Mohammed Kudus

Ghana – Uruguay: sudamericani obbligati a vincere

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Terza e ultima giornata per il Gruppo H di Coppa del Mondo, con il Portogallo unica ad avere la certezza degli ottavi (con ogni probabilità come prima), mentre proprio Ghana e Uruguay si giocheranno il secondo posto disponibile, a meno di un miracolo della Corea del Sud contro Ronaldo e compagni.

Una situazione piuttosto ingarbugliata dove solo gli africani sono padroni del loro destino (con una vittoria il passaggio sarebbe matematico).

Uruguay vs Ghana: le info Utili

Quando e dove si gioca

Appuntamento per Venerdì 2 Dicembre alle ore 16:00, presso il Al Janoub Stadium di Al Wakrah.

Dove vederla

La RAI avrà come per tutte le partite di questi mondiali, l’esclusiva per la diretta in chiaro. In questo caso il match sarà visibile sul digitale terrestre su Rai Sport, oltre che in streaming sul sito di RaiPlay.

Probabili Formazioni

Uruguay ancora a caccia del miglior assetto in questi mondiali, soprattutto per quanto riguarda il reparto offensivo. Cavani e Suarez si giocheranno ancora una volta la maglia da titolare, con l’ex Barcellona però in leggero vantaggio.

Nunez confermato, mentre a completare la linea a tre potrebbe essere Arrascaeta, in ballottaggio con Pellistri sulla destra.

Nessun cambio invece a centrocampo, con Bentancur in regia insieme a Valverde e Vecino. Pochi dubbi anche in difesa, dove solo Caceres e Varela si giocano il posto sulla fascia destra (quasi alla pari).

  • Uruguay (4-3-3): Rochet; Varela, Godin, Gimenez, Olivera; Valverde, Vecino, Bentancur; De Arrascaeta, Suarez, Nuñez. All. Alonso

Mister Addo confermerà quasi in toto la formazione che ha strappato la vittoria contro la Corea del Sud, a cominciare da Kudus sulla trequarti dopo la sua doppietta decisiva.

Gli unici dubbi riguardano semmai le due fasce in difesa: sulla sinistra se la giocano Mensah (in vantaggio) e Baba Rahman, mentre a destra la conferma di Lamptey è insidiata dall’alternativa Seidu.

  • Ghana (4-2-3-1): Ati Zigi; Lamptey, Salisu, Amartey, Mensah; Partey, Samed; Kudus, A. Ayew, J. Ayew; I. Williams. All. Addo

I precedenti

Un unico precedente tra le due squadre, ma piuttosto importante visto che si è svolto durante i quarti di finale dell’edizione 2010 in Sud Africa.

Una partita incredibile che soprattutto in Ghana ricordano bene visto l’epilogo thriller. I novanta minuti si sono infatti chiusi con un combattuto 1-1 (vantaggio di Muntari e pareggio di Forlan), portando le squadre ai supplementari.

Al 120° minuto, proprio quando l’arbitro è prossimo a fischiare la fine, Suarez tocca la palla con la mano nella propria area: rigore per il Ghana ed espulsione. Sul dischetto va Gyan, con sulle spalle la possibilità dell’incredibile accesso alle semifinali. Un peso evidentemente troppo grande, perchè sbaglia il tiro e le due squadre vanno alla lotteria dei rigori.

La storia ci racconta poi come l’Uruguay avrà la meglio sbagliando un solo rigore contro i due del Ghana, perdendo poi in semifinale contro l’Olanda.

Le Statistiche

Male fin qua i numeri dell’Uruguay, a cominciare dal conto del gol che segna ancora una Zero in casella. Dei 22 tiri effettuati in due partite, soltanto 4 sono finiti nello specchio (solo Qatar, Australia, Svizzera e Costa Rica hanno fatto peggio) e nessuno dentro la rete (come Tunisia e Messico).

Tra le squadre Sudamericane, solo il Perù nel 1978 ha chiuso la fase a gironi senza realizzare nemmeno un gol. L’Uruguay del resto potrebbe perdere due partite di fila in una singola edizione di Coppa del Mondo come non accadeva dal 1974.

E non è certo per mancanza di esperienza, visto che l’Uruguay è anche l’unica formazione (insieme al Panama nel 2018), ad aver schierato contemporaneamente ben quattro giocatori “Over 35” durante una partita dei Mondiali (Godin, Cavani, Suarez e Caceres).

Inverso il trend del Ghana, che invece va a segno con almeno un gol da sette partite di fila ai Mondiali (a un passo dal record africano della Nigeria che arrivò a otto consecutive). Cinque i gol all’attivo in questa competizione (pareggiato il suo record assoluto), il tutto con 6 tiri nello specchio (la percentuale migliore a questi mondiali).

Con la doppietta alla Corea del Sud, Mohammed Kudus è anche diventato il primo giocatore del Ghana a segnare almeno 2 gol in una singola partita di Coppa del Mondo.

Analisi della partita

Occasione d’oro per il Ghana di accedere agli ottavi, là dove probabilmente basterebbe anche solo un pari contro l’Uruguay. In quel caso infatti, anche con la contemporanea vittoria della Corea del Sud sul Portogallo, entrerebbe in gioco la differenza reti, che recita uno 0 al momento per gli africani e un -1 per gli asiatici (che però hanno solo 2 gol all’attivo). La Corea dovrebbe quindi vincere con almeno due gol di scarto contro Ronaldo e compagni.

Viceversa c’è un solo risultato utile per Alonso che, anche vincendo, dovrebbe poi comunque attendere l’esito dell’altra partita (anche per l’Uruguay una vittoria della Corea del Sud porterebbe all’arrivo a quattro punti e quindi verificare la differenza reti, ad ora un -2 per i sudamericani).

Ma più che i calcoli sui possibili scenari, c’è prima di tutto da ritrovare la via del gol per Suarez e compagnia, fin qua piuttosto imprecisi in zona offensiva. La difesa del Ghana in questo senso non è impeccabile (cinque reti subite) e potrebbe giocarsì proprio lì la sfida.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email