Coronavirus, Sampdoria e Fiorentina le squadre più colpite

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Continuano a salire i casi di Coronavirus in Serie A. E non solo, ovviamente. Dopo quello dello juventino Daniele Rugani, che è rimasto finora isolato all’interno del club bianconero, sono arrivati i casi, purtroppo molteplici, che riguardano i giocatori di Sampdoria e Fiorentina, che in poche ore hanno registrato rispettivamente 5 e 3 casi.

Il Coronavirus non si arresta e, anzi, continua ad avanzare senza fare distinzioni. Anche il mondo dello sport deve fare i conti con la pandemia mondiale che sta mettendo in serie preoccupazione un po’ tutti. E il calcio, ovviamente, non può essere immune. Solo negli ultimi giorni ci sono state decine di casi riguardanti atleti positivi al tampone del Coronavirus. In Serie A il primo è stato lo juventino Daniele Rugani, solo mercoledì sera, e nel giro di poco più di due giorni sono già diventati 9 i casi nel massimo campionato italiano di calcio.

Gli altri 8 riguardano due club, la Sampdoria e la Fiorentina. Sono diventati cinque i casi nella squadra blucerchiata. Dopo il primo di Manolo Gabbiadini, sono arrivati in cascata quelli dei compagni di squadra Omar Colley, Morten Thorsby, Albin Ekdal e Antonino La Gumina, oltre al responsabile medico, il dottor Amedeo Baldari.

Un po’ meno allarmante, ma comunque meritevole di attenzione, è la situazione in casa Fiorentina. Anche qui si è iniziato con un caso, quello venuto a galla ieri sera con la positività dell’attaccante serbo Dusan Vlahovic. Poi nel giro di poche ore si sono aggiunti altri due giocatori viola, il capitano German Pezzella e l’ex rossonero Patrick Cutrone. Con loro è risultato positivo anche il fisioterapista Stefano Dainelli.

La buona notizia è che quasi tutti sono asintomatici e che stanno bene, presso le rispettive abitazioni. La cattiva è che la sensazione purtroppo è che non sia finita qui, anche perché siamo nel pieno della diffusione del virus. E la ripresa del campionato, stimata per il 3 aprile, probabilmente andrà più per le lunghe con le tante squadre che hanno dovuto sospendere gli allenamenti e non si sa ancora per quanto tempo.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli consigliati

Nessun articolo Consigliato