inter spezia

Inter-Spezia, precedenti e formazioni: Inzaghi in cerca del bis

Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

L’Inter fa il suo esordio in campionato davanti al proprio pubblico, con l’ambizione di fare meglio della vittoria ottenuta solo all’ultimo secondo contro il Lecce in apertura di stagione.

Di fronte uno Spezia che ha cominciato altrettanto bene la sua corsa verso la salvezza, battendo quella che probabilmente sarà una delle dirette rivali, l’Empoli. Un match quindi non scontato e dai molti spunti interessanti e qualche dubbio di formazione.

I precedenti

Facile fare la conta dei precedenti tra le due squadre, che si sono affrontate solamente negli ultimi due campionati di Serie A, con esiti quasi sempre favorevoli ai nero azzurri.

Il bilancio complessivo parla infatti di tre vittorie e un pareggio per l’Inter e lo Spezia che ha S.Siro ha segnato una sola rete senza raccogliere mai alcun punto.

In generale il conto delle reti parla di un 8 a 3 per la squadra di Inzaghi.

Partite4
Vittorie Inter3
Pareggi1
Vittorie Spezia0
Gol Inter8
Gol Spezia3

Inter: stato di forma

I nero azzurri non hanno avuto particolari scossoni dal mercato in uscita e per Lukaku si è trattato di un veloce adattamento dopo il suo ritorno.

Ciò nonostante, le prime uscite di stagione hanno mostrato ancora qualche difficoltà nel gioco e nella condizione, soprattutto per quanto riguarda la fase offensiva con l’Inter che ha subito sempre almeno un gol in tutte le sue uscite.

Le amichevoli hanno portato solo due pareggi e due sconfitte nelle ultime sfide, e come detto anche l’esordio in campionato è stato complicato con il Lecce che ha tenuto i nero azzurri sul pareggio fino al gol liberatorio di Dumfries solo al 95°.

Spezia: stato di forma

Paradossalmente nello Spezia è Gotti che sembra aver trovato fin da subito la quadra nella sua nuova squadra, che pure ha subito qualche ritocco fin qua nel mercato estivo.

Bene nelle amichevoli dove ha segnato gol a raffica, anche contro avversari di livello (vedi il pareggio contro l’Angers), benissimo in Coppa Italia dove ha sommerso il Como con una manita (doppietta di Nzola) e bene anche all’esordio in Serie A con la vittoria di misura contro l’Empoli che pure ha tenuto in mano il pallino del gioco, dimostrando quindi anche una certa solidità difensiva.

Le statistiche a confronto dopo la prima giornata

Due partite totalmente diverse per le due compagini, con l’Inter che ha cercato sicuramente di più la porta contro il Lecce (che pure ha avuto però le sue occasioni concesse dai nero azzurri con ben 10 tiri subiti) e lo Spezia invece ad agire più di contenimento e rimessa contro l’Empoli in cerca del recupero.

Ne viene fuori un quadro probabilmente molto simile a quello che potrebbe presentarsi a S.Siro, con i nero azzurri impegnati nel possesso palla a cercare varchi offensivi, e i liguri ad aspettare pazientemente cercando di sfruttare il contropiede.

Il gioco aereo potrebbe essere una delle chiavi del gioco (14 duelli aerei vinti nel primo match per l’Inter contro appena 3 dello Spezia).

Le probabili formazioni di Inter-Spezia

Formazione quasi fatta per Inzaghi, che ha solo qualche dubbio da sciogliere prima del match. Di sicuro in attacco avremo la classica “LuLa” in cerca di gol, coadiuvati da un centrocampo quasi certamente affidato al trio Calhanoglu, Brozovic e Barella (anche vista l’assenza forzata di Mkhitaryan).

Per i due esterni doppio ballottaggio con Dumfries e Darmian a giocarsi il posto sulla destra, mentre una maglia è da decidersi tra Gosens e Dimarco sulla sinistra.

Lo stesso Dimarco è però in ballottaggio eventualmente anche per la terza maglia nella linea di difesa, dove oltre a De Vrij e Skriniar potrebbe ripresentarsi Bastoni o, appunto, l’ex Verona.

  • Inter (3-5-2): Handanovic; Bastoni, De Vrij, Skriniar; Dimarco, Calhanoglu, Brozovic, Barella, Dumfries; Martinez, Lukaku.

Confermata in gran parte la formazione vincente alla prima giornata per Gotti, che davanti a Dragowski (positivo il suo esordio) ritroverà la linea a tre composta da Nikolaou, Kiwior e Caldara.

Centrocampo speculare a quello nero azzurro, con i tre al centro che dovrebbero essere gli stessi S.Bastoni, Bourabia e Agudelo, anche se tornano disponibili due possibili opzioni con Kovalenko ed Ekdal di nuovo pronti in panchina.

Per il resto pochissimi dubbi sui due quinti di centrocampo, con Reca e Gyasi che bene hanno fatto contro l’Empoli, oltre naturalmente al duo offensivo composto da Nzola (tre gol nelle prime due partite ufficiali) e Verde (ancora in cerca di condizione).

  • Spezia (3-5-2): Dragowski; Nikolaou, Kiwior, Caldara; Reca, S.Bastoni, Bourabia, Agudelo, Gyasi; Verde, Nzola.
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email