eurolega terza giornata

20ª di Eurolega: solo 4 partite, ma Barcellona-Milano è da cuori forti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Un po’ come in tutte le latitudini del globo, anche nel Vecchio Continente le manifestazioni sportive di ogni livello, hanno molteplici difficoltà a completare le loro giornate se, come l’Eurolega, di dividono in turni che si giocano durante la stagione.

Per la massima kermesse europea di pallacanestro riservata alle squadre europee, l’enunciato di cui sopra non cambia, visto che comincia ad essere pesante il gap tra le partite giocate e quelle che si sarebbero dovute disputare.

La AX Milano, alla luce dei tre match da recuperare, non giocati ai turni 17, 18 e 19, è, insieme allo Zalgiris di Kaunas, la squadra che ha disputato il minor numero di scontri, solo 16, ma un po’ tutte le 18 compagini non hanno preso parte a tutti i 19 turni fin qui, seppur parzialmente, chiusi.

Ma ciò che più importa è che nella giornata di martedì 11 gennaio, l’Armani AX va a Barcellona ad affrontare la prima della classe.

Ecco la nostra analisi.

Barcellona-Armani AX Milano

Rappresenta la rivincita della semifinale dell’anno scorso, quando la squadra di Ettore Messina è andata a un solo tiro dal raggiungimento della finalissima, poi vinta dall’Anadolu.

In questa stagione entrambe le squadre che si affronteranno martedì alle 21,00 al Palau Blaugrana, hanno cominciato alla grandissima, ma, mentre Chacho e compagni si sono persi a fine anno tra infortuni, Covid e partite da dimenticare, il Barcellona ha mantenuto un livello inarrivabile per le altre quadre, arrivando al match contro le “scarpette rosse” con un fantastico record di 15 vinte e 3 perse.

Una di queste tre sconfitte è arrivata lo scorso 4 novembre al Mediolanum Forum, dove, con un finale pazzesco, Milano ebbe la meglio sui catalani per 75-70.

Fu la difesa nei due quarti a cavallo del riposo lungo, a regalare la vittoria alla squadra meneghina, che tenne in quell’occasione Mirotic e compagni a 18 punti in 20 minuti…

Ma quella era un’altra squadra, viaggiava con un record di 7 vinte e una persa e doveva ancora portare a casa un’altra vittoria, quella nettissima contro il Fenerbahce di Djordjevic, prima di incappare in una serie di 4 sconfitte consecutive e ben 5 in 7 partite.

L’ultimo match di Milano è datato addirittura 16 dicembre, quello della cocente sconfitta contro l’altra corazzata della Lega, il Real Madrid.

Adesso i ragazzi di Messina veleggiano con 10 vinte e 6 perse al sesto posto condiviso con il CSKA.

Dal canto suo il Barcellona non ha mai perso in casa nelle 9 partite disputate fin qui e, alla luce del risultato dell’andata, i catalani si presenteranno all’appuntamento con tanto di dente avvelenato.

Va da sé che l’occhio più attento della difesa milanese, sarà posto sul giocatore che viaggia a livelli di MVP e non fa sconti praticamente a nessuno.

Stiamo parlando di Nikola Mirotic, per ora miglior realizzatore della Lega, coi suoi 18 punti a partita o giù di lì, già nominato due volte MVP del mese in questa stagione.

A dargli filo da torcere dovrebbe pensarci Nicolò Melli, che più per il suo apporto offensivo, è chiamato martedì a mettere un freno e limitare il suo omologo.

Le performance offensive dei padroni di casa sono sotto gli occhi di tutti: il Barcellona guida la graduatoria dei punti realizzati, quasi 85 di media a partita, quella della percentuale del tiro da 3 punti, 41%, la percentuale ai tiri liberi, 83,5% e quella degli assist, 19 a partita.

Milano ha poche alternative, se non quella di scendere in campo con la massima concentrazione e mantenere un livello di gioco piuttosto elevato, conservando un numero di palle perse simile a quello che ha fatto riscontrare fin qui, circa 10 a partita e mettendo in campo la difesa di stampo messiniano che ha fin qui regalato tante soddisfazioni.

Un gran numero di rinvii

Anche la giornata numero 20 di Eurolega verrà disputata orfana della caratteristica del completamento, visto che sono già state rinviate a data da destinarsi Zenit-Asvel, Stella Rossa-Real Madrid, Monaco-UNICS, Baskonia-Anadolu e Maccabi-Alba.

Ecco le partite che, per adesso, verranno giocate.

  • 11.01 H.18,45 FENERBAHCE-OLYMPIACOS
  • 11.01 H.20,30 BAYERN MONACO-ZALGIRIS
  • 11.01 H.21,00 BARCELLONA-ARMANI AX
  • 12.01 H.20,00 PANATHINAIKOS-CSKA

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli consigliati

Nessun articolo Consigliato