anello nba

Tra certezze ed incognite: l’NBA è pronta a ripartire

Dopo quattro mesi abbondanti di stop, l’NBA è finalmente pronta a ripartire: si parte con due sfide subito interessanti ma il programma presenta partite da non perdere e da vivere d’un fiato

Dal 30 luglio fino al 14 agosto, 8 sfide per ognuna delle 22 squadre presenti nella ‘bolla’ di Orlando: l’NBA è finalmente pronta a ripartire e lo farà con la palla a due tra Utah Jazz e i New Orleans Pelicans di Nick Melli a mezzanotte e mezza, ora italiana, di venerdì 31 luglio 2020 a cui farà seguito alle 3 di mattina il derby di Los Angeles tra Lakers e Clippers. Parte la caccia ai playoff e la sfida ai Toronto Raptors campioni in carica anche se lo stop causa Covid-19 rischia di scombussolare le carte e rendere l’edizione 2020 dei playoff una delle più avvincenti e imprevedibili di sempre.

Da segnalare che, prima dei playoff, andranno chiarite le 16 squadre qualificate anche se molte si sanno già: ad Ovest, sono certe della post-season Lakers, Clippers, Nuggets, Jazz, OKC e Rockets con i Mavericks ad un passo. Da decidere l’ottava con i Grizzlies che hanno un vantaggio di oltre tre partite su Trail Blazers, Pelicans e Kings mentre gli Spurs di Belinelli, assieme ai Suns, partono con davvero poche possibilità. Ad Est, invece, si conoscono già sei nomi di squadre qualificate ai playoff: i Bucks corrono per il primo posto assoluto mentre Raptors e Celtic sono secondi e terzi con un buon margine sugli Heat (quarti) e sull’accoppiata Pacers-76ers, con Indiana e Philadelphia che hanno lo stesso record. Al momento in settima posizione c’è Brooklyn con 30 vinte e 34 perse, una sconfitta in meno di Orlando che spera di non arrivare ottava per avere un accoppiamento meno duro ai playoff. In corsa c’è anche Washington ma ai Wizards serve un miracolo, ossia vincere almeno 4 partite in più rispetto ai Magic, con 8 match ancora da giocare. In attesa della prima palla a due e tra mille preoccupazioni per ciò che accade all’interno della bolla, il mondo NBA è pronto a riprendere confidenza con il campo, già ‘masticato’ durante gli ultimi giorni con le amichevoli disputate sul parquet di Orlando.

Facebook
Twitter
Email

Articoli consigliati

Nessun articolo Consigliato