci è cascato in pieno, terminando la partita in dieci per l’espulsione di Gavi e rimanendo inchiodato sullo 0-0. Tutto abbastanza prevedibile, in realtà.

Real fin qua del tutto a suo agio con un undici ormai definito, nonostante i tanti infortuni che stanno falcidiando la rosa di Carlo Ancelotti. Non fosse stata per quella piccola disattenzione con l’Almeria, i blancos non avrebbero ancora preso un gol.

Probabili formazioni e dove vedere Real Madrid – Getafe

Infortuni, quindi, per il Real Madrid. Detto che quello di Courtois è stato tamponato dall’arrivo di Kepa in porta, l’ultimo problema riguarda Vinicius fuori fino a ottobre per uno stiramento. Ad Ancelotti la scelta se sostituirlo col panzer Joselu o tentare un’altra strada.

Getafe pure con molti indisponibili e che sta adattando a centrocampo difensori o addirittura attaccanti. Bordalàs non dovrebbe discostarsi dal suo solito 4-5-1. Più di un ex in campo, dal portiere Soria allo stesso Mayoral.

Real Madrid (4-3-1-2): Kepa; Carvajal, Rudiger, Alaba, F.Garcia; Valverde, Tchouameni, Camavinga; Bellingham; Rodrygo, Joselu. All.Ancelotti

Getafe (4-5-1): Soria; Damiàn, Mitrovic, Duarte, Iglesias, Gastòn; Mayoral, Djene, Maksimovic, Mata; Latasa. All. Bordalàs

Real Madrid – Getafe sarà visibile su DAZN sabato 2 settembre alle ore 16.15: per gli abbonati alla piattaforma il servizio sarà accessibile sia in diretta streaming che on demand su qualsiasi dispositivo (tablet, smartphone, computer e SmartTV). 

Facebook
Twitter
Email

Articoli consigliati